// stai leggendo...

Cinema

Maurizio Nichetti

Honolulu Baby

Abbiamo intervistato Maurizio Nichetti a Trieste, a margine della rassegna “Filmakers”.

Gianfranco Terzoli (GT): Lei è a Trieste per presentare il suo nuovo film, “Honolulu Baby”. Ci può raccontare brevemente la trama della pellicola?

Maurizio Nichetti (MN): è sempre una storia che parte della realtà, parte da una situazione reale per poi raccontare qualcosa di fantastico, ecco, però sempre legata a una realtà contingente. Per cui mentre in “Ratataplan” questo ingegnere era alle prese con questa assunzione in una multinazionale che non lo prendeva, a distanza di anni si trova con un problema opposto, cioè alle prese con un licenziamento e cerca di non perdere il posto di lavoro.

GT: Quindi anche un po’ lo specchio dei tempi, in un’epoca in cui la disoccupazione resta uno dei problemi sociali più sentiti…

MN: Sì, diciamo che il mercato globale ci mette un po’ a confronto con queste problematiche e l’ingegner Colombo si ritrova al centro di una situazione di questo tipo. Naturalmente, poi, la affronta come affrontava vent’anni fa i problemi della disoccupazione giovanile, alla sua maniera, per cui tutto finisce bene, insomma.

GT: è un film ricco di effetti speciali…

MN: Be’, lo è come lavorazione, nel senso che tutta la post-produzione l’abbiamo fatta in digitale; non lo è come apparenza, perché poi la bellezza di questi effetti speciali è che sono invisibili, o cioè così almeno dovrebbe essere per il grande pubblico, nel senso che non è un film di astronavi, di fantascienza o di mostri, ecco. è un film dove l’effetto speciale di integra con le riprese vere e tutta la virtualità dovrebbe assolutamente passare inosservata.

GT: Una domanda interessata. Come vede il futuro del cinema rispetto al mezzo Internet, se a suo avviso c’è la possibilità che qualche nuovo autore emerga proponendo dei corti su questo mezzo, cioè la rete.

MN: Ma guardi, lei se conosce il problema sa che al momento ci sono delle limitazioni di memoria e di trasmissione delle immagini in movimento, come lunghezza, per cui tutto lo sviluppo dei corti via Internet di 30 secondi, un minuto, un minuto e mezzo dipende proprio dall’impossibilità delle fibre ottiche di mandare situazioni più lunghe. Io credo che questa sia una situazione assolutamente passeggera, cioè nel senso che tra qualche anno si riusciranno a trasmettere anche i lungometraggi via Internet, via rete e questo rivoluzionerà completamente la distribuzione del cinema, ecco. Al momento, ovviamente, ci sono queste sperimentazioni che sono molto interessanti e che vanno guardate con grande attenzione.

GT: Lei non è un grande presenzialista, non capita spesso di vederla in trasmissioni televisive. è una sua scelta, ritengo.

MN: No, no, diciamo che io fortunatamente ho sempre avuto molto da fare e sono sempre — diciamo così — o impegnato in un film da realizzare o occupato in qualche altra attività. Diciamo che le ospitate televisive quando capita di farle per la promozione di un film o finalizzate a qualcosa possono anche andar bene, se no è un lavoro; è un lavoro che per farlo bisogna avere molto tempo libero, ecco.

GT: Mentre lei preferisce impiegarlo dedicandosi alle sue produzioni…

MN: Be’, direi che in questi anni ci sono state talmente tante novità a livello tecnologico, talmente tante cose — pensiamo al DVD, alla Rete, a Internet — che occupano completamente, perché se si vuol rimanere aggiornati diciamo che di tempo ne rimane poco. Al di là del lavoro.

GT: Il cinema in televisione, adesso che ci sono tutte queste tv a pagamento, ha subìto dei danni da questa massiccia offerta, da questo proliferare di tv “on demand”?

MN: Ma guardi, sarei falso se dicessi di no. Diciamo che lo spettacolo cinematografico è andato in crisi con l’avvento della televisione; poi adesso con le televisioni tematiche, con i canali a pagamento, con le offerte di anteprime di pay tv, ovviamente la gente si sta abituando sempre di più a starsene a casa che venire nelle sale.

E’ logico che la televisione abbia creato una crisi dello spettacolo cinematografico in sala e sarà sempre peggio, perché con l’alta definizione, gli schermi piatti, la possibilità di farsi e riprodursi in casa una qualità molto alta, diciamo che lo spettacolo cinematografico verrà sempre di più visto in casa. Questo è un dato di fatto. Possiamo anche rimpiangere romanticamente la vecchia sala però direi che con la polverizzazione delle multisale e tutte le sale da 100 posti che si sono ormai oggi, il grande concetto della sala da seicento-settecento posti che faceva vivere una situazione collettiva è in po’ scomparsa. Per cui, tra andare in una piccola sala e vedere su un piccolo schermo cinematografico un film e guardarselo a casa propria su uno schermo piatto a definizione digitale penso che il futuro sarà più dell’home video che del cinema in sala.

GT: E lei pensa di proseguire il suo lavoro andando in questo senso?

MN: Ma guardi, il cinema è sempre cinema, cioè io lavorerò sempre nelle storie raccontate con le immagini; certo che l’interattività che dà un DVD o una tecnologia di questo tipo è molto stimolante. Probabilmente il futuro sarà pieno di sperimentazioni di questo tipo.

Crediti

Anno: 2000
Data uscita: 23/03/2001
Nazione: Italia
Distribuzione: Mikado
il sito ufficiale del film

Regia: Maurizio Nichetti
Sceneggiatura: Maurizio Nichetti Giovanna Carrassi Richard Clement Haber
Fotografia: Saverio Guarna
Scenografia: Lorenzo Baraldi
Costumi: Donatella Cianchetti
Montaggio: Massimo Germoglio

Leggi: la recensione di  Franco Montini

Guarda: il trailer | l’intervista

CAST

Margherita   Maria de Medeiros
Alberto Colombo   Maurizio Nichetti
Christiane   Jean Rochefort
Marilda   Paulina Galvez
Mariana Aguillera

Trama
Alberto Colombo è un ingegnere petrolifero sposato con Margherita, donna in carriera. La loro vita è monotona, finché un giorno Alberto viene mandato in una missione impossibile all’estero, o meglio a Melancias, un paese sperduto. In realtà Melancias nasconde qualche segreto più o meno gradevole che sarà svelato ad Alberto Colombo da Christiane, unico uomo sopravvissuto in quel luogo ai confini del mondo. Nove mesi trascorre Alberto a Melancias: in nove mesi possono accadere tante cose.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science + Fiction Festival 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science +...

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Casomai un’immagine

pas-11 sir-15 sir-27 mar-35 th-38 kubrick-24 kubrick-50 dobrilovic_01 003 bon_sculture_06 acau-gal-09 22 bra-big-04 patti cip-04 cor03 jg_big_4 holy_wood_04 holy_wood_23 mis2big mis3big-1 pm-31 pm-34 tsu-gal-big-04 tsu-gal-big-13 vivi-06 01 07 Dog Eat Dog Alice