// stai leggendo...

Arte

Arman

Cosa accadrebbe al mondo così come lo conosciamo nel nostro immaginario se dei racconti restassero solo i tempi morti,  della storia i dettagli, delle azioni umane una ripetizione meccanica di  gesti?

Le Fauteuil d’Ulysse, 1965 © ADAGP Paris 2010, phot. Jean-Claude PlanchetArman (Nizza, 17 novembre 1928 – New York, 22 ottobre 2005), durante il suo percorso artistico, presentato in maniera esaustiva dall’esposizione del Pompidou con più di 120 opere che raccontano le diverse svolte creative dell’artista, dalla pittura informale alle note Poubelles (spazzature) alle Accumulations (accumuli), riesce ad eseguire un perfetto ribaltamento della gravità materialista e lo fa raccogliendo quello che gli altri buttano, mostrando ciò che non serve più a nulla.
Null’ultima scena del film “Zabriskie Point” (Michelangelo Antonioni, 1970), in cui viene mostrato l’esplodere di una casa da diversi punti di vista, sono dapprima i muri a scoppiare, poi il frigorifero colmo di vivande, poi l’armadio, dal quale si sparpagliano nell’aria i vestiti . Gli oggetti assumono tutta la loro importanza nel momento in cui svaniscono moltiplicandosi in mille frammenti. Allo stesso modo, nello stesso periodo, Arman fa scoppiare gli oggetti, li brucia e ce ne mostra solo i resti. Di quest’apologia dell’avanzo è eccellente esempio Fauteuil d’Ulysse (1965), ovverosia ciò che resta della combustione di una poltrona, successivamente resinato. Viene quindi reso eterno il fugace attimo della sua massima instabilità e trasformazione, quello tra lo stato di prezioso oggetto funzionale e rifiuto.
Di resti parlano anche le Poubelles, maxi teche riempite di spazzatura: la pattumiera di Parigi (Poubelle des Halles, 1961), la pattumiera di un artista (Premier portrait-robot d’Yves Klein, 1960) la pattumiera organica (Poubelle organique, 1971). L’ossessione per il rifiuto porta Arman a raccogliere tutto ciò che non è degno di nota e a incorniciarlo.

Poubelle des Halles, 1961 © ADAGP Paris 2010, phot. Philippe Migeat, Collection Centre Pompidou, Dist. RMNLa ripetizione maniacale di parti o elementi di strutture, soprattutto meccaniche (Accumulation Renault n° 150, 1968) in questo senso non si differenzia dalla minuziosa sezione di oggetti (Subida al cielo, 1961) di matrice cubista. Moltiplicare o sezionare, infatti, comporta sempre un lavoro sull’oggetto che lo faccia riemergere dallo sfondo funzionale in cui è ripiegato nella vita di tutti i giorni.
E non si tratta solo di una sadica critica al consumismo, tipica di quegli anni, di cui anche “Zabriskie Point” si fa egregio portatore, bensì della ferma volontà di dar vita ad una vera e propria “estetica del rifiuto” o – meglio – del rifiutato, di rianimare i contorni assopiti delle presenze oggettuali, in modo che si leggano sulle loro superfici rovinate e scomposte una anti-storia del materico, una cronologia ribaltata degli oggetti e una inquietante domanda: se le tracce che noi consideriamo corrette da lasciare e perseguire fossero invece quanto meno opinabili, approssimative? Cosa ne sarebbe delle direzioni che prendiamo nella vita, nella scienza, così come nell’arte, nella cultura?
In questo senso è solo l’azione dell’artista che può operare l’affioramento dell’insolito, del perturbante, ma è un’azione destinata a restare confiscata in quell’aleatorietà che essa stessa rivendica.

dal 22 settembre al 1 gennaio 2011
Arman
Centre Pompidou
place Georges Pompidou, 75004, Paris
da lunedì a domenica dalle 11.00 alle 21.00; chiuso il martedì
Ingresso: 12/10 euro a seconda dei periodi; ridotto: 9 o 8 euro
www.contrepompidou.fr

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Lezioni di Fantastica: Storia di Gianni Rodari

La contrada artistica dei diritti umani

La contrada artistica dei diritti umani

Ricomincio da RaiTre: come dimostrare che il...

Amazing Grace: L’immortalità fatta pellicola

L’Italia è tutta una Brancalonia

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Casomai un’immagine

viv-18 viv-26 pck_02_cervi_big pck_17_cervi_big 18 13_pm 24_pm kubrick-17 kubrick-32 kubrick-6 kubrick-80 ruz-01 ruz-10 petkovsek_03 bon_sculture_05 malleus_04 bra-big-04 busdon-03 cholmo1 5 cor07 galleria-06 08 33 pugh-04 06 33 Thomas Hirschhorn / Padiglione Svizzera Padiglione del Bangladesh cornell-90