// stai leggendo...

Scrittura

All the way home

L'opinione di un fan

Copertina All the way homeLa bibliografia in italiano su Bruce Springsteen è sterminata e destinata a crescere perché una peculiarità del fan di Springsteen è avere la presunzione di comprendere il nostro eroe meglio di chiunque altro e di sentirsi molte volte, di conseguenza, in dovere di divulgare al popolo la propria versione dei fatti. A mio avviso, un altro libro su Springsteen non è esattamente ciò di cui il panorama editoriale italiano ha bisogno, per diverse ragioni. Una, di marketing, è che la fetta di mercato composta da lettori-fan di Springsteen probabilmente possiede già svariati titoli sul proprio idolo e potrebbe non avvertire l’esigenza di catapultarsi in libreria ad acquistarne un quindicesimo in cui se ne magnificano le straordinarie capacità compositive e comunicative, mentre quella composta da non-fan potrebbe non nutrire interesse per l’argomento. Un’altra, più intuitiva, è che non essendo io l’autrice di alcun libro italiano, i testi nella nostra lingua sono ancora lungi dal rivelare la Verità.

Perché, dunque, un lettore (concediamo: un lettore fan di Springsteen) dovrebbe acquistare All the way home di Daniele Benvenuti? Perché mai, in altri termini, una casa editrice (Luglio di Trieste) ha scelto di dare il volume alle stampe?
Perché un libro così mancava: non è né l’ennesima biografia non autorizzata, né un’analisi della produzione, né una carrellata della carriera live. E non è solamente la descrizione dei concerti di Springsteen in Italia, come il sottotitolo Bruce Springsteen in the Italian land 1985 – 2012 lascerebbe pensare. 
Il volume è, infatti, per buona parte occupato dalle recensioni precise e minuziosamente dettagliate dei concerti che Bruce ha tenuto nel nostro paese, ma, in aggiunta, contestualizza il fenomeno Springsteen-in-Italy offrendone uno studio sociologico, e propone un’analisi poliedrica del personaggio-Springsteen grazie al contributo di esperti di diversi settori.

Durante la presentazione del volume, l’autore accenna a come l’opera abbia richiesto diversi anni di indagine e lavoro, per via dei quali, nonostante sia frutto di un’idea nata in precedenza, ha visto la luce dopo testi di carattere apparentemente analogo, che hanno richiesto minore elaborazione. Il riferimento è, ad esempio, al volume curato da Greg Lewis e Moira Sharkey, Springsteen in Ireland, appassionato e delizioso volumetto sul rapporto tra Bruce e il paese del tricolore sbiadito, reso godibile in massima parte dal contributo della sottoscritta, che però, una volta osservato con più attenzione, si rivela essere distante anni luce dal metodico lavoro di catalogazione e analisi di Benvenuti.

Bruce Springsteen a Udine

Ciò che caratterizza il lavoro del giornalista triestino, infatti, sono proprio l’approccio e il procedimento scientifici. Non un’opera “from fan for fans”, ma uno studio rigoroso che dallo status di fan dell’autore mutua solamente la dedizione e un bagaglio di competenze accumulato in anni di frequentazione di concerti, descritti tuttavia con professionale oggettività.
Non mancano, certamente, i giudizi entusiastici, che vanno imputati all’elevata qualità dell’oggetto analizzato, sia esso lo spettacolo o il performer, piuttosto che al gusto dell’autore.

Pur essendo uno studio talmente approfondito da far pensare di essere destinato ad un pubblico di fan di Springsteen, il testo offre un inquadramento del fenomeno sufficientemente completo per essere fruito anche da un lettore non-fan. Sebbene abbia poco senso accostarsi a un musicista attraverso un libro che ne fa un’analisi, anziché che attraverso la sua produzione, un curioso che per qualche motivo volesse capire Springsteen da un libro, troverebbe in questo lavoro sufficiente materiale per scoprirne i vari aspetti.

Dal punto di vista stilistico, la scrittura è agile, frutto, credo, dell’esperienza giornalistica dell’autore, che, pur attingendo ai propri studi accademici, non indulge a toni didascalici, anzi si concede, piuttosto, qualche intervento brillante.
Non tutti contributi, però, sono omogenei rispetto allo studio principale. L’intervento del personal coach Nicoletta Gottardo è al di sotto delle aspettative, almeno, delle mie. Lo stile è, sì, quello dell’esperta di comunicazione, ma a mio giudizio risente troppo dell’abitudine a interpellare il pubblico per instaurare un contatto, a scapito della scorrevolezza del pensiero espresso, e di quella a far spesso riferimento a quanto detto poco prima, senza considerare la maggiore attenzione al messaggio prestata dal ricevente di un testo scritto, che rende questo artificio superfluo; anche i riferimenti alla propria esperienza abbondano, e interrogative retoriche, grassetti enfatici e punti esclamativi portano troppo spesso quello che si capisce essere uno studio oggettivo e accurato sul registro del blog amatoriale, facendo perdere, a mio parere, molto del valore di un’indagine tutt’altro che da disprezzare. Sono certa che, però, la scelta di mantenere questo registro sarà stata dettata da aspetti che a me sfuggono e non escludo che possano essere molti i lettori che, invece, apprezzeranno questo taglio.

Bruce Springsteen in concerto
Chiaro, scorrevole, asciutto e autorevole appare, invece, l’intervento della mezzosoprano Nadiya Petrenko, che descrive lo stile canoro di Springsteen con termini alla portata di ogni lettore, invitando a un ascolto critico senza sminuire il nostro eroe (di cui, ci par di intuire, l’artista non è una fan).
Volendo individuare una pecca nel libro, la si potrebbe riscontrare nella cura non esattamente maniacale delle bozze. Qua e là un punto fermo prende il posto di una virgola, qualche vocale sbagliata manda le concordanze a farsi benedire e – orrore! – Garry Tallent è trasformato da uno zelante correttore in “Gerry” Tallent. Non occorre puntualizzare che non sono queste piccole sviste a inficiare la qualità del lavoro, ma a vederle dispiace per l’autore, poiché, conoscendone la scrupolosità, il perfezionismo e la passione, facilmente lo si immagina dispiaciuto, se non proprio disperato, mentre scopre le piccole imperfezioni del suo capolavoro: un figlio è sempre una gioia e l’importante è che sia sano e ben formato, eppure, in tanta perfezione, una stupidaggine come le orecchie a sventola stona un po’.

Daniele BenvenutiLa quarta di copertina recita “oltre duecentocinquanta fotografie inedite” e, in effetti, un’innamorata di Bruce non dovrebbe farsi mancare questo libro, perché i numerosi scatti – per la maggior parte realizzati dai fan ai concerti – lo ritraggono nelle espressioni più tipiche e più buffe, nelle pose più canoniche e in quelle più divertenti, offrendo un ritratto che rispecchia bene le molte anime di Bruce-dal-vivo, capace di passare dal brano intimo e impegnato al pezzo trascinante ed energico senza perdere credibilità e sincerità.

Faremmo un torto al libro, però, se individuassimo nelle immagini il suo punto di forza: All the way home trova la sua ragion d’essere nei contenuti, in quelle recensioni dei concerti che “par d’esserci” – sì, grazie –, ma fanno morire di invidia e nel tentativo, complessivamente riuscito, di scomporre e analizzare il fenomeno sociale di nome Bruce.

All the way home

Autore: Daniele Benvenuti
Editore: Luglio
Pagine: 261
Rilegatura: brossura
Anno: 2012
Prezzo: 25,00 Euro
ISBN/EAN:  9788896940761

Daniele Benvenuti è un fan di Springsteen.
Parallelamente, è un giornalista in attività da circa venticinque anni, esperto di rock e popular music. 
Laureato con una tesi sulla sociologia della musica, è vicepresidente regionale dell’Unione Stampa Sportiva Italiana ed è creatore e custode di un monumentale archivio musicale, privato, fatto di dischi e cd, ma anche di libri, locandine e stampe, che definire collezione sarebbe riduttivo. Ha assistito a circa 1.200 concerti, di cui circa centoventi di Bruce.
Dopo trent’anni di “ascolto critico, archiviazione metodica e viaggi sgangherati alla ricerca di una scaletta perfetta” s’è accorto di aver qualcosa da dire a riguardo.

Il volume sarà presentato il 6 luglio alle 18.30 a Udine, presso la libreria Friuli, con l’accompagnamento di Luca Roncadin, e l’8 luglio alle 19.00 nella sala consiliare del Comune di Concordia Sagittaria.

Le immagini dell’articolo sono state fornite gentilmente dall’autore e sono inserite nel volume.
La prima (copertina), la seconda e la terza sono di Daniele Benvenuti. La quarta è di Luigi Boscariol.

Commenti

3 commenti a “All the way home”

  1. se sapete indicarmi una libreria che lo vende mi fate un piacere,premetto che abito a milano e non nel deserto ma ne mondadori ne feltrinelli e nemmeno da ricordi si trova. grazie

    Di fabio | 23 Luglio 2012, 00:12
  2. peccato solo che il libro non si trova in commercio!
    ordinato il 19.6.2012 con regolare versamento di 21 euro tramite paypal, oggi Bol-mondadori ci comunica che l’ordine è ANNULLATO per IRREPERIBILITA’ del prodotto.
    O benvenuti caro….

    Di Gianni | 23 Luglio 2012, 21:38

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] ospiti del programma di Fulvio Toffoli a Radio Rai, Daniele Benvenuti ed io discettavamo – l’uno con maggior cognizione di causa dell’altra – del […]

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Sanremo anche no

Sanremo anche no

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

My Love Affair with Marriage

My Love Affair with Marriage

Casomai un’immagine

sir-07 mar-43 viv-31 th-23 th-61 02 28 06_pm dobrilovic_04 bon_sculture_15 busdon-17 busdon-18 17 cor08 cor14 jg_big_3 s12 s7 sac_07 sac_13 Otrok07 mis-pre1 pm-41 39 sla-gal-2 tsu-gal-big-04 Allora & Calzadilla / Padiglione USA jingler strip1 Eros 3, 1944 Carol Rama Oggetti, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni
Privacy Policy Cookie Policy