// Gli articoli dell\'autore

Corrado Premuda

Per Fucine Mute Corrado ha scritto 57 articoli.
Nota biograficaCorrado Premuda, nato a Trieste nel 1974, è scrittore e giornalista. È autore di due libri di narrativa (di cui su Fucine Mute sono pubblicate alcune parti): Un racconto di frammenti (L’Autore Libri Firenze, 2000), presentato tra l’altro all’Istituto Italiano di Cultura di Malta, e Intrusioni (FPE Trieste, 2004), premio speciale della giuria al concorso letterario Jacques Prévert 2002. Numerosi suoi racconti sono pubblicati su riviste, antologie e siti web: nel 2006 sono usciti I cortili di Berlino, pubblicato sulla rivista letteraria Tratti edita da Mobydick, e Fiepa, inserito nell’antologia Racconti nella Rete edita da Newton & Compton. Con il racconto Particole al cioccolato è uno dei dieci autori triestini dell’antologia Con-Fusioni Triestine / Tršćanska zb(i)rka, con prefazione di Claudio Magris, curata da Valerio Fiandra e Ljiljana Avirović e pubblicata, con traduzione croata, da Edit di Fiume e Antibarbarus di Zagabria e presentata a Pola nel dicembre 2007 all’interno della tredicesima Fiera del Libro in Istria. Nel 2005 il racconto Fantomatico ritorno di Gorizia all’Austria riceve la menzione speciale della giuria al concorso Scritture di Frontiera – Premio Umberto Saba. Altri racconti sono pubblicati da Fara Editore, Hammerle, RottaNordOvest e La Versiliana Editrice e sulle riviste Graphie (Il Vicolo, Cesena) e Indòbia (pubblicazione sostenuta dalla regione Friuli Venezia Giulia). Ha partecipato a numerosi festival letterari e reading di racconti tra cui LuccAutori (Lucca), Ombelicale (Pordenone), Iperporti (Trieste) e Disorienti (Gorizia). Della sua produzione narrativa si sono occupati, tra l’altro, Cristina Benussi, Alfonso Cipolla, Tommaso Labranca e Alessandro Schwed. Nel 2006 ha curato le letture dedicate a scrittori turchi per la manifestazione I Turchi in Europa organizzata a Palmanova da Europa Cultura. Nel 2004 ha collaborato con Trieste Contemporanea nell’organizzazione del congresso internazionale di letteratura Continental Breakfast. Cultures at work patrocinato dall’INCE Iniziativa Centro Europea. Nel 2000-01 ha collaborato con l’Istituto Italiano di Cultura di Malta e, invitato dal professor Joseph Eynaud, tiene periodicamente lezioni di letteratura e scrittura all’Università di Malta. È stato tra gli organizzatori della prima edizione della Fiera dell’Editoria di Progetto Bobi Bazlen (Trieste, dicembre 2008).Nel teatro collabora da qualche anno col regista Alessandro Marinuzzi (Festival Internazionale di Montalcino, Teatro Stabile Sloveno di Trieste). Ha scritto il testo Destìs diventato poi uno spettacolo prodotto nel 2006 dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e interpretato da Sara Alzetta e Paolo Fagiolo. Su Youtube è visibile il trailer del progetto teatrale Battaglie da bagno di cui ha ideato soggetto e testi. Ancora inedito è il suo testo Guardiana dei sogni. Variazioni su Leonor Fini. Sull’arte e il personaggio di Leonor Fini ha compiuto studi e ricerche, ha scritto articoli e saggi, tenuto conferenze, e sta lavorando a nuovi progetti multimediali ed editoriali, tra cui la traduzione dal francese in italiano di un romanzo breve scritto dall’artista in collaborazione con l’Archivio Leonor Fini di Parigi.Collabora da anni con diverse emittenti radiofoniche: nel 2009 il suo testo Detronizzate (pubblicato sulla rivista La Battana, Edit), diretto da Livio Crevatin, diventerà uno sceneggiato radiofonico per Radio Capodistria interpretato dagli attori del Dramma Italiano di Fiume. Dopo aver lavorato nella redazione milanese del quotidiano la Repubblica, collabora con varie testate: numerosi suoi articoli sono leggibili on line sui siti web dei quotidiani la Repubblica, Il Piccolo e La Voce del Popolo. Tiene la rubrica di libri “Bookcrossing” sul mensile Network NTWK e per quattro anni ha scritto sul quotidiano free-press di Trieste In Città, diretto da Paolo Pagliaro, curando tra l’altro la popolare rubrica di costume “Triestinità”. È archivista e si occupa anche di didattica, tenendo corsi di linguaggio cinematografico nelle scuole. Laureato in Scienze Politiche (indirizzo internazionale) all’Università di Trieste, ha completato i suoi studi prima a Malta con una borsa di studio del Ministero degli Esteri italiano per svolgere ricerche storico-archivistiche e poi con un master in Gestione e analisi della Comunicazione. Il sito http://www.corradopremuda.com/ raccoglie i suoi lavori.
Damjan Kozole

Spare parts

Corrado Premuda (CP): We meet Damjan Kozole that gave the start to the Alpe Adria — Trieste Film Festival 2004, with his film “Rezervni deli”. Hi, good morning. I’d like to ask you something about your film. In this film you speak about a lot of Slovenian typical aspects of this recent period, starting from […]

Damjan Kozole

Pezzi di ricambio

Il film Rezervni Deli (Pezzi di ricambio) di Damjan Kozole ha ricevuto la speciale menzione della giuria di Alpe Adria Film Festival 2004 perché “si tratta di una pellicola animata da grande forza, onesta e diretta, che parla in modo non convenzionale del traffico di esseri umani. Dimostra che talvolta anche i balordi possono avere […]

Nadja Velušček

Il mio confine

Corrado Premuda (CP): Incontriamo ad Alpe Adria Cinema Nadja Veluscek e Anja Medved, madre e figlia, autrici di “Moja Meja — Il mio confine”, film documentario dedicato al confine che divide la città di Gorizia. Non a caso avete girato il film in un periodo cruciale per la città, quando il confine viene meno tra […]

Vittorio Franceschi

Dal palcoscenico al grande schermo

Vittorio Franceschi, autore, attore e regista teatrale, di passaggio a Trieste per promuovere la sua ultima fatica, in occasione dell’incontro “dal libro al film” voluto da Maremetraggio. Corrado Premuda (CP): Vittorio Franceschi è il protagonista del film Scacco Pazzo per la regia di Alessandro Haber, ma lei è anche l’autore della pièce teatrale da cui è […]

Lino Capolicchio

Il diario di Matilde Manzoni

Corrado Premuda (CP): Incontriamo Lino Capolicchio a Trieste, venuto a presentare il suo film Diario di Matilde Manzoni. Come prima domanda vorrei sapere come mai ha scelto questo soggetto, se effettivamente il romanzo di Natalia Ginzburg l’ha ispirato in qualche modo e se poi c’è stata una rielaborazione della storia da parte sua. Lino Capolicchio […]

Maurizio Bonora

Viaggio nel mito femmnile

GALLERIA IMMAGINI Corrado Premuda (CP): Incontriamo Maurizio Bonora a Trieste per esporre allo “Studio Tommaseo” una serie di disegni e di piccole sculture che s’ispirano all’immagine delle sirene, infatti, il titolo della mostra è “L’occhio della sirena”. L’ispirazione per queste immagini le è venuta leggendo il romanzo Il marinaio di lungo corso di Bobi Bazlen […]

Emmanuel Carrère

Retour à Kotelnitch

Corrado Premuda (CP): Est-ce que vous avez tourné le film ” Retour à Kotelnitch ” pour vous ou pour Ania et Sasha? Je pense que le film, qui est l’histoire de ces deux personnages que vous avez connus, est aussi une histoire personnelle, votre histoire personnelle. On peut vraiment dire ça ? Emmanuel Carrère (EC): […]

Marcela Serrano

Quel che c’è nel mio cuore

Corrado Premuda (CP): Marcela Serrano è a Trieste come presidente di giuria alla diciottesima edizione del Festival di Cinema Latinoamericano. Qual è il suo rapporto con il cinema? Un suo libro è stato portato sul grande schermo, le piacerebbe scrivere la sceneggiatura per un film? Marcela Serrano (MS): La mia relazione col cinema… per me […]

Susanna Tamaro

Nel mio amore

Ha venduto una quantità tale di libri in tutto il mondo da diventare un caso letterario, se non addirittura un fenomeno, nel panorama della narrativa italiana, caratterizzato cronicamente da cifre piccole. Ma aveva cominciato con il cinema, diplomandosi al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e realizzando documentari scientifici. Adesso la passione per la macchina […]

Il museo nazionale del cinema a Torino

La Mole Antonelliana è il simbolo di Torino. Alta centosettanta metri, è la costruzione in muratura tradizionale più alta al mondo. Doveva ospitare, nelle intenzioni dei suoi costruttori e committenti, il tempio israelitico della comunità ebraica torinese, invece è diventata la torre panoramica della città e da qualche anno la sede del Museo Nazionale del […]