// stai leggendo...

Cinema

David Mamet e la ricerca della Verità

David Mamet - I tre usi del coltello
Autore: David Mamet
Titolo italiano: I tre usi del coltello
Titolo originale: Three Uses of the Knife, On Directing Films e True and False
Traduzione: Andreina Lombardi Bom
Curatore: Andreina Lombardi Bom
ISBN: 978-88-7521-265-0
Anno di pubblicazione: giugno 2010
Pagine: 320
Editore: minimum fax

Gli esseri umani hanno sempre vissuto profondi conflitti a tutti i livelli. Il conflitto tra desideri e possibilità, istinto e moralità, punto di vista personale e collettivo, che in letteratura prendono le forme di commedia, tragedia o melodramma. Tra i diversi autori moderni che sono riusciti a mettere in scena in modo convincente questi contrasti, accanto a David Rabe e Sam Shepard, sicuramente c’è lo scrittore, sceneggiatore e regista americano David Mamet.

David MametIl suo punto di vista sul cinema è caratterizzato da una incredibile ed eclettica abilità, che lo vede a suo agio tanto alle prese con la scrittura, quanto alla direzione e al montaggio. Forse per questo suo essere un artista “trino”, Mamet è poco conosciuto dal grande pubblico, abituato ad accontentarsi di ciò che il mare restituisce in superficie. Autore di pièces teatrali caratterizzate dall’apparente assenza di testo e da un largo uso di quello che viene chiamato dialogo spezzato, Mamet descrive una società regolata dall’inganno, dal rancore e dall’istinto di sopraffazione, in un contesto di rapporti difficili e complicati tra persone spesso odiose e imperfette. Premio Pulitzer, è anche uno sceneggiatore passato alla storia del cinema, basti pensare a Il postino suona sempre due volte (1981),  Il verdetto (1982), Gli intoccabili (1987) o Hannibal (2001). Per chi si ricordasse anche solo vagamente i dialoghi di questi film o il loro ritmo incalzante e avvincente, non sarebbe così difficile comprendere quanto Mamet sia abile nello sviscerare, appunto, le profonde contraddizioni e i conflitti che albergano nella natura umana.

I tre usi del coltello, edito da minimum fax, è una raccolta di saggi di Mamet. Nella prima sezione, quella che dà il titolo all’edizione italiana, l’autore americano si occupa del trattamento dell’idea o del soggetto da parte dello sceneggiatore. La seconda lezione di cinema (“Dirigere un film”) è tratta da una sua serie di interventi alla Columbia University. Infine, in “Vero e falso”, egli si  occupa degli attori e del ruolo del regista nel momento in cui viene chiamato a dirigere e modellare il lavoro degli stessi sul set.

Per Mamet, un capolavoro è definibile tale solo in quanto passato attraverso l’analisi del reale, del vero, di quella verità che egli tratta come soggetto ispiratore in tutte le sue opere teatrali o cinematografiche. Questo non fa certo di Mamet un taumaturgo o un critico moralista della società moderna, piuttosto egli agisce come il recensore quando viene chiamato a trarre una summa del lavoro altrui. Il funzionamento meccanico di un film, secondo lui, è da molti punti di vista simile a un’esperienza onirica. Come nel sogno la giustapposizione d’immagini contrastanti produce qualcosa che alle volte si avvicina molto alla realtà, tanto da farci svegliare spaventati o fradici di sudore; parimenti un film sovrappone fotogrammi, completamente liberi da qualsiasi dovere moralistico o storiografico, talmente potenti da farci vivere come protagonisti quella sequenza cinematografica. In altre parole, un film per Mamet è la risposta a una domanda, ovvero a un quesito che qualcuno si è posto e al quale molti si sono presi la briga di dare risposta.

movie frames

I tre usi del coltello

Saggi e lezioni sul cinema

Questo libro, che sta a metà strada fra l’autoritratto di un mostro sacro di Hollywood e il manuale per aspiranti cineasti, riunisce per la prima volta in italiano i saggi del premio Pulitzer David Mamet. Sceneggiatore, regista, attore, produttore, drammaturgo, romanziere e prefino poeta, Mamet è una delle figure più complesse e affascinanti del cinema dei nostri tempi. Ha messo la firma a film che hanno fatto la storia del cinema Il verdetto, Il postino suona sempre due volte, Gli intoccabili e, più recentemente, Hannibal.
Il libro si divide in tre sezioni: la prima, «I tre usi del coltello», si occupa della natura del lavoro dello sceneggiatore e degli obiettivi del raccontare storie; «Dirigere un film», la seconda parte, è l’appassionante trascrizione di una serie di lezioni di regia che Mamet ha tenuto alla prestigiosa Columbia University; la terza e ultima, «Vero e falso», è dedicata al ruolo dell’attore e si rivolge non solo a chi recita ma anche a chi deve dirigere gli attori sulla scena.
Sorprendente, lucido, irritante, magistrale, rivoluzionario, divertente: ecco come si rivela la voce di Mamet in questo libro composito e unico, imprescindibile per chiunque voglia scoprire cosa fa di un film un capolavoro.

_______________

Fonte: http://www.minimumfax.com/libri/scheda_libro/34

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce immaginazione

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce...

Casomai un’immagine

sir-19 mar-33 pck_19_cervi_big th-11 th-32 th-37 th-51 02 20 23 kubrick-21 kubrick-37 kubrick-47 ruz-11 petkovsek_01 017 bon_05 mccarroll12 24 bav-07 tso5big cas-07 solo1 06 cor07 holy_wood_17 pm-08 galleria08 32 Woman 2