// stai leggendo...

Scrittura

Milo De Angelis

La nostra signora metropolitana

Christian Sinicco (CS): Franco Fortini nel 1976 uscì con un articolo per il supplemento culturale del “Times”, un articolo sui nuovi poeti Maurizio Cucchi, Dario Bellezza, Milo De Angelis. Noi qui abbiamo Milo De Angelis. Qual è stato il tuo rapporto con Franco Fortini, con Dario Bellezza e Maurizio Cucchi?

Milo De Angelis (MDA): Il rapporto con Franco Fortini è stato fondamentale negli anni Settanta quando ho iniziato a scrivere. Sono due i poeti che ritengo maestri, davvero fecondi per la mia modesta vena. Sono Franco Fortini e Piero Bigongiari. Il primo rappresentava l’istanza giuridica, il tribunale: si fermava su ogni scelta, su ogni andare a capo, su ogni rima, su ogni decisione metrica per chiederne ragione in un modo quasi da corte d’appello, come se da quella scelta dipendesse il destino del mondo. Bigongiari è stato invece l’accoglienza, gran signore fiorentino, ospitale, caloroso. Bellezza non l’ho conosciuto, ci siamo visti alcune volte in convegni. Lui aveva scritto una cosa molto bella per il mio esordio nel 1974, molto generosa e piena di slancio e affetto. Però era una persona non facile, selvatica e con la sua chiusura. Ci siamo sempre voluti bene da lontano. Cucchi è un caro amico, un poeta che stimo enormemente. Ci vediamo spesso anche per ragioni calcistiche: abbiamo visto delle partite… Lui è interista e io milanista; abbiamo litigato sul derby famoso del 6 a 0 per il Milan che lui guardava terrorizzato. Tutto qui.

CS: Una domanda sul tuo ultimo libro Dove eravamo già stati. C’è una figura strana, una Nostra Signora: cosa rappresenta?

MDA: è una invocazione ripetuta con delle varianti: Nostra Signora delle nebbie, Nostra Signora del minuto. Nella dispersione metropolitana un punto di riferimento, un approdo, una meta, una minima stabilità nell’equilibrio instabile del camminare per Milano, città particolarmente carica di attriti e sbilanciamenti. Questa signora metropolitana mi accompagnava nelle mie innumerevoli passeggiate milanesi, notturne e diurne.

CS: Hai curato per le edizioni Il ramo d’oro questo bellissimo libro di Paolo Cervi Kervischer. Qual è il rapporto tra poesia e arti visive?

MDA: è una domanda aldilà delle mie umili possibilità di risposta. Posso dire che ho amore per le arti visive e per la pittura di Paolo: è un pittore medianico, capace di visioni notturne, invisibili, sotterranee, esoteriche. Mi piace quella dimensione sia nella poesia che nelle arti visive.

CS: E tra poesia e Internet?

MDA: La poesia non cambia: cambiare è peccato dicono i siciliani. La poesia non cambia e né il telefono, né la macchina da scrivere, né internet possono moltiplicarne l’essenza.

CS: Te la ricordi una poesia?

MDA: Non mia però. Non ricordo nulla di ciò che ho scritto. Posso citare una poesia di un grande maestro, Mario Luzi, che è presente in questo libro: Amore difficile da dare, difficile da accogliere. Se osa sente il freddo della serpe ma se non osa volge di età in età, di vita in vita.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Casomai un’immagine

sir-18 pck_09_cervi_big th-60 kubrick-33 dobrilovic_07 014 bon_14 b acau-gal-15 39 tso3big cholmo1 cip-03 cor06 tav4 holy_wood_02 holy_wood_04 holy_wood_24 heater mis2big 05 sla-gal-4 esplosa-06 esplosa-07 vivi-03 wendygall-09 32 Face 3 DC, 2011 A. Guerzoni Oggetti, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni
Privacy Policy Cookie Policy