// stai leggendo...

Scrittura

Werner Herzog: il mio mondo non appartiene a questo mondo!

Incontri alla fine del mondo. Conversazioni tra cinema e vita
Titolo: Incontri alla fine del mondo. Conversazioni tra cinema e vita
Autore: Werner Herzog
Curatore: Paul Cronin, Francesco Cattaneo
ISBN: 978-88-7521-228-5
Anno di pubblicazione: luglio 2009
Editore: minimum fax

Il cinema di Werner Herzog inizia in una stanza ristretta a Monaco di Baviera, subito dopo la fine del secondo conflitto mondiale. In questi pochi metri quadrati, condivisi con l’intera famiglia, il giovanissimo Werner impara l’arte della concentrazione e sviluppa quell’attitudine all’osservazione che, attorno agli anni Sessanta, lo imporranno come faro del “Nuovo cinema tedesco”.

Werner HerzogIn Herzog, un intreccio inscindibile tra biografia personale, irrefrenabile voglia di scoprire e cinema inteso come mezzo di comunicazione sociale si struttura proprio nel periodo della prima infanzia; in una  Germania post-bellica, ma ancora non del tutto post-nazista.
In questo libro-intervista di Paul Cronin Werner Herzog. Incontri alla fine del mondo, l’autore che aveva ripreso il Nosferatu di Wilhelm Murnau, aveva scalato una montagna per issare una barca in Fitzcarraldo e aveva tradotto in immagini la storia del forzuto Zishe Breitbart in Invincibile, racconta se stesso e il suo complesso percorso artistico.
Ne viene fuori un ritratto del regista privo di quel misterioso alone di pazzia esoterica che lo aveva avvolto per tanti anni, il che lo riconsegna alla storia del cinema come cineasta particolarmente attento allo scavo sociale e in certi casi antropologico. Il percorso di oltre 300 pagine segue pressapoco la sua filmografia, investigata a partire dal legame di questa con la sua vita di esule non per cause di forza maggiore, ma per scelte personali e consapevoli.
Dalle risposte alle domande di Cronin, si comprendono i motivi che hanno portato Herzog a orientare i suoi interessi verso un cinema documentaristico, diventare produttore di se stesso contro il provincialismo del cinema tedesco e, in definitiva, disarticolarsi dal cinema hollywoodiano, che pure lo aveva corteggiato.

Herzog sembra costantemente alla ricerca di luoghi adatti all’uomo e in grado di descrivere quel paesaggio utopico che deve essere fine e mezzo del cinema. Per questo, nelle sue pellicole il sottofondo naturale rimane sempre il contesto, la scenografia si potrebbe dire, piuttosto che i personaggi o i protagonisti delle storie da lui raccontate. L’incredibile sensazione di una natura qualche volta piena di vita e forza (Fitzcarraldo), ma anche in situazione di coma eterno (Aguirre, furore di Dio), caratterizza fortemente la filmografia del maestro bavarese. In questa lunga e meticolosa intervista tutto ciò emerge prepotentemente, né mancano le celeberrime  prese di posizione contro l’imperialismo e la crudeltà dell’uomo in genere, oppure il disprezzo per il teatro «deludente e rivoltante», perché colmo di enfasi drammatica poco realistica.

Klaus KinskiInfine, non mancano nemmeno i ritratti di collaboratori o amici del grande cineasta (Klaus Kinski, Beate Mainka-Jellinghaus, Reinhold Messner o Lotte Eisner), raccontati per il contributo che questi hanno dato alla sua crescita artistica. Insomma, un volumetto assolutamente imperdibile tanto per gli amanti di Herzog, quanto per chi desiderasse compiere un particolare viaggio attraverso la storia del secondo dopoguerra attraverso i suoi occhi autarchici, eccentrici, ma sicuramente acuti come quelli di pochissimi colleghi della stessa generazione.

Incontri alla fine del mondo

Conversazioni tra cinema e vita

Incontri alla fine del mondo. Conversazioni tra cinema e vita. Cineasta, esploratore, antropologo, poeta, visionario. Tutti questi tratti si fondono organicamente in una delle figure più originali, creative e irriducibili del panorama cinematografico contemporaneo: Werner Herzog. Famoso per i suoi film «estremi», Herzog ne ripercorre in questo generoso libro-intervista la genesi, la lavorazione e l’impatto su critica e pubblico. Ma quel che più conta, per Herzog, è l’individuazione dello strettissimo legame tra i suoi film e la sua vita, tanto stretto da far sì che i primi appaiano un naturale prolungamento e sviluppo della seconda. Perché ciò sia possibile, Herzog si tiene alla larga dai teatri di posa e dalle produzioni in provetta; si getta nel mondo e trasforma il set in un luogo avventuroso e pulsante.
La freschezza, vivacità e apertura dello sguardo di Herzog rendono il libro un’affascinante occasione di incontro con terre e popoli remoti, un emozionante attraversamento della storia europea della seconda metà del Novecento, nonché una lucida riflessione teorica sul rapporto tra cinema di finzione e documentario, tra mondo dell’immaginario e reale.
_________

Fonte: http://www.minimumfax.com/libri/scheda_libro/129

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

My Love Affair with Marriage

My Love Affair with Marriage

Love Is Not an Orange

Love Is Not an Orange

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule Poirot alle prese con Vladimir Propp

Il romanzo giallo e la fiaba: Hercule...

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Casomai un’immagine

mar-08 mar-25 pck_08_cervi_big th-45 31 kubrick-36 petkovsek_10 000 mccarroll12 p busdon-09 tso4big brasch1 dark mezzanine sim3 cammello1 Otrok18 pm-08 murphy-10 murphy-27 murphy-32 galleria13 galleria-03 24 29 tsu-gal-big-12 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia Padiglione Italia Edgar Allan Poe
Privacy Policy Cookie Policy