// stai leggendo...

Palcoscenico

7 minuti per non perdere la propria dignità

I sette minuti che Bianca non vuole regalare all’azienda sono un simbolo: se cominciano a chiederti questo, quello che ti è dovuto sparisce.
(Ottavia Piccolo)

Ottavia Piccolo in 7 minutiCosa sono sette minuti nella vita di una persona? Probabilmente nulla. Il tempo di bersi un caffè o fumarsi una sigaretta. Ma se questi sette minuti si convertono nell’emblema di una sottomissione, di una rinuncia, di un abbassare la testa di fronte a una realtà che, in futuro, potrebbe diventare ben peggiore, ecco che assurgono a un ruolo ben più importante. È questo il fulcro della nuova pièce diretta da Alessandro Gassman, su testo di Stefano Massini, ispirata alla storia vera delle operaie della Maison Lejaby d’Yssingeaux, nell’Alta Loira, che, nel 2012, occuparono la fabbrica nel tentativo di mantenere il loro posto di lavoro e veder riconosciuti i loro diritti e la loro esperienza nella realizzazione di biancheria di lusso. Lo stabilimento venne chiuso ma le donne, oltre ad aver imparato a lottare, riuscirono ad attirare una tale attenzione mediatica da trovare i finanziamenti per aprire una boutique on-line.

In scena dal 30 gennaio al 1 febbraio nella Sala Assicurazioni Generali del Teatro Stabile Politeama Rossetti di Trieste, e poi in tour in altre città italiane, lo spettacolo 7 minuti si pone l’obiettivo di raccontare i punti di vista delle undici protagoniste, impegnate a decidere se rinunciare o meno ai sette minuti di pausa al giorno che gli spettano, a cui si aggiunge un protagonista d’eccezione: il pubblico presente in sala.

Lo stile ricorda da vicino La parola ai giurati di Reginald Rose, già messo in scena da Alessandro Gassman nella stagione 2008/2009, in cui la forza di volontà, e il coraggio, di un singolo essere umano riusciva a convincerne altri undici facendogli cambiare idea su una condanna a morte che sembrava ormai inevitabile. Anche in questo caso siamo di fronte a un personaggio di grande carattere, Bianca (interpretata da Ottavia Piccolo), la portavoce del consiglio di fabbrica, che, grazie alla sua capacità di vedere le cose a tutto tondo e di non lasciarsi influenzare dalle apparenze, intraprende una discussione con le sue colleghe per dimostrargli quanto sia ingannevole la realtà. Rinunciare oggi a quei sette “insignificanti” minuti, infatti, significherebbe vedersi costrette, in futuro, a rinunciare a qualcosa di molto più fondamentale: la dignità.

7 minuti - una scena

L’ambientazione, che in La parola ai giurati era la stanza in cui si riuniva la giuria, diventa qui lo spogliatoio della fabbrica con gli armadietti delle varie operaie diversamente ornati e decorati di fotografie a seconda della cultura, dei gusti, della mentalità, dell’estrazione sociale e della nazionalità delle donne coinvolte. È uno scontro generazionale, anche se lo scopo è raggiungere un accordo che possa soddisfare tutte, ed è, soprattutto, un diverso modo di concepire le priorità: le operaie più giovani, infatti, tendono a non vedere subito il lato negativo della rinuncia, pensano che l’importante sia non perdere il posto di lavoro e basta.

La pièce è concepita in modo da non giudicare nessuno dei personaggi e da non propendere per l’uno o per l’altro. Il pubblico stesso viene lasciato libero di decidere e, valutare, da che parte stare e quali opinioni condividere.

Alessandro Gassman ci tiene giustamente a sottolineare che ognuna delle attrici, prima di essere selezionata per la parte, è stata sottoposta a una lunga serie di provini da cui ne consegue che si trova lì per merito. E anche la pièce merita di essere vista.

7 minuti
di Stefano Massini
regia di Alessandro Gassman
con: Ottavia Piccolo, Paola Di Meglio, Silvia Piovan, Olga Rossi, Maiga Balkissa, Stefania Ugomari Di Blas, Cecilia Di Giuli, Eleonora Bolla, Vittoria Corallo, Arianna Ancarani, Stella Piccioni.
dal 30 gennaio al 1 febbraio 2015

Teatro Stabile del Friuli-Venezia Giulia Largo Giorgio Gaber, 1 34126 Trieste Tel. 040.3593511 Sito web: www.ilrossetti.it

Altre date:
Lodi: Teatro Le Vigne – 3 febbraio
Genova: Teatro Della Corte – dal 4 al 8 febbraio
Savona: Teatro Chiabrera – dal 9 al 11 febbraio
Pordenone: Teatro Verdi – dal 13 al 14 febbraio
Rieti: Teatro Flavio Vespasiano – 20 febbraio
Fabriano: Teatro Gentile – 27 febbraio
Fano: Teatro Della Fortuna – dal 28 febbraio al 1 marzo
Firenze: Teatro Goldoni – dal 3 al 8 marzo
Rimini: Teatro Novelli – dal 10 al 12 marzo
Siena: Teatro Dei Rinnovati – dal 13 al 15 marzo
Forlì: Teatro Diego Fabbri – dal 19 al 22 marzo
Piacenza: Teatro Municipale – dal 24 al 25 marzo
Modena: Teatro Storchi – dal 26 al 29 marzo
Empoli: Teatro Excelsior – 30 marzo.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Casomai un’immagine

sir-18 sir-29 mar-09 mar-35 mar-39 pck_01_cervi_big th-65 th-73 07_pm 13_pm offf petkovsek_13 petkovsek_24 bon_13 mccarroll14 n acau-gal-10 busdon-02 brasch2 cip-01 cip-13 holy_wood_06 heater murphy-13 galleria03 galleria12 08 sla-gal-7 vivi-05 Profilo 2007