// stai leggendo...

Palcoscenico

Il Dio della Carneficina

Un luogo tetro e privo di speranza, un baratro angosciante e desolato, con urla gemiti e dolori che non si sentono: benvenuti nella dimora del Dio della Carneficina. Per trovarla non serve andare all’inferno, basta recarsi nel salotto che l’autrice Yasmina Reza allestisce nella pièce dall’omonimo titolo.

Una scena dello spettacolo

Con questa commedia, la drammaturga francese ha riscosso un notevole successo e ottenuto premi quali il Tony Award nell’edizione di New York e l’Olivier Awards con quella di Londra. A portare lo spettacolo in Italia ci ha pensato Roberto Andò che, grazie ad un cast d’eccezione composto da Anna Bonaiuto, Alessio Boni, Michela Cescon e Silvio Orlando, è riuscito a dar vita alle creature mostruose de “Il Dio della Carneficina” rispettando il contesto perbenista immaginato da Yasmina Reza. Lo spettacolo, tradotto da Alessandra Serra e prodotto da Nuovo Teatro, è stato calorosamente accolto nell’unica tappa del Friuli Venezia Giulia al Politeama Rossetti, confermando ancora una volta la qualità del pubblico triestino, sempre in grado di riconoscere l’eccellenza teatrale. Che in questo caso si esprime attraverso l’armonico dosaggio che testo, regia ed interpretazione riescono a creare con un urlo silenzioso. Il bizzarro ossimoro raggiunge la platea fin dal primo istante: è, infatti, in un tranquillo ed accogliente salotto borghese che si svolge l’intera vicenda.

L'autrice, Yasmina RezaLe calde e raffinate scene di Gianni Carluccio non preannunciano in alcun modo i feroci scontri che il titolo evoca, pur trasmettendo allo spettatore una appena percettibile sensazione di disagio che sarà svelata pian piano in corso d’opera. Il salotto in questione è quello di Véronique e Michel Houillé (Anna Bonaiuto e Silvio Orlando), persone colte e di larghe vedute che si apprestano a ricevere Annette e Alain Reille (Michela Cescon e Alessio Boni), altra rispettabilissima coppia benestante. L’incontro è stato organizzato per risolvere un “piccolo” contrasto avvenuto fra i loro figli. Per l’occasione la padrona di casa si procura fiori e dolci, dimostrando una squisita attenzione verso i suoi ospiti, nonostante il peso dello spiacevole incidente. Il giovane Bruno Houillé è stato colpito con un bastone dall’altrettanto giovane Ferdinand Reille e dunque i genitori si trovano con l’intento di risolvere civilmente ed educatamente, come si dovrebbe confare a persone del loro calibro, la questione. La calma apparente è presto smascherata e lo spettatore si ritrova immediatamente rapito da un vortice che prende velocità sulla circolarità scenica brillantemente curata da Carluccio, e che si alimenta con rabbia, acidità, violenza ed ipocrisia.

Con il procedere della rappresentazione, i personaggi non appaiono più come blocchi monolitici e, sgretolando la spessa corazza costruita sulla base di formalità e di buona educazione, lasciano trasparire le grette bestie interne che iniziano a sbranarsi a vicenda. Allo squillo del campanello, le pedine prendono posto sulla scacchiera da combattimento: Veroniqué e Michel presentano la loro formazione a testuggine, dando l’idea di un’impossibilità totale di penetrazione, mentre Annette e Alain propongono agili assalti alternati. Prima ancora di vedere la seconda mossa, ci si rende conto che una fazione è altamente vacillante: i Reille, nella foga degli attacchi, non feriscono più il nemico ma si trafiggono fra di loro a colpi di cellulare.

I protagonisti della commedia

Alessio Boni regala tutto se stesso nei panni del cinico uomo d’affari che calpesta la frustrata ed isterica moglie, acidamente, ma mai sopra le righe, interpretata da una brillante Michela Cescon. La formazione si destabilizza sino al punto di rottura, mettendo a nudo la solitudine vissuta all’interno della coppia, la totale incapacità di sostegno reciproco: ci si aspetterebbe soltanto il sibilo del colpo mortale inferto allora dalla rivale coppia testuggine, ma la scacchiera muove autonomamente le sue pedine.

Ed è la volta dell’emersione del mostro di Michel che, con una mossa inaspettata, consegna la moglie agli avversari. Un Silvio Orlando strepitoso che svela tutta la sua crudezza attraverso una micidiale rabbia tranquilla che fa crollare il mondo di superiorità valoriale costruito ad arte dalla superba Anna Bonaiuto, nelle vesti della moglie idealista. La regia di Roberto Andò aumenta vertiginosamente la temperatura della pièce sino ad infiammarla con scintille di risate amare e stilettate di inquietudine, sino a far della realtà mera terra bruciata. Resta soltanto un sapore duro e realistico, specchio della fragilità dei nostri tempi, della nostra incapacità di entrare in contatto profondo con chi apparentemente ci è accanto; tutto perché abbiamo deciso di aprire le porte al Dio della Carneficina.


Autore: Yasmina Reza
Traduzione: Alessandra Serra
Scenografia: Gianni Carluccio
Costumi: Gianni Carluccio
Regia: Roberto Andò
Produzione: Nuovo Teatro
Interpreti: Anna Bonaiuto, Alessio Boni, Michela Cescon, Silvio Orlando


Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Sanremo anche no

Sanremo anche no

Casomai un’immagine

shelter1 Eros 4, 2011 A. Guerzoni Robot 3 Edgar Allan Poe Dog Eat Dog Jingle dinner Padiglione del Bangladesh wendygall-11 06 murphy-17 murphy-05 holy_wood_28 holy_wood_13 cor12 cor05 mar-23 pudorergb tso5big busdon-08 bon_sculture_17 bon_sculture_02 htwooh thole-07 20_pm 08_pm 05_pm 30 th-45 th-37 th-34
Privacy Policy Cookie Policy