// stai leggendo...

Cinema

Il mio mondo personale – Prima Parte: Elogio alla Follia

Il mio mondo personale
Prima Parte: Elogio alla Follia


Regia: Daniele Carrè
Produzione: Utopia, Italia 2000
Sceneggiatura: Daniele Carrè
Personaggi e InterpretI: voice-off di Daniele Carrè
Formato: Mini-DV
Durata: 3′
Festival e Premi: VideoKids 2000 di Udine, primo premio, dicembre 2000; Officina Italia di Ferrara, primo premio, gennaio 2001; 2° concorso Corti da Sogni di Ravenna, secondo premio, categoria “Cortissimi”, maggio 2001; V Video time 5 minuti di Bergamo, menzione, maggio 2001; I Cortopotere di Bergamo, premio del pubblico, giugno 2001; Yasujiro Ozu di Sassuolo (MO), premio speciale della giuria, giugno 2001.


Daniele Carrè utilizza l’immagine per dar voce a quelle che normalmente sono considerazioni che si fanno all’interno della psiche personale. Il breve corto esula dalla tipica diegesi filmica dei racconti per immagini. Non abbiamo un protagonista, un intreccio, un climax e un finale. Non esistono interpreti e non c’è una storia d’amore. Il Mio Mondo Personale si sviluppa attraverso due racconti in parallelo; quello vocale-narrativo con la “voice-off” del narratore (Daniele Carrè) e quello per immagini che comprende visioni lampo velocizzate di un paesaggio contemporaneo, urbano, commerciale. “L’elogio alla follia” (specificato come sottotitolo dell’opera) è uno sfogo, un’invettiva furiosa contro le incongruenze della società contemporanea. Una considerazione che sottolinea tutte le peculiarità di una generazione x, oramai y, o forse z… la nostra (ndr Martina Palaskov, anno 1978).
Nel breve discorso che accompagna le immagini della periferia trevigiana, l’autore cita la pena di morte negli Stati Uniti, i cartoni animati nipponici, che hanno sfamato l’immaginazione e forgiato l’infanzia di migliaia di adolescenti italiani, racconta di una sua personale esperienza all’interno del famigerato mondo dei videogame e di quante ore ha passato davanti a uno schermo per combattere e distruggere nemici creati apposta per il gioco Double Dragon (“…Credo di essere stato l’unico sulla faccia della terra a riuscire a finirlo con un gettone”).
Un nuovo modo di esprimere il disagio che accompagna da sempre le realtà giovanili e artistiche di tutte le società umane. Daniele impugna la sua mini-dv, filma e attacca. Simile lo sviluppo del corto successivo Vivere e Morire a Nord-Est, girato a Venezia, che si conclude anch’esso tra gli scaffali di un centro commerciale. Carrè afferma: “Vaffanculo a quei perbenisti che sanno sempre quello che è giusto e quello che è sbagliato e vaffanculo a quelli che ogni volta dicono che è colpa di questo mondo così crudele. Perché non è vero un cazzo”.
Ora ci aspettiamo che l’autore sviluppi questa metodologia artistica ed intellettuale, augurandogli di produrre materiale non troppo “autoreferenziale”.


Filmografia del regista: Daniele Carrè (Conegliano, 1977) ha realizzato i suoi primi corti nel 1997; Zer, Due, Trip. Nel 1999 gira In un Mondo che e La Vita è un treno, nel 2000 il corto Il mio Mondo Personale, nel 2001 Vivere e Morire a Nordest e Acido Lucido. Nel 2002 gira il corto a cui è più affezionato, Improvvisazioni di un Artista fallito. Alcune fra le sue opere sono inoltre trasmesse dal sito www.cortoweb.it


Fonte: Daniele Carrè

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Casomai un’immagine

sir-12 pck_24_cervi_big th-28 th-43 th-76 16_pm kubrick-12 kubrick-78 petkovsek_05 006 malleus_07 bis_IV_01 bis_IV_03 acau-gal-18 n lortv-05 s2 Otrok06 pm-39 galleria22 galleria-01 galleria-03 07 29 31 36 pugh-09 tsu-gal-big-07 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia the-afghan-whigs-1