// stai leggendo...

Scrittura

Olive Kitteridge, gli aceri si arrossano

Copertina del libro Olive Kitteridge di Elizabeth Strout
Titolo: Olive Kitteridge
Autore: Elizabeth Strout
Traduzione: Silvia Castoldi
Titolo originale: Olive Kitteridge
Anno di pubblicazione: 2008
Prima ed. italiana: 2009
Editore: Fazi Editore, Roma
Collana: Le strade
Pagine: 381
Prezzo: 18,50 Euro
ISBN: 9788864110332

Nessuno sa tutto,nessuno dovrebbe illudersi. Come se avesse saputo ciò che Harmon non sapeva, che le vite si saldano insieme e a volte le fratture non guariscono. Posò la testa contro la parete dell’androne, giocherellò con la gonna nera ed ebbe l’impressione di aver capito qualcosa troppo tardi, e che probabilmente era così che funzionava nella vita.

Elizabeth Strout

Gli aceri si arrossano. Il vento sale, il mare si fa bizzarro, schiumoso. È l’autunno. Olive Kitteridge pianta i tulipani, ogni bulbo ha in sé un fiore per la primavera che verrà. Crosby, Maine. Possiamo immaginarla. Una piccola città dove tutti si conoscono; dove tutti pensano di conoscersi. I racconti di Elisabeth Strout sono intrecciati tra loro come un tappeto di foglie autunnali: ogni foglia ha una sua particolare forma, il suo sistema di nervature, la sua irripetibile declinazione cromatica, ma trova pieno significato soltanto nell’essere sovrapposta, sottoposta, legata alle altre. I personaggi stretti in un triangolo di cielo, di oceano, di boschi, appartengono ai loro giardini, alle case di legno salse, che sono nido e prigione, sogno e impotente tentativo di fermare tra quattro mura l’irrequieta forza della marea. La vita. Giovane, montante nel secondo racconto – forse l’unico con lieto fine -, nera come il tempo che si dispiega ora lento, ora brusco, inesorabile sempre, e mangia illusioni e promesse, nel resto del libro.

Olive Kitteridge — protagonista, attrice di spalla, comparsa o autrice di memorabili detti — entra in ogni racconto come una divinità imponente e altera, come presenza critica e concreta, come spirito severo e incidente. Eppure questa dea, davvero giunonica d’aspetto, spigolosa di carattere, scendendo tra gli uomini ne condivide la fragilità. Sposata al mite farmacista Henry, impazzisce di disperazione quando muore il collega insegnante Jim O’Casey, di cui era segretamente innamorata, incrinando in modo irreparabile i rapporti familiari; inflessibile madre di Cristopher, opprime il figlio con il suo rigore e lo circonda poi di morboso affetto spingendolo verso un’esistenza smarrita e squilibrata. È una donna di cui Henry Kitteridge può dire “In tutti gli anni che siamo stati sposati, non credo che tu abbia mai chiesto scusa una volta. Per nulla”. Superbia in fondo, oppure l’insicura intransigenza di chi non sa sbagliare, di chi non sa dire: “Non puoi vincere. Nemmeno quando fai del tuo meglio”. Eppure noi la salviamo perché è assurdamente innamorata della vita, perché vecchia valchiria malata non si arrende alle ferite degli anni. Perché è capace di consigliare ai suoi studenti: “Non abbiate paura della vostra fame. Se ne avrete paura sarete soltanto degli sciocchi qualsiasi”.

Intorno a Olive personaggi di ogni età – le sette età della vita di Shakespeare non sono citate a sproposito – affollano questo suggestivo campo di battaglia in riva all’Atlantico, aperto a tutti i venti. Come è aperta a tutti i venti la vita nel suo sorprendente, inesauribile dispiegarsi di forme e situazioni; nel sole che si infila tra le tende, nella pioggia che oscura le stanze, nella neve che copre e chiarisce. Per il tempo che ci è concesso.

Elizabeth StroutE se il nostro è un tempo spesso doloroso, se il nostro è uno sguardo che non riuscirà mai a cogliere il senso segreto del nostro essere al mondo, Elisabeth Strout dice in tutta la sua pienezza l’avventura umana. È pienezza la parola chiave di questo libro. Non siamo in grado di conoscerci fino in fondo, non conosciamo gli altri se non incidentalmente ma abitiamo il mondo e lo riempiamo di noi.

Lo cambiamo con i nostri gesti, lo coltiviamo come un giardino. Possiamo farlo pieno con le nostre parole: è quello che ha fatto Elisabeth Strout.

Elizabeth Strout, classe 1956, cresce in diverse cittadine del New Hampshire e del Maine, negli Stati Uniti. Dopo essersi diplomata al Bates College si trasferisce ad Oxford per un anno. Nel 1982 si laurea in giurisprudenza presso il Syracuse University College of Law e, in quello stesso anno, il suo primo racconto viene pubblicato dal magazine New Letters. Successivamente si sposterà a New York, dove continuerà a scrivere e a pubblicare racconti su diversi periodici di letteratura e non. Nel 2000 il suo romanzo Amy and Isabelle venne nominato per il PEN/Faulkner Award for Fiction, da questo stesso romanzo è stato tratto anche un film per la televisione. Nel 2009 vince il Pulitzer Prize for Fiction con il romanzo Olive Kitteridge.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Paperi amari

Paperi amari

Bill Willingham: Le Favole a fumetti di Bill Willingham

Trieste Science+Fiction Festival 2019

Casomai un’immagine

sir-25 mar-09 mar-29 thole-01 petkovsek_24 dobrilovic_04 012 bis_IV_02 mccarroll08 d q 05 bav-04 bav-07 busdon-17 busdon-18 brasch2 dark1 mezzanine1 tyc rbg cip-11 06 tav4 s16 mis4big-3 galleria11 galleria26 pugh-03 02 Campane, 2011 A.Guerzoni