// stai leggendo...

Cinema

Cuori senza frontiere

Tullio Kezich è nato a Trieste nel 1928. Fin dal 1941 il suo nome appare su “Cinema” e “Film” e nelle rubriche aperte alla collaborazione dei lettori. Il suo esordio giornalistico avviene dopo la Liberazione nel settimanale “Caleidoscopio”, mentre la prima recensione professionale risale al 2 agosto del ’46 per Radio Trieste, di cui resterà critico quotidiano fino ai primi anni ’50, coprendo regolarmente la Mostra di Venezia. Nel 1950 inizia a collaborare a “Sipario” di cui diventerà critico nel ’52 e direttore dal ’71 al ’74. Collabora inoltre alle riviste “Rassegna del film” e “Cinema” e in seguito a “Cinema Nuovo” di cui, nell’aprile del ’53 diviene redattore capo. L’anno successivo diviene critico teatrale di “Settimo Giorno”.
Nell’autunno del 1949 Kezich debutta al cinema come segretario di produzione per il film di Luigi Zampa Cuori senza frontiere, girato sul Carso triestino. Nel 1961, dopo aver partecipato alla lavorazione del film di Ermanno Olmi Il posto, contribuisce a fondare la società “22 dicembre” di cui viene nominato direttore artistico. La società durerà sino al 1965, producendo film quali Una storia milanese di Eriprando Visconti, I basilischi di Lina Wertmüller, I fidanzati di Olmi e L’età del ferro di Roberto Rossellini.
Nel 1969 si trasferisce a Roma presso la direzione generale della Rai, dove contribuisce a produrre film come San Michele aveva un gallo dei Taviani, La rosa rossa e La giacca verde di Franco Giraldi, oltre alla miniserie Sandokan di Sergio Sollima. In campo giornalistico è stato critico cinematografico di “Settimana Incom”, “Panorama” (le schede saranno poi riunite nei volumi intitolati Mille Film), “La Repubblica” e attualmente del “Corriere della Sera” (dal 1994 le recensioni qui apparse vengono raccolte nella serie “Cento Film”, pubblicata da Laterza).
Come drammaturgo esordisce nel 1964 con l’adattamento di La coscienza di Zeno, cui fanno seguito una trentina di spettacoli fra adattamenti, commedie originali e traduzioni.
Fra i titoli più rilevanti Bouvard e Pécuchet, W Bresci, Il fu Mattia Pascal, Un amore. Saltuaria la sua attività di sceneggiatore cinematografico della quale si deve ricordare La leggenda del santo bevitore di Olmi (1988, Leone d’Oro a Venezia).
Numerosi i riconoscimenti ottenuti: il Pirandello Maschere Nude per Il fu Mattia Pascal, il Volterra per la biografia Fellini, l’EuropaCinema, il Flaiano. Si occupa anche di narrativa: suoi i volumi “Il campeggio di Duttogliano” e “L’uomo di sfiducia”. Con la commedia L’americano di San Giacomo appositamente scritta nel 1998 per il regista Francesco Macedonio, Tullio Kezich ha esordito nel teatro in dialetto triestino.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

My Love Affair with Marriage

My Love Affair with Marriage

Love Is Not an Orange

Love Is Not an Orange

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule Poirot alle prese con Vladimir Propp

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule...

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Casomai un’immagine

sir-14 mar-06 mar-19 viv-19 th-68 05 06 kubrick-33 ruz-05 petkovsek_05 petkovsek_20 017 bon_11 bis_II_01 bis_II_02 acau-gal-12 38 tso1big nsoleh1 pudorergb sim3 holy_wood_13 p11 s20 pm-16 galleria03 galleria-01 15 30 Hajnal Németh / Padiglione Ungheria
Privacy Policy Cookie Policy