// stai leggendo...

Musica

Enzo Jannacci

Della televisione e di altri mali

Immagine articolo Fucine Mute“Ho perso l’occasione di essere una persona normale”. È questo il primo rimpianto che viene in mente a Enzo Jannacci. Medico, cabarettista, cantante: tante etichette per questo milanese quasi settantenne che da moltissimi anni — e con invidiabile coerenza intellettuale — calca i palcoscenici d’Italia con la sua musica, il suo inconfondibile stile e le sue contraddizioni. Ironico e sopra le righe per un verso, rigoroso e burbero dall’altro, Jannacci ha lavorato e collaborato con molti artisti di prestigio, su tutti Dario Fo. “Lo sapevo da anni che Dario avrebbe vinto il Nobel”, sottolinea il cantante rivendicando il proprio intuito e la lungimiranza nel considerarne il valore. Ma una forte amicizia l’ha legato anche a Giorgio Gaber, di cui ancora fa fatica a parlare.

La carriera musicale di Jannacci è stata anche contrassegnata da repentini abbandoni, con un lungo periodo in America per esercitare la professione di cardio-chirurgo. Ma il suo amore per la musica non si è mai interrotto e nel 2001, dopo circa tre anni di lavoro continuativo e dopo sette anni di assenza dalle scene, Jannacci ha proposto al pubblico il suo ultimo lavoro di studio (“Come gli aeroplani”) con brani, quasi tutti inediti, di enorme impatto emotivo e sociale.
Nell’ultimo periodo, Jannacci è quindi tornato al Jazz, vecchio amore incontrato nei primi anni della sua adolescenza musicale. Proprio con un concerto di questo genere Jannacci ha fatto tappa a Trieste in occasione della serata finale della manifestazione “Barcolana”, precedendo sul palcoscenico il suo collega Lucio Dalla.

Da sempre acuto osservatore della realtà politica, Jannacci può sicuramente testimoniare il cambiamento anche da parte degli spettatori…

Giorgia Gelsi (GG): Da tanti anni sulle scene, come ha visto cambiare in questo periodo il pubblico italiano?

Enzo Jannacci (EJ): Nel modo in cui è cambiato il mondo della cultura italiana sottomessa alla macchina, all’elettrodomestico chiamato televisore che, insieme ad altri elettrodomestici, come la lavatrice, vanno programmati.

La televisione, invece, sta programmando noi! Prima c’erano programmi di registi prestigiosi, o film interessanti, poi c’è stato l’editto bulgaro di Berlusconi che ha cancellato Biagi, Luttazzi e i loro programmi. C’è una RAI e una televisione che — lo sanno tutti — è in mano a una persona sola: lo hanno votato e continueranno a votarlo. Quindi c’è una sottocultura che è sempre in crescendo: le persone mutano e si cristallizzano davanti a delle immagini. Tra un po’ rimarranno vicino allo schermo e non so chi parlerà di più: quello che si è marmorizzato davanti a un imbecille che trasforma la pasta in riso e il riso in pasta? C’è già uno che ha trasformato l’acqua in vino, si chiama Nazareno, e non bastava? Dopo aver trasformato la pasta in riso, in cosa la trasformeremo, in prugne?

GG: In questo panorama non pensa che ci sarebbe bisogno di persone come lei che hanno avuto e hanno il coraggio di dire certe cose? Chi vede al momento?

EJ: Guarda che ce ne sono…

GG: Chi segnala?

EJ: Antonio Albanese, Paolo Rossi, Dario Fo, Beppe Grillo, Marco Paolini, Diego Abatantuono, Bebo Storti, vado avanti?

GG: Che cos’è l’ironia per lei?

EJ: L’ironia? Divertimento… Più o meno utile al successo, se uno la sa far bene!

Immagine articolo Fucine Mute

Enzo Jannacci ci appare stanco, oltre alla cadenza notoriamente lamentevole e beffarda che lo contraddistingue. Chissà, forse il suo rimpianto, oltre a quello di non aver avuto la possibilità una persona “normale”, riguarda anche la scelta di restare a fare musica qui in Italia. Non per niente, Jannacci cita Paolo Conte, unico esempio di “chi ha capito” che, in campo musicale (e non solo…), per essere apprezzati bisogna migrare all’estero.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Casomai un’immagine

pas-15 viv-20 th-09 th-52 13 28 14_pm 18_pm thole-05 thole-11 ruz-02 ruz-10 002 bon_sculture_10 bis_I_03 acau-gal-16 acau-gal-20 22 23 ferita1 01 holy_wood_20 s11 s15 sac_09 Otrok18 murphy-30 galleria20 10 Ritrovamento oltremare 2009