// stai leggendo...

Musica

Faun

Lichtbilder

I Faun sono un’emergente realtà tedesca nell’ambito della scena gotica, più precisamente in quel sottogenere etnico e folk ispirato dai lavori dei Dead Can Dance. Come si evince da alcune roboanti affermazioni qui sotto pubblicate, i ragazzi hanno atteggiamenti e si presentano visivamente come dei mistici usciti da qualche film fantasy, ma fortunatamente dal punto di vista musicale riescono a evitare pacchianerie e ri-creano — senza pretese filologiche — atmosfere medievali e romantiche e non disdegnano né l’utilizzo della tecnologia né l’aggiunta di ritmiche più moderne e dance. L’occasione di quest’intervista con Oliver Pade (voce maschile del gruppo e polistrumentista), nasce in occasione dell’uscita del DVD “Lichtbilder”, un prodotto tecnicamente ineccepibile e ricco di contenuti che aiutano a prendere confindenza non solo con la musica del gruppo, ma anche col loro “mondo”. Da poco è uscito anche il nuovo album “Renaissance”, che prosegue il cammino dei primi due.

Immagine articolo Fucine MuteFabrizio Garau (FG): Per favore presenta la band ai nostri lettori.

Oliver Pade (OP): Noi fondiamo antichi strumenti medievali con la moderna musica elettronica. L’elettronica è basata su sample dei nostri strumenti, così sembra che ci sia un’orchestra a suonare tamburi e percussioni e altri strumenti in maniera ipnotica e minimale. Su questo paesaggio sonoro due voci femminili e una maschile cantano principalmente di vecchie storie medievali o di nostri testi che spesso hanno a che fare con il paganesimo e la natura.

FG: Il vostro stile musicale particolare richiede strumenti particolari: ne puoi menzionare (e descrivere) qualcuno?

OP: Per esempio Nyckelharpa (violino svedese), Hurdy-gurdy, Selje floit (flauto svedese ipertono), cornamuse, arpa celtica.

FG: Qual è il vostro background musicale? Come siete entrati in contatto con il folk e la musica tradizionale?

OP: Attraverso una più profonda conoscenza di noi stessi. La musica vuole parlare attraverso noi.

FG: Percepite alcune band come vicine al vostro stile? Le band che ritengo simili a voi spesso nelle loro interviste menzionano i Dead Can Dance, non proprio come una loro influenza, ma più come una sorta di pionieri del genere.

OP: Sì, siamo spesso paragonati ai Dead Can Dance. Li apprezziamo molto, ma noi stiamo seguendo il nostro stile. Come abbiamo sempre fatto. Anche nella scena medievale tedesca siamo molto speciali, perché abbiamo questo suono mistico e l’influenza “heavenly voices” e non solo cornamuse o tamburi come un sacco di altre band.

Immagine articolo Fucine Mute

FG: Se pensiamo ai Faun, pensiamo alla musica medievale, ma si può parlare di musica “medievale”? Ha un senso? Cosa ne sappiamo realmente?

OP: È impossibile creare veramente musica medievale al giorno d’oggi, perché gli ascoltatori non hanno più orecchie medievali. Proprio per questo noi utilizziamo sonorità medievali senza voler essere autenticamente medievali, ma solo per ricreare antichi paesaggi.

FG: Il DVD è grandioso, pieno di contenuti e i live shows sono splendidamente documentati. Cosa puoi raccontarmi a proposito di questa uscita?

OP: I Faun non sono solo musica, abbiamo qualcosa da dire e vogliamo che la gente condivida i nostri sentimenti e i nostri messaggi. Per questo è fantastico permettere alle persone di avere uno sguardo più ravvicinato su ciò che facciamo e sul perché lo facciamo. Per ottenere questo il DVD è il metodo migliore.

FG: Sembrate molto sicuri di voi stessi quando vi esibite. Quanto è importante per voi suonare dal vivo?

OP: Molto, perché bisogna fare musica insieme a chi ti ascolta. Anche coi migliori stereo e impianti hi-fi ci saranno sempre concerti, perché questa musica è decisamente da condividere con gli ascoltatori.

Immagine articolo Fucine MuteFG: Possiamo anche vedere due video-clip (Isis e Egil Saga): ci sono semplicemente i Faun e la natura. Qual è il vostro rapporto con la natura? I paesaggi urbani sono qualcosa di alienante per voi?

OP: La natura è noi. Col punto di vista giusto non ci sono paesaggi urbani. Solo alcune rocce con la natura intorno.

FG: Perché avete deciso di rappresentare attraverso immagini Isis e Egil Saga? Puoi raccontare qualcosa di queste due canzoni?

OP: Ci piace raccontare alle persone che il mondo è pieno di magia. Nella vita di ogni giorno, specie nelle foreste o, come in Isis, nella neve sugli alberi si può trovare quella magia che incanta la tua vita. Bisogna solo tenere gli occhi aperti. Raccontare tutto questo è parte del nostro destino.

FG: La vostra popolarità sta aumentando. Vi interessa? Quali sono i vostri traguardi?

OP: Ci piace raggiungere più persone, perché ci piace diffondere il messaggio che ci è stato consegnato. Speriamo di suonare di più all’estero, perché tutti noi amiamo viaggiare ed entrare in contatto con culture differenti.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Casomai un’immagine

cor04 jingler strip2 33 02 tsu-gal-big-08 esplosa-07 esplosa-04 36 32 03 galleria-01 murphy-08 sac_01 p6 cor11 pas-20 busdon-16 acau-gal-03 bis_III_01 malleus_02 bon_07 ruz-07 htwooh thole-04 kubrick-53 24 09 mar-43 mar-34 sir-39
Privacy Policy Cookie Policy