// stai leggendo...

Cinema

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

FidibusI cortometraggi presentati in concorso al Trieste Film Festival 2022 hanno dimostrato la volontà dei registi dell’Europa centro orientale di esplorare tematiche come il disagio, la paura, il trauma, l’ossessione, ma anche la passione che ci tiene in vita, attraverso nuovi linguaggi visivi e storie non sempre raccontate in modo lineare ma strutturate per riservare inaspettate sorprese.

Avako, della russa Ksenija Pčelinceva, racconta il giorno del tredicesimo compleanno di Anja. La ragazzina, rimasta sola con Arsenij, adolescente più grande di lei che le fa da babysitter e di cui è innamorata, riesce ad aggregarsi alla sua compagnia di amici e, grazie a un carattere molto intraprendente, a farsi pian piano accettare dal gruppo e comprendere la mentalità e il rapporto affettivo che li lega, mentre in sottofondo aleggia lo spettro del brusco passaggio dall’adolescenza all’età adulta. Vincitore del premio come Miglior cortometraggio al Budem Fest di Mosca e al Kinošok di Anapa in Russia, il corto si distingue per la delicatezza e l’abilità con cui descrive, in mezz’ora, i sentimenti di una ragazzina che cerca di capire un mondo di cui ancora non fa pienamente parte e i suoi tentativi, a volte imbarazzanti, di integrarsi in quel contesto.

Fidibus (Abracadabra sparisci), dell’austriaca Klara Von Veegh, è incentrato su un episodio violento che sconvolge la vita di una madre e la costringe ad abbandonare casa sua con il bambino di tre anni per attraversare il paese in un tentativo di fuga che vuole essere anche una ricerca di se stessi. Durante il viaggio troverà persone altruiste disposte ad aiutarla, ma acquisirà anche la consapevolezza, attraversando paesaggi brulli e foreste, che l’idea di scomparire da un giorno all’altro dalla vita di tutti è pura illusione e le responsabilità vanno affrontate.

Proto Banio (Primo bagno), del greco Alexandros Kostopoulos, ci immerge nell’atmosfera di una tranquilla vacanza familiare. Giunti a una spiaggia, dopo aver investito un cane abbandonandolo morto sull’asfalto, due genitori si premurano di vietare alla figlioletta di fare il bagno senza braccioli, perché ancora troppo piccola. Mentre i due sono impegnati a pensare ai loro problemi e a ignorare la figlia, lei rinviene il cadavere di un bambino che carica sul suo gommone con l’intento di portarlo con sé al largo; il dramma sembra sul punto di esplodere ma invece, con intelligenza, il regista opta per una soluzione meno scontata che restituirà alla famiglia la sua tranquillità e le permetterà di continuare a ignorare l’esistenza degli altri per pensare solo alle proprie esigenze.

Proto Banio

Snjeguljica (Biancaneve), della croata Lana Barić, anche protagonista, descrive con macabra ironia quanto possono essere infernali i rapporti familiari. Una quarantenne che da tempo vive isolata, immersa nella sua tranquilla routine, viene raggiunta dal fratello che ha bisogno della sua presenza per ragioni testamentarie. Questo la costringerà a rivedere la famiglia che si era lasciata alle spalle e a rivivere, come in un incubo, quella sensazione di indifferenza nei suoi confronti che marito e figli manifestavano quotidianamente.

Amygdali (Amigdala), della greca Maria Hatzakou, narra invece l’ossessivo rapporto tra sorelle in una chiave inconsueta. Anna sta per festeggiare il diciottesimo compleanno e vorrebbe goderselo con Maria, forse l’amore di un’estate. La sorella Melina, però, ragazzina intelligente e dai rossi capelli, sta cercando di imparare a controllare il potere della sua amigdala, e in perfetto stile Carrie, lo sguardo di Satana troverà il modo di rendere la festa particolarmente vivace. Il cortometraggio parte come una storia di ordinaria gelosia tra sorelle e, anche grazie a una colonna sonora efficace, si converte in un fantasy-horror che lascia lo spettatore senza fiato.

Amygdali

Pa Vend (Da un posto all’altro), di Samir Karahoda, che ha vinto il Premio Fondazione Osiride Brovedani al miglior cortometraggio in concorso, è incentrato sulla passione per uno sport, il ping pong, e sulla lotta per mantenere in vita questo smisurato amore da parte di due kosovari costretti a spostare continuamente il bene che considerano più prezioso – il tavolo da ping pong, appunto – nei luoghi più disparati per mancanza di uno spazio di allenamento permanente per i giocatori, che tra l’altro sono dei veri campioni. Gli interpreti del corto non sono attori bensì i veri protagonisti della storia che hanno accettato di portare sullo schermo la loro perseveranza.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Casomai un’immagine

mezzanine1 cornell-20 Feticci, 2010 A. Guerzoni Bolle di vetro, 1939 Carol Rama Face 2 20 09 wendygall-10 sla-gal-3 pm-26 Otrok05 jg_big_4 cip-13 cip-04 cip-03 pas-15 fanny cas-17 busdon-10 busdon-06 15 bon_sculture_13 017 petkovsek_18 petkovsek_03 kubrick-54 25_pm th-58 th-33 viv-25
Privacy Policy Cookie Policy