// stai leggendo...

Musica

Faun

Lichtbilder

I Faun sono un’emergente realtà tedesca nell’ambito della scena gotica, più precisamente in quel sottogenere etnico e folk ispirato dai lavori dei Dead Can Dance. Come si evince da alcune roboanti affermazioni qui sotto pubblicate, i ragazzi hanno atteggiamenti e si presentano visivamente come dei mistici usciti da qualche film fantasy, ma fortunatamente dal punto di vista musicale riescono a evitare pacchianerie e ri-creano — senza pretese filologiche — atmosfere medievali e romantiche e non disdegnano né l’utilizzo della tecnologia né l’aggiunta di ritmiche più moderne e dance. L’occasione di quest’intervista con Oliver Pade (voce maschile del gruppo e polistrumentista), nasce in occasione dell’uscita del DVD “Lichtbilder”, un prodotto tecnicamente ineccepibile e ricco di contenuti che aiutano a prendere confindenza non solo con la musica del gruppo, ma anche col loro “mondo”. Da poco è uscito anche il nuovo album “Renaissance”, che prosegue il cammino dei primi due.

Immagine articolo Fucine MuteFabrizio Garau (FG): Per favore presenta la band ai nostri lettori.

Oliver Pade (OP): Noi fondiamo antichi strumenti medievali con la moderna musica elettronica. L’elettronica è basata su sample dei nostri strumenti, così sembra che ci sia un’orchestra a suonare tamburi e percussioni e altri strumenti in maniera ipnotica e minimale. Su questo paesaggio sonoro due voci femminili e una maschile cantano principalmente di vecchie storie medievali o di nostri testi che spesso hanno a che fare con il paganesimo e la natura.

FG: Il vostro stile musicale particolare richiede strumenti particolari: ne puoi menzionare (e descrivere) qualcuno?

OP: Per esempio Nyckelharpa (violino svedese), Hurdy-gurdy, Selje floit (flauto svedese ipertono), cornamuse, arpa celtica.

FG: Qual è il vostro background musicale? Come siete entrati in contatto con il folk e la musica tradizionale?

OP: Attraverso una più profonda conoscenza di noi stessi. La musica vuole parlare attraverso noi.

FG: Percepite alcune band come vicine al vostro stile? Le band che ritengo simili a voi spesso nelle loro interviste menzionano i Dead Can Dance, non proprio come una loro influenza, ma più come una sorta di pionieri del genere.

OP: Sì, siamo spesso paragonati ai Dead Can Dance. Li apprezziamo molto, ma noi stiamo seguendo il nostro stile. Come abbiamo sempre fatto. Anche nella scena medievale tedesca siamo molto speciali, perché abbiamo questo suono mistico e l’influenza “heavenly voices” e non solo cornamuse o tamburi come un sacco di altre band.

Immagine articolo Fucine Mute

FG: Se pensiamo ai Faun, pensiamo alla musica medievale, ma si può parlare di musica “medievale”? Ha un senso? Cosa ne sappiamo realmente?

OP: È impossibile creare veramente musica medievale al giorno d’oggi, perché gli ascoltatori non hanno più orecchie medievali. Proprio per questo noi utilizziamo sonorità medievali senza voler essere autenticamente medievali, ma solo per ricreare antichi paesaggi.

FG: Il DVD è grandioso, pieno di contenuti e i live shows sono splendidamente documentati. Cosa puoi raccontarmi a proposito di questa uscita?

OP: I Faun non sono solo musica, abbiamo qualcosa da dire e vogliamo che la gente condivida i nostri sentimenti e i nostri messaggi. Per questo è fantastico permettere alle persone di avere uno sguardo più ravvicinato su ciò che facciamo e sul perché lo facciamo. Per ottenere questo il DVD è il metodo migliore.

FG: Sembrate molto sicuri di voi stessi quando vi esibite. Quanto è importante per voi suonare dal vivo?

OP: Molto, perché bisogna fare musica insieme a chi ti ascolta. Anche coi migliori stereo e impianti hi-fi ci saranno sempre concerti, perché questa musica è decisamente da condividere con gli ascoltatori.

Immagine articolo Fucine MuteFG: Possiamo anche vedere due video-clip (Isis e Egil Saga): ci sono semplicemente i Faun e la natura. Qual è il vostro rapporto con la natura? I paesaggi urbani sono qualcosa di alienante per voi?

OP: La natura è noi. Col punto di vista giusto non ci sono paesaggi urbani. Solo alcune rocce con la natura intorno.

FG: Perché avete deciso di rappresentare attraverso immagini Isis e Egil Saga? Puoi raccontare qualcosa di queste due canzoni?

OP: Ci piace raccontare alle persone che il mondo è pieno di magia. Nella vita di ogni giorno, specie nelle foreste o, come in Isis, nella neve sugli alberi si può trovare quella magia che incanta la tua vita. Bisogna solo tenere gli occhi aperti. Raccontare tutto questo è parte del nostro destino.

FG: La vostra popolarità sta aumentando. Vi interessa? Quali sono i vostri traguardi?

OP: Ci piace raggiungere più persone, perché ci piace diffondere il messaggio che ci è stato consegnato. Speriamo di suonare di più all’estero, perché tutti noi amiamo viaggiare ed entrare in contatto con culture differenti.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule Poirot alle prese con Vladimir Propp

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule...

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Casomai un’immagine

pas-16 sir-34 mar-33 viv-12 viv-24 02 16 27 kubrick-4 kubrick-8 dobrilovic_04 015 bon_06 bon_10 bis_IV_03 piccini_09 piccini_14 bav-08 dark ferita2 04-garcia murphy-31 galleria-01 30 26 Dog Eat Dog Face 1 Woman 2 Bolle di vetro, 1939 Carol Rama Eros 4, 2011 A. Guerzoni
Privacy Policy Cookie Policy