// stai leggendo...

Musica

Wild Beasts, Smother

SmotherBarcellona. Fine del maggio 2010. Primavera Sound Festival, palco Pitchfork. Non il palco del cuore, per chi scrive. L’indie rock spacciato per buono, da quelle parti, è troppo, ma occorre esserci e capire se quello per i Wild Beasts era solo un colpo di fulmine o può essere un amore un po’ più serio.

I quattro inglesi attaccano con grande naturalezza le tracce di Two Dancers, il secondo album, dopo l’esordio-esperimento di Limbo, Panto. La folla conosce le canzoni a memoria. I Wild Beasts collocano il baricentro emozionale nelle viscere, con la grazia tipica di chi non rifugge il languore dei sentimenti. Anche per questo, è vero amore.

Originari di Kendal, cittadina nel nord-ovest dell’Inghilterra, già dall’esordio giocoso con il singolo Brave Bulging Buoyant Clairvoyants, nel 2006, si mostrano ben diversi dalla pletora di ritrovato e fastidioso brit-pop degli anni 2000. E a fare la differenza è Hayden Thorpe, voce solista multisfaccettata come cristallo, capace di mirabolare dalla marzialità del registro tenorile alla dolcezza sensuale di un falsetto ammaliante.

Messa da parte l’affiliazione all’insulso grembo generatore di cloni 80’s, la stampa specializzata si rende conto d’essere di fronte, invece, a un art pop ricco di personalità, di certo nutrito da influenze passate, ma assolutamente capace di prenderne le distanze per creare nella gioiosa indipendenza da ogni maestro. Il pubblico non resta indifferente. Tutto è pronto per il passaggio ad una più visibile etichetta e, nel 2008, esce, per la Domino, il primo album Limbo, Panto, che, ascoltato sulla lunga distanza, è atto di felice sperimentazione, inconsapevole bellezza, ingenuità disarmante. Finalmente cosciente d’aver realizzato un ottimo biglietto da visita, la band, nel 2009, dà alle stampe Two Dancers, dove, come amante divenuta sicura di sé, può osare con più disinvoltura.

Il risultato rasenta la perfezione: il dinamismo della voce di Hayden è ulteriormente arricchito dal contro-canto baritonale del bassista Tom Fleming, il barocchismo d’ascendenza Associates – riveduto e corretto da una drammaticità più sottile – non guasta, il languore maestoso à la Antony Hegarty si allarga ad abbracciare pulsioni ed emozioni più vigorose. La danza che ne consegue non ha nulla a che fare con i battiti patinati da indie club o con la svenevolezza del twee pop, ma è richiamo ancestrale agli umori umani, alle passioni, ai dolci antagonismi, in una costante, palpitante tensione tra cuore e testa, con un fulcro collocato però nelle zone basse, senza, per questo, cadere mai nella disgrazia di una gratuita volgarità.

Two Dancers finisce in molte classifiche di fine anno e le aspettative crescono. Trascorrono due anni – forse quelli necessari a tastare il polso della situazione – e il successo diventa non un punto d’arrivo, ma la premessa da cui partire per non rischiare di ripetersi, forti di una consolidata fascinazione di critica e ascoltatori. Il 9 maggio 2011 esce – ancora per la Domino – Smother.

L’ascesa ai piani superiori di una piramide dal sound sempre più ricercato appare da subito ben riuscita. L’utilizzo delle tastiere si alleggerisce di qualche – seppur irresistibile – surplus precedente, l’alternanza delle voci rivendica un meno angusto spazio, la tensione è meno appariscente e più matura. Il risultato è quello di uno spleen ancora una volta sofferto, ma con più discrezione, con una maggiore padronanza nel gestire la propria emotività, prestando attenzione – stavolta – in egual misura tanto alla forma quanto alla sostanza.

L’album si apre con Lion’s Share, elettronico smarrimento delle coordinate interiori à la Morrissey, e il capogiro a sangue caldo di Bed of Nails – nella quale fa capolino ancora una volta il fantasma bellissimo di Billy Mac Kenzie con i suoi Associates – viene poi stemperato dal primo piano in chiaroscuro di Tom, che rende omaggio allo spirito celestiale nell’Eden dei Talk Talk.

Wild Beasts

Il climax arriva presto, come nell’esplodere di una passione troppo a lungo sottomessa al giogo delle circostanze. Loop the Loop parte con una chitarra desolata, protetta dal caldo tocco delle tastiere nel proprio arrancare dolcemente affranto. Hayden tocca con grazia il firmamento, vocalizzando con la sontuosità dei grandi, in un rapimento che non lascia scampo e che prosegue in una trama sonora più diluita e cinematica, accostabile a certa produzione di James Blake, nella sensualità morbosa di Plaything. Dopo l’ulteriore incursione di Tom in Invisibile, il singolo Albatross consegna la scatola chiusa, contenente le linee guida del disco, e, poco prima della fine, con Burning – di nuovo quasi tutta per Tom – si staglia ancora una volta, distante e sfocata,  la figura di Mark Hollis.

Il lungo epilogo (End Come Too Soon) è deliquio serico e denso come nettare, che, per sua stessa natura, lascia spazio – in alcuni momenti – ai soli strumenti, per concedere ad Hayden di tornare a ricamare l’aria e a sussurrare con inebriato abbandono tutta la sua estasi.

Distanti anni luce da ogni emulazione e capaci di prendere le distanze anche da se stessi, pur nella fedeltà alla miracolosa purezza dell’inizio, i Wild Beasts di Smother – come nell’atto sempre più complice di una storia d’amore – rinnovano le nostre certezze, senza privarci della memoria dell’innamoramento di Two Dancers, naturalmente.

Smother

Domino, 2011

Tracklist

Lion’s Share
Bed Of Nails    
Deeper
Loop The Loop
Plaything
Invisible
Albatross
Reach A Bit Further
Burning
End Come Too Soon

Discografia

Limbo, Panto (Domino, 2008)
Two Dancers (Domino, 2009)

wild-beasts.co.uk

www.dominorecordco.com

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce immaginazione

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce...

La scoperta di Cosa nostra

La scoperta di Cosa nostra

Edgar Allan Poe a teatro in versione vaudeville

Edgar Allan Poe a teatro in versione...

Grammy Awards 2021

Grammy Awards 2021

La vendetta femminile: violenza, assurdità e umorismo...

Donne e mille archetipi, tra mitologia, musica...

Desiderio tra i desideri: un caffè con...

La vendetta femminile: violenza, assurdità e umorismo...

Casomai un’immagine

sir-22 viv-14 viv-25 pck_12_cervi_big th-14 th-78 kubrick-2 petkovsek_03 014 bon_02 bon_12 malleus_09 piccini_18 mccarroll02 d busdon-12 religioni2 cip-13 lor-7-big p3 s12 s6 murphy-11 galleria07 galleria20 06 pugh-04 wendygall-13 Song Dong Eros 3, 1944 Carol Rama