// stai leggendo...

Scrittura

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

24) È troppo facile (Murder Is Easy, noto anche con il titolo Easy to Kill, 1939):

È troppo facile (copertina)Protagonisti: Luke Fitzwilliam, Lavinia Pinkerton, Bridget Conway, gli abitanti di Wychwood-under-Ashe.
Narratore: Onnisciente in terza persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Gastrite acuta provocata. Ingerimento di tintura per cappelli al posto dello sciroppo per la tosse. Setticemia fulminante provocata. Colpo sferrato con una pietra. Annegamento conseguente a spinta in acqua. Investimento conseguente a spinta sotto un’automobile.
Trama: Luke Fitzwilliam, ex ufficiale di polizia in India, durante un viaggio di ritorno a Londra incontra sul treno l’anziana Lavinia Pinkerton che non perde occasione per raccontargli di come nel suo villaggio, Wychwood-under-Ashe, si stiano verificando degli strani decessi. Essendo lei convinta che si tratti di una serie di delitti perpetrati dalla stessa persona, informa l’uomo della sua intenzione di recarsi a Scotland Yard per comunicare a chi di dovere i propri sospetti. Luke Fitzwilliam non la prende molto sul serio finché, alcuni giorni dopo, non scopre che la donna è morta investita da un’automobile poco prima di arrivare alla sua destinazione. In seguito, l’uomo nota sul giornale un necrologio indicante la morte di uno degli abitanti del villaggio che l’anziana riteneva essere in pericolo di vita. Deciso a scoprire la verità, egli si reca quindi a Wychwood-under-Ashe spacciandosi per un esperto di stregoneria e folklore locale.

No one human being knows the full truth about another human being. Not even one’s nearest and dearest.

25) Dieci piccoli indiani (Ten Little Niggers, 1939):

Ten Little Niggers (copertina)Protagonisti: Ufficiosamente: La vita, La morte, Il bene e Il male. Ufficialmente: Dieci persone che hanno provocato, volontariamente o involontariamente, la morte di uno o più innocenti.
Narratore: Onnisciente in terza persona, tranne nella parte finale in cui il colpevole lascia un messaggio in bottiglia e si converte, quindi, nel narratore in prima persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Cianuro nel whisky (uno fece indigestione, solo nove ne restar). Overdose di sonnifero (uno cadde addormentato, otto soli ne restar). Colpo in testa (uno, ahimè, è rimasto indietro, solo sette ne restar). Colpo d’accetta (un di lor s’infranse a mezzo, e sei soli ne restar). Iniezione di cianuro di potassio (da una vespa uno fu punto, solo cinque ne restar). Colpo di pistola (uno lo ferma il tribunale, quattro soli ne restar). Annegamento (uno un granchio se lo prende, e tre soli ne restar). Colpo in testa sferrato con un orologio a forma di orso (uno l’orso ne abbrancò, e due soli ne restar). Colpo di pistola sparato sulla spiaggia (un si fuse come cera e uno solo ne restò). Impiccagione (Solo, il povero negretto in un bosco se ne andò: ad un pino si impiccò, e nessuno ne restò).
Trama: Dieci persone che non si conoscono vengono invitate a Nigger Island. Una volta giunte sul posto, una voce, emessa da un grammofono, le accusa di assassinio. Al ritmo dei versi di una filastrocca per bambini, Ten Little Niggers appunto, i personaggi vengono eliminati uno alla volta fino alla rivelazione finale. Dal romanzo è stata tratta l’omonima pièce teatrale con finale diverso.
Curiosità: L’edizione americana, del 1940, ebbe alcuni problemi a causa della parola “niggers” (negretti) nel titolo; di conseguenza, il libro fu reintitolato …And Then There Were None. In seguito, si trovò l’ulteriore soluzione di chiamarlo Ten Little Indians.

…You can’t save someone who doesn’t want to be saved.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’Italia è tutta una Brancalonia

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Casomai un’immagine

pas-07 mar-05 viv-43 pck_14_cervi_big th-13 th-34 26 kubrick-82 thole-09 neurolysis bon_sculture_10 bon_sculture_12 bon_sculture_15 piccini_01 mccarroll04 a busdon-07 busdon-13 cas-09 antal1 lontano cip-06 lor-2-big holy_wood_09 sac_07 mis-pre3 galleria12 Padiglione del Bangladesh Jingle SCI-FI Greenhouse