// stai leggendo...

Cinema

Anna Falchi

Anna Falchi, giurata di “Maremetraggio”

Riccardo Visintin (RV): è una serata triestina di quelle calde, siamo in compagnia di una presenza piacevole e simpatica, Anna Falchi…

Anna Falchi (AF): … E calda, perché no, scusa, eh….

RV: Anna Falchi che è a Trieste in una veste particolare, quella di giurata, una bella giurata, e quindi le chiediamo — visto che lei è un’attrice abituata ad esperienze artistiche di un certo tipo, davanti alla macchina da presa, poi magari ci saranno anche degli sviluppi che lei ci racconterà — come si sente piuttosto in questa nuova veste.

AF: Giuro che mi sento una giurata… Mi piace l’idea di essere stata chiamata qui (al festival “Maremetraggio”, ndr), perché vuol dire che dieci anni di carriera hanno lasciato un segno, qualcosa forse più di una che inizia adesso intendo. Sono qui anche alla ricerca di giovani talenti, di giovani registi con cui magari collaborare. Mi piacerebbe inoltre realizzare un “corto”, questo sarebbe un sogno nel cassetto, perché dopo tanti anni appunto di fronte alla macchina da presa, perché non dietro?… Aiutata, naturalmente…

RV: Senti Anna, tu sei un po’ ad una svolta della tua carriera, lo abbiamo anche letto, una carriera ricca di esperienze, ed è comunque inutile ricostruire tutto il tuo curriculum, perché hai fatto tanti film. Anche stamattina qualcuno mi ricordava la tua bellezza “magnetica” nei film di Soavi e Bava, poi hai lavorato con i Vanzina, però ci siamo informati e sappiamo che c’è stata in te una maturazione (come in tutti), e tale maturazione passa anche attraverso un nuovo film, “Operazione Rosmarino”, che in qualche modo ti coinvolge in maniera diversa, ce ne vuoi parlare in “pillole”?

Anna Falchi con Marco Della Noce in Operazione RosmarinoAF: Mah, diciamo che dopo due anni di teatro mi sono cimentata con un ruolo brillante — di “Susanna tutta panna” in quel caso — e questa esperienza mi ha portato una maggiore sicurezza, perché credevo di non essere capace di far ridere. Magari nella vita ci riesco, l’intento è più difficile davanti alla macchina da presa, e questi due anni mi hanno aiutato ad affrontare meglio questo ruolo comico ,e spero sia l’inizio di una carriera brillante.

RV: Senti, ho sentito prima, e mi ha fatto molto piacere “da triestino”, di questo tuo rapporto con Svevo…

AF: Ah, come no, so tutto praticamente di lui, solo che ci sono rimasta un po’ male perché oggi mi hanno regalato un libro su Trieste, che parlava anche dei monumenti, e non si accennava ad Italo Svevo, forse non è molto amato da voi triestini…

RV: Guarda Anna, questo lo mettiamo come argomento di critica nel “forum” di Fucine Mute…

AF: Ho chiesto anche di vedere la scuola dove Svevo ha insegnato, dove tra l’altro ha lavorato in età matura, cioè la “Pasquale Revoltella”, e mi sono incuriosita invece proprio su Pasquale Rivoltella, tra l’altro uomo d’affari di grande importanza.

RV: Poi se ho ben capito hai fatto anche un esame su Svevo, che è andato a gonfie vele…

AF: Sì, ho preso il massimo dei voti, e dopo tanti anni che non avevo contatti con i professori avevo una fifa clamorosa, però bisogna sempre dimostrare sicurezza.

Anna Falchi con Fabio Testi in una scena dello spettacolo teatrale Se devi dire una bugia dilla grossa

RV: Senti, noi ti ringraziamo, e visto che ci occupiamo anche di teatro, me lo hai accennato tu prima, due anni in tournee con uno spettacolo molto importante…

AF: Con un regista triestino che è Pietro Garinei, tra l’altro…

RV: Questo mi era sfuggito, comunque lo spettacolo è “Se devi dire una bugia dilla grossa”, due anni con Fabio Testi dove abbiamo scoperto una Anna Falchi comica, spumeggiante ed autoironica, se ne è parlato entusiasticamente anche da parte della critica più severa.

AF: Come no, finalmente ho avuto delle critiche positive, veramente positive, non le ho attaccate al muro ma poco ci mancava, per cui da lì voglio ripartire, insomma, mai peggiorare e tornare indietro, ma migliorarsi…

RV: Ti ringraziamo ancora, se vuoi fare un saluto…

AF: Certo, abbraccio tutti…un grande abbraccio ed un saluto….

Il cast di Se devi dire una bugia dilla grossa

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’Italia è tutta una Brancalonia

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Casomai un’immagine

pas-13 mar-17 mar-22 mar-39 viv-29 pck_03_cervi_big th-41 th-74 03 kubrick-15 kubrick-81 ruz-09 007 bis_I_01 o acau-gal-05 07 25 cas-13 cor08 p13 sac_09 sac_11 pm-07 pm-39 pugh-06 esplosa-06 tsu-gal-big-13 13 refused-41