// stai leggendo...

Palcoscenico

Il tempo di tutte le feste

Una scena da "Il tempo della festa"Il teatro ha il valore e l’obbligo morale di rendere onore alle vittime, e gli attori sono strumenti per dare voce a chi non può più parlare…[1] è la frase di apertura dell’intervento dell’attrice Roberta Biagiarelli, fondatrice della compagnia BABELIA & C., nel volume Jugoschegge di T. Bugari e G. Scattolini (Infinito edizioni).

Fin dalle sue prime esperienze teatrali, Roberta scelse la strada dell’“orazione civile” che, come spiega nel saggio, si diffuse in Italia soprattutto dalla metà degli anni ’90; una proposta alternativa alle grandi produzioni e spesso più vicina alla realtà: un teatro che guarda ad argomenti storici e all’attualità. L’attore, scrive Roberta, si fa “cantastorie moderno” che usa gli strumenti del narrare antico, messaggero che spesso, nei suoi spettacoli, denuncia violenze, soprusi e ingiustizie della contemporaneità.

La vocazione all’orazione civile l’ha portata nel cuore del dramma della guerra in Bosnia, sentendo forte l’esigenza di raccontare e ricordare il genocidio di Srebrenica, da cui è nato, alla fine degli anni ‘90, il monologo A come Srebrenica, che ha avuto più di 400 repliche in questi anni. Tanto semplice è la sua scenografia (una sedia, un tappeto), quanto forte la sua testimonianza, portata anche in Souvenir Srebrenica, un progetto di documentario-teatro, realizzato insieme a Luca Rosini nel 2006, che parte dal monologo teatrale, ne ripropone alcune parti e le unisce a importanti documenti, filmati d’archivio e interviste alla gente del luogo.

Il filo con la terra bosniaca non si spezza con l’esperienza di Souvenir Srebrenica. Una volta conosciuta, la Bosnia, ti entra dentro ed è difficile staccarsene completamente, soprattutto per un’artista che sente continuo il bisogno di testimoniare con la propria arte.

Così Roberta Biagiarelli ci propone un nuovo spettacolo-racconto da quella terra. Il tempo della festa. Racconti balcanici e musica klezmer nasce da una serie di conversazioni con abitanti della Bosnia Erzegovina, raccolte tra il 2007 e il 2008, sui momenti di festa: le festività religiose, quelle civili e statali, i momenti di riunione familiare, tutte accomunate da una tradizione condivisa e scomparsa: la memoria jugoslava.

Locandina di "Il tempo della festa"

Dopo l’esperienza di Souvenir Srebrenica, grazie anche all’incontro con Elvira Mujcić, originaria di questa città e autrice di Al di là del caos, cosa rimane dopo Srebrenica, (Infinito Edizioni), Roberta ha composto il suo spettacolo con i racconti dei diversi momenti di festeggiamento e riunione, della Bosnia jugoslava e di oggi.

Nella messa in scena al teatro San Marco di Trento, la forza dello spettacolo è affidato a strumenti semplici e potenti: la voce narrante e la musica, senza la necessità e la presenza di impianti scenici vistosi. L’attrice con il suo racconto è al centro del palcoscenico, circondata dai membri della Maxmaber Orkestar, che accompagnano la narrazione, proponendo canzoni popolari e brani del loro repertorio bosniaco-balcanico. Il racconto di Roberta ci porta per le strade della capitale bosniaca, nei cortili delle case e negli androni dei palazzi: inizia con i ricordi d’infanzia del Primo Maggio e della Pasqua, i mille modi di colorare le uova. Durante il Bajram musulmano le case bosniache venivano pulite a fondo, anche i cortili venivano lustrati sotto lo sguardo onnipresente di Allah. Prima della guerra, nei grandi condomini multietnici jugoslavi, tra le famiglie nate da matrimoni misti, si festeggiava tutto insieme, come ricorda Kanita: il Bajram musulmano, la Pasqua ortodossa, il Natale cattolico, il dernek come la festa del pilav. Con ironia e intensità, Roberta interpreta poi il racconto della preparazione al matrimonio di una giovane albanese, costretta a trascorrere l’intera giornata nello stretto vestito tramandato di generazione in generazione. Il 25 maggio, “dan mladosti”- il giorno della gioventù, viene ricordato per l’emozione della partecipazione alla staffetta in occasione del compleanno di Tito, che coinvolgeva giovani provenienti da tutta la Jugoslavia fino a Belgrado, per le celebrazioni della festa nazionale. In alcuni momenti il racconto rallenta e la voce si commuove, ricordando il ponte di Mostar e citando la testimonianza di una viaggiatrice su uno degli ultimi treni che collegava Sarajevo a Belgrado, un viaggio immerso nel terrore e nell’incredulità alle prime avvisaglie di una guerra che interruppe poi definitivamente la tratta ferroviaria.

Un'altra scena da "Il tempo della festa"

I colori, i cibi, gli abiti, i luoghi e i profumi… Sono i particolari a creare l’atmosfera gioiosa dello spettacolo, grazie anche agli interventi musicali della Maxmaber Orkestar, formazione italo-croata-bosniaca nata a Trieste. Sax soprano, voce, fisarmonica, tromba, chitarra, baglama, batteria sul palco propongono musica klezmer, canzoni popolari e ritmi balcanici, il sottofondo delle feste raccontate dalla voce narrante.

Lo spettacolo è stato presentato all’interno della rassegna Balkan Pills – Pillole dai Balcani, un ciclo di incontri organizzato grazie al sostegno della Provincia autonoma di Trento, dell’associazione Trentino con i Balcani e di Viaggiare Balcani.

Note:

[1] R. Biagiarelli, Il teatro racconta la guerra in T. Bugari e G. Scattolini, Jugoschegge, Infinito edizioni, 2011.

Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] e fondatrice della compagnia Babelia, ha messo in scena a Trento uno dei suoi nuovi spettacoli Il tempo della festa insieme alla Maxmaber Orkestar. Alla fine degli anni ‘90, Roberta ha cominciato ad interessarsi […]

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Joker e la follia: Un film per...

John Bolton: Le tecniche della fantasia

Composizione, analisi musicale e tecnologia nella scuola...

Otto donne e un mistero a teatro

Otto donne e un mistero a teatro

Casomai un’immagine

pas-16 mar-26 viv-12 pck_17_cervi_big th-60 26 kubrick-47 kubrick-63 petkovsek_17 bis_II_04 l acau-gal-12 29 bav-05 bav-08 cas-02 cas-15 nsoleh 3 io_assumo lor-2-big 02-garcia Pb640 sac_03 mis4big-2 pm-36 galleria07 galleria-06 Jingle SCI-FI Ritrovamento oltremare 2009