// stai leggendo...

Musica

Reiff Jr e Funky Flavas

ASCOLTA L’ALBUM

Immagine articolo Fucine MuteUn album di contemporary music al sapore di funky. Si può sintetizzare così, a cominciare dal titolo, il progetto musicale di Reiff jr. “Funky Flavas” (DaRoof Records, 2003 — 14 tracce per complessivi 58 minuti e 30 secondi di ottima musica d’ascolto) dove Reiff suona la chitarra in tutti i brani, di cui è anche autore e arrangiatore assieme alla sua band, i Funky Flavas appunto. Lui nella lettera di presentazione lo definisce un album groovy e contemporary. E lo è davvero, il suono di Reiff Jr., al secolo Søren Reiff: musicista, compositore di jingles, sigle e colonne sonore per la televisione e produttore — ma anche patron dell’etichetta DaRoof, nata nel 1997 — intriso di groove e molto, molto contemporaneo. Il danese Reiff, che nel CD unisce il suo nome a quello di mostri sacri come Mike Stern, presente nella traccia Swedish Spring, e l’americano Michael Ruff, che collabora alla bella ed eterea Relaxin’ apre nuove prospettive alla fusion. Artista a tutto tondo, è infatti autore anche del logo della propria etichetta, quello di Søren — che tra gli altri, ha lavorato con personaggi del calibro di Chaka Khan, Randy Crawford, Robert Palmer, Michael Brecker, David Sanborn, Al Jarreau, Paul Young, Mark King dei Level 42, Leo Sayer, Toots Thielemans, Precious Wilson, Bonnie Tyler, Tina Charles, Mungo Jerry, Maggie Reilly e Boney M — è un jazz molto ambient, che spazia tra la classicità e il lirismo. Non è solo fusion, non è solo jazz, ma è molto di più. Tanto per fare un esempio concreto, l’album presenta una amalgama sonora sullo stile di quella sapientemente dosata dal James Taylor Quartet. Nelle 14 tracce, dolci note jazzy trasportano l’ascoltatore in un viaggio fantastico nella musica contemporanea, senza soluzione di continuità, che offre l’opportunità di sorvolare tanti stili diversi senza scendere per una sosta. Ma è una trasvolata compiuta senza fretta, con la possibilità di scattare tante istantanee e godersi pienamente il panorama dall’alto. Insomma, Reiff jr. nonostante l’anagrafe lo leghi a una particolare latitudine, si può a ragion veduta considerare un freddo dal cuore morbido. Si parte con Move on Closer, un intro Seventies con la bella voce di Nabiha Bensouda a condurre l’astronave di Reiff verso un tuffo nel Mare della Tranquillità. Tra le tracce del cd, si segnala un omaggio all’Italia — dove Reiff ha soggiornato a lungo nel 2002 e dove l’idea è nata — nella particolare Italian Thoughts, cantata o meglio recitata  dalla Signorina Forti (così scrive nei credits Reiff), all’anagrafe Mariane Forti, che sfocia in Thoughts, pensieri italiani ispirati dal Bel Paese, poetici e soffusi come le corde della chitarra del simpatico Søren e un pensiero alla Russia in Russian Thoughts. Swedish Spring è invece una cartolina dalla Scandinavia, che scorre nelle vene del musicista e ne riempie il pentagramma, ma è una Polaroid dove il ghiaccio si scioglie, scaldato dal calore dei suoni funk in un rigoglio di note fiorenti. Una fonduta al cioccolato da assaporare nell’intimità della propria casa, davanti a un caminetto acceso.

Immagine articolo Fucine Mute

Particolarmente intensa è Growing Love, forse il momento migliore in assoluto dell’album, con l’ottima voce di Rikke Mølgaard a incastonare di perle black/soul una base electro/trip hop dal vago sapore Smoke City. Da segnalare anche Forrest, un’ipnosi di chitarra e basso per un’escursione in una foresta incantata e You, dove l’ottima vocalità della Bensouda si materializza in un respiro in musica. Funky Flavas è un sogno ad occhi aperti da cui risvegliarsi dolcemente, sorseggiando una fumante tazza di tea al “funky flavour”.

Reiff Jr, chitarrista danese, ha appena riunito i suoi ultimi lavori nel nuovo album, rilasciato il 10 ottobre 2003, intitolato Funky Flavas. Funky grooves  e soft ballads conducono nell’universo musicale di Reiff Jr che è un eccellente chitarrista, compositore e arrangiatore. La differenziazione dei brani offre all’ascoltatore una sensazione molto calda e intensa; inoltre la collaborazione di Michael Ruff e Mike Stern conferma l’alta qualità dell’album.
Reiff Jr possiede una straordinaria abilità nell’eseguire praticamente tutti gli stili di chitarra nella realizzazione di jingles, colonne sonore di film, raggiungendo più di un milione di spettatori televisivi danesi e attraverso composizioni ritmiche che sono bene consolidate nella scena musicale internazionale. Per più stagioni Reiff Jr è stato il direttore musicale dello show televisivo “The Big Class Reunion” che ha visto la pèresenza di star come David Sanborn, Mark King e Chaka Khan. Ha inoltre suonato ed inciso con artisti come Randy Crawford, Michael Brecker, Tower of Power, Robert Palmer e Toots Thielemanns, per non parlare poi della crema della scena musicale danese. Reiff Jr ha composto musica per film e spettacoli televisivi delle televisioni nazionali danesi, svedesi e cinesi. Inoltre ha girati gran parte del mondo da Beverly Hills all’Europa fino alla Malesia e nel 1998 è stato inserito nel prestigioso “International Who’s Who in Music”. Nel cd Funky Flavas è possibile riconoscere opportunamente miscelate sia contaminazioni musicali provenienti dall’hard core R&B/Hip Hop e dal Jazz. La struttura armonica del suo sound, i suoi assoli ricordano quelli dei più grandi musicisti, leggendari rappresentanti del jazz.


Siti ufficiali


www.reiff.dk
www.funkyflavas.com.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

sir-01 mar-13 mar-14 mar-15 mar-16 mar-24 th-28 26 15_pm petkovsek_07 dobrilovic_04 malleus_09 09 20 tso5big pudorergb cip-01 cip-09 lor-1-big cor06 holy_wood_20 pm-26 murphy-40 galleria-04 tsu-gal-big-03 09 jingler strip2 Dog Eat Dog Face 1 Quarto movimento, 1951 Carol Rama