// stai leggendo...

Cinema

Lo spazio nella narrazione cinematografica. Tra “Sentieri selvaggi” e “Il pozzo e il pendolo”

Lo spazio nella narrazione cinematografica tra “Sentieri selvaggi “e “Il pozzo e il pendolo”.
Sembra una riduzione eccessiva voler interpretare la fantascienza come un sottogenere del western, ma a livello di produzione bassa l’equazione è nota da sempre. Basta citare “Luna Zero Due” sceneggiato da un produttore che vi ha sempre fatto l’occhiolino come Michael Carreras; o il progetto a lungo accarezzato da Margheriti di mettere in scena una versione SF di “Ombre rosse”; o nella letteratura bassa un gioiello come “Le piantagioni di Venere” di John Bree (Gianfranco Briatore),Cosmo 25 (1959).Del resto, western e fantascienza hanno entrambi lo stesso rapporto nei confronti dello spazio: non lo usano. Un film emblematico di questo non-utilizzo dello spazio è “Sentieri selvaggi”. Non è un caso che alla nascita della rivista “Il falcone maltese”, Enrico Ghezzi avesse proposto come titolo/messaggio proprio “Sentieri Selvaggi” e che il suo discorso sul cinema sia una traiettoria browniana, ellittica, tangenziale. Un rapporto analogo a quello di Ethan con la propria casa. Abbiamo qui (in Ford come nella fantascienza)una visione precisa di un discorso cinematografico, un preciso utilizzo narrativo dello spazio: lo spazio è visto solo come luogo della narrazione, come luogo dove ambientare gli avvenimenti e gli incontri, un luogo, insomma, destrutturato. A questa visione fordiana dello spazio bisogna contrapporre, sempre all’interno del western, l’utilizzo effettuatone da Howard Hawks. L’analisi critica più fine dello spazio hawksiano è sicuramente la sequenza centrale di “Il signore del male”: il ragazzo cinese circondato dalle ragazze del demonio, circondate dagli altri scienziati, circondati dai barboni. E non è un caso che in questo film Carpenter firmi la sceneggiatura con lo pseudonimo Martin Quatermass, in un preciso riferimento (ed il film in un certo senso ne è un voluto remake) de “L’astronave degli esseri perduti”, un film (ed un regista)che condividono con Carpenter ed Hawks la stessa lettura dello spazio. La conclusione di entrambe le versioni (ma soprattutto in quella di Roy Ward Baker) è esplicita: esiste una tensione magnetica/elettrica ed è su questa tensione che si regge la tensione del racconto e il “the end” può essere realizzato solo come corto circuito. Allo stesso modo, la scena citata non è altro che la raffigurazione esplicita di matrioske di scatole di potenziale. E proprio in questa chiave elettromagnetica che Carpenter offre una esplicita lettura critica degli western di Hawks: “Rio Bravo” e “El Dorado” ma soprattutto “Rio Lobo” sono western “di interno” girati all’interno di una prigione intorno alla quale si svolge tutto l’avvenimento e dalla quale sono attratti tutti i personaggi. Esiste, insomma, una precisa complementarità nell’uso dello spazio come elemento narrativo tra Ford ed Hawks, tra Ethan e Cord, tra “Sentieri Selvaggi “e “Rio Lobo”…tra la fantascienza e l’horror.
Teo Mora



Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Casomai un’immagine

pas-01 sir-19 mar-13 viv-32 pck_02_cervi_big pck_24_cervi_big th-10 th-28 th-57 28_pm kubrick-10 thole-14 deck73 petkovsek_08 bon_sculture_03 bon_sculture_11 malleus_09 acau-gal-06 13 15 sac_06 sac_10 sac_14 pm-02 pm-27 10 13 34 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia Katharina Fritsch
Privacy Policy Cookie Policy