// stai leggendo...

Cinema

Diane Disney

L’uomo dietro il mito

Martina Palaskov Begov (MPB): Dunque, perché il titolo L’uomo dietro il mito; parliamo un po’ dello scopo del documentario e della lavorazione.

Diane Disney Miller (DDM): Abbiamo incominciato ad intervistare le persone che hanno lavorato con mio padre nel dicembre del 1999.Volevamo che le testimonianze fossero di persone che hanno sempre lavorato a stretto contatto con lui. Si trattava del momento giusto poiché sono tutti molto anziani e bisognava approfittare prima che la natura compisse il suo corso. Il primo giorno abbiamo intervistato gli animatori che hanno collaborato con papà; John Grant, Mark Davis, Frank Thomas, Allie Johnson,

Poi abbiamo intervistato Word Kemble, a casa sua., dove si trova il treno che ha dato l’idea a papà di costruirne uno simile per casa nostra… un inizio fantastico… Erano tutti molto commossi dall’idea di fare un documentario su Walt. Pieni d’entusiasmo, si misero a raccontare tutto.

Il motivo per cui ho voluto produrre questo documentario è nato dalla voglia di far vedere veramente com’era mio padre, di dare finalmente una versione veritiera alla sua biografia troppe volte macchiata da bugie e calunnie. Una testimonianza cinematografica, che durerà per sempre e che permetterà a chiunque di vedere com’era il vero Walt Disney.

MPB: Ha mai visto suo padre lavorare, e come si comportava con i suoi collaboratori?

DDM: Non l’ho mai veramente visto lavorare, mio marito era spesso con lui. Ma ho sentito tante storie… belle storie. In generale tutti mi hanno sempre parlato di quanto fosse divertente lavorare al suo fianco. A volte era anche di cattivo umore, ma come tutti del resto. Ricordo che convocava un sacco di riunioni; riunioni per i film d’animazione, per i cartoni animati, per Disney Land… a lui piaceva, non si stancava mai, in fin dei conti si trattava della sua compagnia.

MPB: Alcune fra le sue animazioni più famose sono state tratte da racconti e fiabe di famosissimi scrittori, come La Cenerentola, di Perrault o Pinocchio di Collodi. Come lavorava su questi testi che hai poi trasformato in capolavori per il cinema d’animazione?

DDM: Passava molto tempo a leggere e a cercare una bella storia. Quando poi la trovava, incominciavano subito le riunioni e i diversi gruppi d’animatori si dividevano il lavoro per incominciare l’avventura… Molto spesso la storia veniva cambiata.

Mio padre è stato colpito dalla storia di Biancaneve quando ha visto per la prima volta al cinema il film (Snow White di J.Searle Dawley, del 1916 con Marguerite Clark, n.d.r). Era solito portarsi dietro la sceneggiatura e i libri anche a casa, la sera. Si dedicava molto alla preparazione del film. Lavorava molto sul testo anche mentre stavano girando; si portava sempre dietro il libro per consultarlo sul set. Si dedicava molto anche allo storyboard, pratica cinematografica parzialmente innovata da mio padre e dai suoi collaboratori.

MPB: Crede che le produzioni Disney di oggi abbiano ancora qualcosa in comune con la filosofia di suo padre?

DDM: Assolutamente si. Il dipartimento di animazione alla Disney è solamente più grande e più tecnologico. Ci sono ancora degli ottimi animatori, che curano con passione la storia. Vedete, la storia, l’intreccio, è sempre stato un elemento che mio padre ha considerato molto. La musica, ancora oggi, come allora, è fondamentale. Credo che i film prodotti oggi dalla Disney siano ancora curati nei minimi particolari. Chiaramente la tecnologia ha reso tutto il lavoro più veloce.

MPB: Chi, secondo lei potrebbe essere un degno successore di Walt Disney nel mondo dell’animazione oggi?

DDM: Mi vengono in mente alcune persone come ad esempio, Steven Spielberg, che esercita il suo mestiere così bene, soprattutto per quanto riguarda l’animazione, poi penso a John Lassador, che caratterialmente assomiglia molto a mio padre, oppure qualcuno che non è ancora nato. Fino a quando ci saranno persone che amano il loro lavoro, che amano creare, allora ci sarà sempre qualcuno che ha molto in comune con mio padre. E fino a quando ci sarà un pubblico pronto a guardare ciò che mio padre ha prodotto, la sua opera vivrà per sempre.

MPB: Adesso le faccio una domanda che non riguarda molto l’arte di suo padre ma che ha a che fare con i terribili fatti di cronaca di queste settimane. Secondo lei, come avrebbe reagito suo padre alla distruzione delle Torri Gemelle a New York? E Che tipo di contributo avrebbe dato al suo Stato e al suo pubblico?

DDM: Da un lato sono contenta che mio padre non abbia visto questo disastro; egli credeva nella bontà dell’essere umano, egli credeva che tutti gli esseri umani sono buoni. La sua opera, anche se principalmente indirizzata a bambini, poteva essere vista da chiunque. I suoi film sono un distillato di bontà, e per questo che sono così famosi e resteranno famosi per sempre.

Non so esattamente che cosa avrebbe fatto, ma credo che avrebbe spronato gli americani ad andare a Disney Land o a vedere alcuni dei suoi film. Si sarebbe sforzato per portare allegria, in poche parole. Egli celebrava la bellezza del mondo, della bontà, dell’arte… avrebbe sicuramente invogliato il modo intero a credere ancora in questi ideali.

MPB: Bene, parliamo un po’ della sua occupazione, che non ha niente a che fare con il cinema. Lei produce vini, e adesso si trova in una regione, il Friuli Venezia Giulia, che ha molto a che fare con il vino e la sua produzione…

DDM: Esatto, noi produciamo vino nel Napa Valley, dal 1981.Siamo molto orgogliosi dei nostri vigneti che tra l’alto assomigliano molto ai vigneti che ho visto qui in Italia. Produciamo Cabernet Sauvignon, e alcuni tipi sono gli stessi che vengono prodotti in Friuli come lo Chardonnay, il Sauvignon bianco. Il tutto è nato da una bellissima idea che si è poi trasformata in passione, siamo tutti molto coinvolti e contenti.

MPB: Ultima domanda: qual è il suo film Disney preferito?

DDM: Tutte le vecchie produzioni sicuramente, che vorrei vedere di nuovo sul grande schermo e non in video cassetta. In famiglia tutti adoravano Mary Poppins. Una storia fantastica, un cast eccezionale, bellissima musica; tutte le caratteristiche per essere un capolavoro. Penso che sia proprio questo il film che preferisco.

Abbiamo incontrato l’ospite d’onore di questa ventesima edizione delle Giornate del Cinema Muto, la signora Diane Miller Disney, presente al festival, non solo per celebrare insieme agli ospiti il centenario dalla nascita del padre Walt, ma anche per presentare un documentario (da lei prodotto) sulla vita dell’artista, diretto da Jean Pierre Isbouts. Il documentario, Walt the Man behind the Myth, è stato realizzato dalla Fondazione Walt Disney Family.

Commenti

Un commento a “L’uomo dietro il mito”

  1. desidererei una copia del film in italiano( da acquistare s’intende)
    chi puo’ aiutarmi??
    grazie

    Di guido baiocchi | 20 Febbraio 2013, 11:50

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Casomai un’immagine

bon_sculture_01 Dog Eat Dog 09 galleria-01 08 galleria16 Otrok08 sac_14 01 cip-06 antal1x cas-08 34 piccini_08 bis_V_02 sir-11 bon_15 bon_01 015 000 petkovsek_19 kubrick-44 28 19 17 th-23 pck_06_cervi_big viv-40 viv-36 sir-32
Privacy Policy Cookie Policy