// stai leggendo...

Palcoscenico

Certe Notti

Una scena dello spettacolo L’idea di muovere i ballerini di Arteballetto, la principale compagnia di produzione e distribuzione di spettacoli di danza in Italia, sulle melodie di Ligabue ha conquistato lo stesso cantautore. L’artista si è dichiarato affascinato dal dialogo messo in scena fra le sue canzoni, anima e corpo grazie alla creatività espressiva di un grande coreografo quale Mauro Bigonzetti. Lo spettacolo prende ispirazione proprio dalla notte, evocata dal celebre brano che dà il titolo al progetto, e tratta i temi cari al cantante con la stessa semplicità e capacità di penetrazione delle sue parole. La coesione dell’allestimento prende forma grazie al tema dell’amore: un amore che sboccia, che si trasforma, che fa soffrire, un amore universale che non si esaurisce nel rapporto tra uomo e donna ma che accompagna l’individuo  nell’arco della sua intera esistenza.Si tratta di apprezzare ogni più piccolo dettaglio del mondo, di gioire di ciò che ci circonda, insomma di esplorare l’amore per la vita che, nonostante tutte le difficoltà, ci regala continue emozioni.

Certe Notti ben riproduce il rapporto tra singolo e società che Ligabue cita spesso nei suoi testi: l’individuo si interroga in primis su di sé, in seconda battuta su una potenziale compagna, poi sulla società che lo circonda e, infine, torna a riflettere su di sé ma questa volta per condividere. La traduzione viene resa dagli straordinari ballerini (Saul Daniele Ardillo, Vittorio Bertolli, Angel Blanco, Hektor Budla, Alessandro Calvani, Vincenzo Capezzuto, Camilla Coltella, Charlotte Faillard, Stefania Figliassi, Johanna Hwang, Philippe Kratz, Valerio Longo, Graziala Martinez Arribas, Lisa Martini, Ivana Mastroviti, Anna Petrucci, Giulio Righini, Andrea Tortosa Vidal, Lucia Vergnano) della compagnia Arteballetto che alternano momenti da danzatori solisti di altissimo livello a corpose coreografie di gruppo.

Una scena dello spettacolo

Le poesie di Ligabue, tratte dal libro Lettere d’amore nel frigo. 77 poesie e i dialoghi del film Radiofreccia scivolano sui corpi vibranti dei danzatori, animandoli come fossero delle marionette alla ricerca del proprio soffio vitale. Risvegliati dal sussurro umano e veritiero di un autore che riesce a mescolare crudezza e poesia, gli interpreti della coreografia restituiscono con passione istantanee di una realtà italiana ancor oggi attuale, caratterizzata da lotte per trovare, ottenere e mantenere il lavoro. Bigonzetti riesce a trasmettere al pubblico la grinta, il dolore e l’energia del cantautore emiliano  attraverso atmosfere pregne di pathos e coreografie che, sebbene ogni tanto si ripetano, non annoiano mai lo spettatore. La straordinaria qualità degli artisti della compagnia facilita la corrispondenza gestaltica tra parte e tutto: musica, slanci, estensioni corporee e vibranti passi si fondono assieme per dar vita allo show. La commistione di elementi si arricchisce anche attraverso le videoinstallazioni di Angelo Davoli che, pur distogliendo l’attenzione dello spettatore dalle performance dei ballerini, colorano la scena con eleganza e poesia. Così, mentre montagne di sabbia colorata ci ricordano la precarietà della vita, candidi toulle volteggiano con leggiadria regalando a chi guarda un meraviglioso senso di speranza.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Sanremo anche no

Sanremo anche no

Casomai un’immagine

12 Cut-up 23 13 tsu-gal-big-01 pugh-07 15 02 pm-35 pm-00 holy_wood_15 01-garcia religioni2 opeklekt 25 pas-07 acau-gal-11 acau-gal-10 acau-gal-01 piccini_17 kubrick-7 31 09 03 01 th-68 th-27 viv-41 viv-01 sir-10
Privacy Policy Cookie Policy