// stai leggendo...

Scrittura

Alfred Kolleritsch

La non-ideologia in Austria

Avanguardie apolitiche

Immagine articolo Fucine MuteUna parte importante nel rinnovamento della cultura e della letteratura austriache della seconda metà del novecento è legata alla rivista Manuskripte di Graz e all’opera infaticabile di Alfred Kolleritsch , direttore della rivista ma anche romanziere e poeta, a torto forse ancora conosciuto in Italia solo da un pubblico ristretto. Kolleritisch, che è nato nel 1931 a Brunnsee in Stiria, è stato uno dei protagonisti dell’avanguardia artistica austriaca, in particolare con il suo primo romanzo, tradotto anche in Italia, Die Pfirsichtoter. Sesimographischer Roman. (Gli ammazzapeschi. Romanzo sismografico. Marsilio, 1995), satira pungente contro l’immobilismo di una società ancora quasi feudale come quella austriaca degli anni sessanta, ma sulle pagine di Manuskripte si è anche rivelata una generazione di scrittori come Peter Handke, Barbara Frischmuth, Wolfang Bauer e la stessa Elfriede Jelinek, di cui molti ricorderanno la trasposizione cinematografica de La pianista. Recentissima, infine, la pubblicazione da parte di Anterem dell’ultima raccolta di liriche La somma dei giorni (Die Somme des Tages), tradotta splendidamente da Riccarda Novello, e presentata a Milano nei giorni scorsi. Di passaggio a Trieste prima di raggiungere Milano abbiamo potuto incontrare lo scrittore austriaco, e fargli qualche domanda innanzitutto su Manuskripte, una rivista, fra l’altro, che nel 2000 ha raggiunto i quarant’anni di vita.

Roberto Dedenaro (RD): Com’è nata Muniskripte quali erano i suoi obiettivi, all’inizio?

Alfred Kolleritsch (AK): Nel 1960, a Graz, si era progettata la ristrutturazione di un caffè nel parco cittadino, si creò allora un movimento di artisti per salvare quel caffè. Si riprodussero delle poesie, in quell’occasione e si distribuirono e così il primo quaderno di quella che sarà la futura rivista, che è nato come un’emanazione del Forum del parco cittadino, oggi non è più così. Sin dall’inizio ci fu una grossa attenzione per quello che facevamo, qualcuno parlò del miracolo di Graz, non c’era, infatti, nessuna tradizione letteraria a Graz che accogliesse l’avanguardia e noi volevamo crearne una fondamentalmente, senza intenzioni né politiche, né ideologiche, ma contro la tradizione della letteratura dell’Heimat. C’erano autori non solo di Graz, ma anche viennesi e tedeschi, le case editrici hanno cominciato a prestare molta attenzione a quello che si scriveva su Manuskripte. Voglio ricordare anche autori italiani come Gianni Celati e Giorgio Agamben, che vollero farsi pubblicare. Le nostre intenzioni erano di far incontrare gli autori fra di loro e creare dei punti di confronto, furono organizzati degli importanti convegni internazionali, a cui partecipò, fra gli altri Susan Sontag.

RD: Più tardi, nel corso degli anni lei ha abbandonato gli accenti più sperimentali per una scrittura più tradizionale, per quale motivo?

AK: All’inizio la poesia sperimentale è una provocazione, in un secondo momento capimmo, non solo io, che non era più necessario provocare, la reazione era stata ottenuta. Comunque ripensando a certi autori, come Handke, Jelinek e Peter Turrini ad esempio, possiamo notare come la provocazione sia una necessità che si pone di continuo.

RD: Qual è allora, il rapporto fra poesia e realtà, quali i riferimenti della sua poesia?

AK: La mia poesia la definirei ispirata da un’apertura al molteplice e dalla volontà di comprendere gli altri, una poesia più interiore che fa propria una riflessione presocratica: amo molto Eraclito, poi c’è anche Heidegger. Attualmente, direi, è importante che la realtà non distrugga la letteratura, c’è bisogno non necessariamente di cambiare ma di scegliere una ricezione diversa delle identità, spiegare la realtà, leggere fra le tracce, una concezione più flessibile della realtà e della letteratura. Nella mia poesia la cosa più importante è il ritmo, la mia è una poesia fenomenologica; la poesia tutta è d’altronde un modo di percepire la realtà, che ha un’esistenza autonoma.

RD: E per ultimo, quali sono i nuovi autori?

AK: Così sul momento, farei i nomi di Peter Waterhause, Marcel Bayer, Michael Donhauser, ma le cose sono in rapida evoluzione.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science + Fiction Festival 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science +...

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Casomai un’immagine

sir-02 mar-16 pck_15_cervi_big pck_20_cervi_big th-39 th-56 th-57 th-75 01 19 petkovsek_12 015 malleus_06 mccarroll03 solo1 cor12 cammello2 p12 Otrok50 murphy-35 galleria02 galleria09 02 33 esplosa-07 wendygall-03 wendygall-05 02 27 Archi-star 2011
Privacy Policy Cookie Policy