// stai leggendo...

Cinema

I segreti di Osage County

La locandina de I segreti di Osage CountySu quali atrocità possano accadere, improvvisamente, d’estate, Tennessee Williams ci ha edotto a sazietà. E August: Osage County, per psicosi familiari e paesaggi fisici e interiori di lancinante desolazione, parrebbe proprio fuoriuscire dal suo calamaio, se non fosse una pièce di Tracy Letts del 2007, osannata dalla critica e premiata con il Pulitzer. Lo stesso Letts, autoadattandosi per lo schermo, firma l’aurea sceneggiatura dei Segreti di Osage County e informa a colpi di tastiera un domestic drama ligio alle regole del genere fino a rasentare la perfezione.

Si soffoca dal caldo, in Oklahoma, quando Beverly, poeta ed etilista o poeta-etilista (coincidenza e binomio obbligato), si uccide gettandosi nel fiume e lasciando sola l’infernale moglie Violet, farmacodipendente e affetta da un cancro alla bocca. In Violet lucidità e delirio ballano la danza macabra di una protervia maramalda, un micidiale impasto di recriminazioni, parolacce e accuse a chiunque le capiti a tiro, il portato di un’infanzia di stenti nella canicola del profondo Sud e di un curriculum matrimoniale per nulla idilliaco. Il ritorno a casa delle figlie Barbara, scrittrice mancata in crisi con il marito intellettuale e madre a sua volta, e Karen, dalla Florida con fidanzato yuppie decisamente losco, catalizzerà vecchie tensioni mai allentate. Senza contare che l’altra figlia Ivy, l’unica rimasta a vivere a Osage County, sta per spiazzare (?) la madre con una rivelazione inaspettata e l’irruzione della petulante zia Mattie Fae con il suo bastimento di intrighi inconfessati agiterà ulteriormente le acque.

Dal film I segreti di Osage County

La condotta registica di John Wells è discreta ai limiti dell’impersonalità, a fedele servizio di un copione che avanza implacabile senza concedersi un istante di tregua. E mentre il montaggio affilato di Stephen Mirrione esorcizza lo spauracchio del teatro filmato, I segreti di Osage County insegue l’insegna del grande cinema, quello che non teme il confronto con fonti e suggestioni letterarie delle più impegnative, a cominciare dalla tragedia greca: colpe dei padri (e delle madri soprattutto) che ricadono sui figli (e sulle figlie in particolare), maledizioni del gènos che si propagano con l’andar delle generazioni e nemesi della sorte che punisce, a tempo debito, i peccati commessi. Il cinema d’attori e di corpi e di menti sui quali infierire a suon di Stanislavskij: Meryl Streep giganteggia tra accessi di euforia e rovinose cadute, turgori e calvizie, monologhi e sticomitie spietate, ma se la cavano egregiamente anche gli altri, dalla vibrante Julia Roberts, come Streep candidata con merito al Golden Globe e all’Oscar, al tenero Benedict Cumberbatch con retrogusto di Peter Sellers, vessato da mamma Margo Martindale, esilarante ma con cisti di dolore annidate sottopelle. Sam Shepard, nelle due scene in cui compare, conferisce invece alla pellicola un tocco di wendersiana malinconia, da perdente con l’anima. E country di sottofondo.

Una scena del film I segreti di Osage County

Corografia di luoghi e spiriti, di pianure sconfinate come la solitudine di chi le popola, mélo e black comedy in sincrono, il film, forte del repertorio codificato di odio, rancore, sacrificio, adulterio, incesto, venalità, senso di colpa e sfuriate in quantità, ci travolge e ci sublima con un’altalena inesausta di furore e colpi di scena, un climax sempre ascendente di strazio anche quando sembra discendere. La catarsi non è mai definitiva, neanche dopo il litigio più acceso, e il peggio, dalle fauci di Violet, deve ancora uscire. Basterebbe la sequenza della cena: la formula chimica di August: Osage County è scritta lì. Formula di un cinema classico e topico, ma del quale il mondo ha ancora un disperato bisogno. Come di ogni emozione autentica.

I segreti di Osage County

Titolo originale: August: Osage County
Regia: John Wells
Soggetto: dalla pièce omonima di Tracy Letts
Sceneggiatura: Tracy Letts
Fotografia: Adriano Goldman
Montaggio: Stephen Mirrione
Musiche: Gustavo Santaolalla
Origine: Stati Uniti, 2013
Cast: Meryl Streep (Violet), Sam Shepard (Beverly), Julia Roberts (Barbara), Julianne Nicholson (Ivy), Juliette Lewis (Karen), Ewan McGregor (Bill), Abigail Breslin (Jean), Dermot Mulroney (Steve), Margo Martindale (Mattie Fae), Chris Cooper (Charlie), Benedict Cumberbatch (Little Charles), Misty Upham (Johnna)

Commenti

Un commento a “I segreti di Osage County”

  1. Condivido e sottoscrivo con entusiasmo tutto ciò che hai scritto, Dario! Splendida recensione.

    Di Camilla Simoncini | 15 Febbraio 2014, 21:12

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Casomai un’immagine

tso5big La mole di Carol, 2010 A. Guerzoni Jingle newton galleria17 galleria02 murphy-03 pm-04 s12 p4 holy_wood_30 holy_wood_27 01-garcia oktana nsoleh1 cas-12 mar-04 piccini_06 bon_sculture_18 dobrilovic_07 petkovsek_20 petkovsek_16 petkovsek_15 ruz-02 09 th-25 th-15 pck_24_cervi_big viv-05 mar-39 mar-24
Privacy Policy Cookie Policy