// stai leggendo...

Fumetto

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Pera ToonsÈ un incontro con la stampa allegro e informale quello che ha luogo con Alessandro Perugini in arte Pera (conosciuto anche come Pera Toons), forse complice il fatto che a far parte della “stampa” ci sono anche un paio di bambini un po’ intimoriti dall’incontro col loro idolo ma che comunque troveranno il coraggio, anche se per interposta persona, di fargli qualche domanda.
Il mio approccio inizia ancor prima della conferenza: ho l’onore di accompagnarlo in ascensore nella sala e lì mi confida un certo timore nei confronti della ricerca dei titoloni a effetto da parte dei giornalisti, che evidenziando a dismisura una frase estratta dal contesto in cui l’ha pronunciata hanno dato a volte l’impressione che volesse dire cose che in realtà non ha minimamente pensato. Nel dubbio opto per un sobrio “Incontro con Pera Toons”.

Pera Toons è un fenomeno di successo tra i giovanissimi ma anche tra quelli che non lo sono più da un pezzo. La sua popolarità arriva quattro anni fa su TikTok, dove carica le sue fulminanti clip: scenette, barzellette rivisitate o interamente nuove, giochi di parole, freddure… e il pubblico lo premia con un seguito fedele ed entusiasta e anche con qualche suggerimento sulle gag future, innescando un circolo virtuoso che continua ancora oggi, pur con gli inevitabili sviluppi che ci sono stati. Ad esempio, nel corso dell’incontro rivela che in origine il suo pubblico di riferimento era quello degli adolescenti, e per questo agli inizi faceva ricorso anche a un umorismo nero che con l’allargarsi della sua platea si è rarefatto (ma di cui rimane il suo cavallo di battaglia: l’eterna vittima sacrificale Kenny ripresa da South Park). La sua mission, per dirla in termini di logica aziendale, era quella di fare sorridere, soprattutto dopo il COVID, ma all’obiettivo originale se n’è aggiunto un altro: puntare alla famiglia, ovvero cercare di essere fruibile e divertente veramente per tutti, perché il massiccio arrivo di bambini tra i suoi follower gli ha fatto capire quanta responsabilità abbia.

Fatti una risataForte della sua formazione di grafico (dopo studi di Ingegneria), è in grado di impaginare da solo i suoi libri, e questo ovviamente è un buon vantaggio sia dal punto di vista delle risorse spese nella realizzazione dei volumi che nel controllo autoriale degli stessi. Dal punto di vista tecnico, i programmi usati per disegnare e animare le sue clip sono Adobe Photoshop, InDesign e Procreate. Pur nella loro apparente semplicità, le sue clip necessitano comunque di un certo lavoro per essere disegnate, letterate, animate, ecc. Per questo, senza ricorrere alla costituzione di un vero e proprio studio che costerebbe troppo, recentemente ha assunto un’assistente, Sara (o Sarah?) che lo aiuta con alcune animazioni e le ombreggiature dei suoi disegni.

Ma Pera Toons non è un fenomeno che nasce e vive nel solo web: i suoi libri, editi da Tunué, sono campioni di vendita e non sono mai la semplice raccolta delle scenette passate su Internet. Se da una parte dice che è stato l’editore a chiedergli “qualcosa in più” rispetto a quello che si trova sui social, dall’altra è Pera stesso che ci tiene molto che il suo lavoro percorra anche la strada dell’editoria cartacea, tanto da preferire questo canale ed evitare che le due strade si sovrappongano: nei suoi libri non troveremo ad esempio QR code che rimandano a Internet, perché la sua idea è che debbano essere fruibili da soli. Ecco quindi che nei suoi volumi ci sono giochi, enigmi e vere e proprie trame che legano tra di loro le battute e le freddure. Ecco, appunto, le freddure… l’umorismo è una delle cose più legate alla cultura dei singoli popoli e nazioni (e mi tengo anche largo, ché a volte basta cambiare regione o provincia o comune e una cosa non fa più ridere); inoltre i giochi di parole sono difficilissimi da tradurre in un’altra lingua non solo per una questione di musicalità ma anche per la necessità di “localizzare” certe espressioni che non esistono nella lingua ricevente. Conscio di questi ostacoli alla diffusione della sua comicità, gli chiedo se non gli piacerebbe avere qualche edizione estera. La risposta mi sorprende: in Brasile, dove pare che apprezzino un umorismo simile al suo, vengono infatti tradotte sul web (più o meno “ufficialmente”…) le sue clip. Non solo: Pera ha effettivamente pubblicato un libro anche negli Stati Uniti. Purtroppo, per quanto sia andato bene, non ha riscosso lo stesso successo che gli arride in Italia, probabilmente ci vorrebbe anche oltreoceano una fanbase fedele, una community che arrivi al volume cartaceo dopo essersi consolidata sulla Rete. Gli resta comunque la voglia di produrre qualcosa in inglese proprio per giocare sull’omofonia che può accompagnare l’eterografia (sì, insomma, quel fenomeno di cui un esempio è l’espressione francese la mère du maire est allée à la mer).

Ridi che è meglioAnche col privilegio che accorda alla versione cartacea del suo lavoro, mi sembra inevitabile chiedergli di approfondire il discorso su Internet e sui social network. Anche stavolta mi sorprende: Pera dice che tutti i social sono utili, ma quel TikTok che gli diede la fama lo mette solo al quarto posto di una classifica in cui a primeggiare è adesso YouTube. Questa piattaforma consente infatti la messa online delle “raccolte” più lunghe che periodicamente (al raggiungimento di un certo quantitativo di like alle precedenti) antologizzano il suo lavoro e soprattutto offrono il gioco finale del “chi ha ucciso Kenny?” prendendo spunto dai trend del momento e permettendo una maggiore interattività coi suoi follower. E poi su TikTok la concorrenza è diventata feroce, l’algoritmo che determina cosa suggerire di vedere è spietato.

Ma torniamo al settore librario. Pera dichiara la sua passione per la letteratura motivazionale: fu proprio grazie alla lettura di uno di quei testi che trovò l’ispirazione e il metodo per praticare a buoni livelli il nuoto. Purtroppo un infortunio gli impedì di continuare e da lì cominciò a postare le sue vignette animate sui social. Nel cambio mi pare che ci abbia guadagnato.

Unica anticipazione sul prossimo libro: sarà arancione, ma sul titolo riserbo totale.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Casomai un’immagine

bis_IV_02 Woman 2 26 murphy-14 pm-40 Otrok18 sac_13 kay p1 jg_big_2 nsoleh1 dark 27 mccarroll06 mccarroll04 sir-37 bon_sculture_07 016 014 thole-03 kubrick-32 30 15 th-66 th-47 pck_10_cervi_big viv-37 mar-37 mar-30 mar-07
Privacy Policy Cookie Policy