// stai leggendo...

Fumetto

Simone Delladio

Un giovane di talento

Un'illustrazione di DelladioSimone Delladio è uno dei disegnatori del nuovo corso del gioco di ruolo Sine Requie, ovvero Sine Requie anno XIII uscito nel 2008. Rispetto ai suoi colleghi si è fatto notare per le tecniche utilizzate, in cui il computer è ancora quasi del tutto assente.
Oltre agli acquerelli e agli oli con cui ha illustrato i manuali di Sine Requie e di alcuni giochi da tavola, si è dedicato con successo al fumetto (suo primo amore) realizzando tavole per varie case editrici italiane. “Successo”, ovviamente, riferito al desolante panorama nazionale degli ultimi anni, ché se Delladio avesse avuto qualche anno in più e si fosse affacciato prima alla professione oggi sarebbe in forza presso realtà più grosse con cui comunque ha avuto qualche contatto.
Da un po’ di tempo lo seguo alle varie fiere a cui partecipa (segnatamente, Lucca Comics & Games e ModenaPlay) e posso vantare diverse dédicaces sui miei manuali. Come da programma, lo incontro il primo giorno dell’edizione 2014 della kermesse lucchese, quando lo stand di Asterion Press, editore di Sine Requie, è già preso d’assedio dai fan.

Luca Lorenzon (LL): Se vuoi presentarti…

Simone Delladio (SD): Mi chiamo Simone Delladio e sono un disegnatore, sono un illustratore di Sine Requie e disegno anche fumetti.

LL: Dinne qualcuno.

Un'illustrazione di DelladioSD: Allora: Legion 75 della Star Comics, N.O.X., sempre della Star Comics; ho lavorato per Nicola Pesce Editore per un po’ di tempo, e sono illustratore da sempre di Sine Requie; posso dire in anteprima che da pochi giorni è uscito anche un mio fumetto di tre pagine su Creepy per il cinquantesimo anno.

LL: Quale edizione di Creepy?

SD: Quella americana. In Italia è conosciuto come Zio Tibia, era un bel fumetto, un po’ datato, anni Sessanta.

LL: La tua storia comparirà anche in Italia?

SD: Non lo so, non me l’hanno ancora detto. In teoria sì, perché è il cinquantesimo anniversario della testata e dovrebbe arrivare anche in Italia.

LL: Creepy aveva avuto una versione spagnola con Toutain di grande successo, mi pare che fossero oltre 200 numeri, tra gli anni Settanta e Ottanta, forse in Italia non è tanto conosciuto ma comunque lo conoscono anche qua.

SD: In Italia era già arrivato in alcune ristampe, in alcune raccolte. Non so dirti di più, perché il volume a cui ho collaborato –  io non l’ho ancora visto: è stato editato, alcuni americani mi hanno anche fatto i complimenti, ma il volume ancora non l’ho visto.

LL: Vedo che qui stai disegnando [Simone Delladio sta facendo delle dédicaces sui volumi del gioco di ruolo Sine Requie, nda] con la penna biro, come Manara e Gibrat.

SD: Mi imbarazzi se mi paragoni così ai Maestri… io sto usando la penna biro perché qui bisogna soprattutto unire la velocità alla realizzazione di un qualcosa di “scenografico”. Diciamo che di solito io pitturo con una tecnica particolare.

LL: Esatto, posso testimoniarlo, mi hai fatto parecchi acquerelli.

Simone Delladio

SD: Sì, di solito uso degli acquerelli o degli ecoline, ma con un additivo che li fa seccare e crea una patina. È molto carino, come effetto.

LL: Mi pare che anche Juan Gimenz utilizzi ogni tanto una tecnica simile, però con gli acrilici. Ci sono alcuni quadri che ha fatto che sembrano spezzarsi, sono pieni di crepe (volute, ovviamente).

SD: Io pensavo che utilizzasse delle tempere, all’inizio, ma in effetti mi sono accorto che utilizza degli acquerelli.

LL: Acquerelli e acrilici, a seconda del lavoro. Dei tuoi progetti futuri cosa ci puoi dire?

SD: Come progetti futuri in teoria stiamo guardando fuori dall’Italia. Però nel frattempo continuiamo con i soliti lavori e se ci saranno novità te le farò sapere al più presto.

Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] loghi, illustrazioni, caricature, ecc.) tramite lo Studio Mostarda fondato insieme al compagno Simone Delladio. “Folgorata” da Dylan Dog all’età di quattordici anni, ha degli interessi e delle passioni […]

  2. […] editrici statunitensi e con gli sceneggiatori più quotati. Lo incontro grazie ai buoni uffici di Simone Delladio: evidentemente Sorrentino è un appassionato di giochi di ruolo visto che era allo stand di […]

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Casomai un’immagine

mar-16 pck_08_cervi_big pck_19_cervi_big th-34 th-69 03_pm 16_pm 25_pm kubrick-57 ruz-08 014 bon_02 bon_04 bon_06 bon_sculture_01 piccini_09 mccarroll01 f acau-gal-18 pudore rgb cor02 s6 35 pugh-05 tsu-gal-big-12 tsu-gal-big-15 vivi-01 03 Katharina Fritsch Dog Eat Dog