// stai leggendo...

Scrittura

Fuori i Secondi di Martín Kohan

Strutture complesse in chiave ironica

Copertina del libro Fuori i secondi, di Martin Kohan
Titolo: Fuori i secondi
Autore: Martín Kohan
Traduzione: Glauco Felici
Titolo originale: Segundos afuera
Anno di pubblicazione: 2005
Prima ed. italiana: Gennaio 2008
Editore: Giulio Einaudi, Torino
Collana: L’arcipelago Einaudi
Pagine: 233
Prezzo: 12,50 Euro
ISBN: 9788806183271

Uno straniero è un uomo scompagnato. Questo dissi. Uno straniero è un uomo scompagnato. La sua morte, se muore mentre è uno straniero, è ugualmente un fatto scompagnato.
La notizia di quel fatto può rimanere anch’essa scompagnata.

Verani disse di sì. Ledesma disse di no. Verani e Ledesma si conoscevano da più di dieci anni, ma si davano sempre del lei.

Sono fenomeni di concentrazione temporale. Bisogna saperli distinguere e seguire uno per uno.
Concentrazione temporale, Verani: in periodi brevi, a volte brevissimi, si può vedere tutta un’epoca o tutto il mutamento di un’epoca. La storia intera si concentra in un attimo. Sono fenomeni di concentrazione temporale, Verani. Bisogna scrivere su di essi.

Martin Kohan

Siamo nel 1973, a Trelew, arida e ventosa Patagonia, il giornale locale compie cinquant’anni. Per l’occasione, un’edizione speciale rievocherà gli eventi più significativi del lontano settembre 1923. Il cronista sportivo Verani sceglie l’epico incontro di boxe svoltosi a New York tra Jack Dempsey e Luis Ángel Firpo, detto “El Toro Salvaje de las Pampas”, valido per il titolo mondiale dei pesi massimi. Il responsabile delle pagine culturali, Ledesma, opta per una serie di concerti che Richard Strauss diresse al Teatro Colòn di Buenos Aires. Per la cronaca nera, la morte violenta e inspiegata di un violoncellista dell’orchestra europea in tournée, avvenuta la sera stessa dell’incontro, suscita la curiosità della redazione. Tra ricerche e congetture inizia una tardiva indagine.

L’apparente linearità della trama non rende merito al maggior pregio di Fuori i secondi che è nella sua struttura ardita e complessa. Musicale potremmo dire. Ogni capitolo ci appare come la pagina di una partitura; differenti linee melodiche si sovrappongono e aboliscono l’ordine temporale degli avvenimenti in un polifonico intreccio di sguardi e parole. Jack Dempsey infinitamente cade; Donald Mitchell cerca con la sua macchina fotografica di cogliere e fermare l’istante a bordo ring; Ledesma — paladino donchisciottesco dell’Arte — discute con il suo scettico scudiero Verani; il giovane Roque è testimone muto e riflessivo di questi irresistibili dialoghi. Martin Kohan, in questa costruzione fugata, mostra un virtuosismo stilistico in cui la versatilità della scrittura, per analogia, ricorda proprio le varietà timbriche degli strumenti e le infinite possibilità del suono orchestrale. Uno stile che ha in comune con la musica uno straordinario potere evocativo. I personaggi non ci vengono presentati, non sappiamo nulla del loro aspetto fisico ma nitidamente percepiamo la loro singolarità e li riconosciamo leggendone le parole e i pensieri.

Martin Kohan, autore del romanzo Fuori i secondi, edito da Einaudi

Il romanzo brilla di soluzioni formali raffinate, estetizzanti, ma Kohan nega, disincantato, la purezza dell’arte; sottolinea la necessità ineliminabile di un dialogo tra opera e realtà. È Ledesma stesso, fiero propugnatore della alterità assoluta del mondo estetico, nei suoi vani sforzi pedagogici rivolti allo svogliato Verani, a illuminarci sulle ambiguità dell’arte. Vorrebbe separare con nettezza musica popolare e musica colta ma, incidentalmente, annota che molte melodie mahleriane sono di ispirazione popolare; afferma con sicumera che l’arte è il regno della Qualità ammettendo, però, che la Quantità ha un ruolo innegabilmente positivo nella grandiosa Sinfonia dei Mille; sostiene la superiorità etica dell’artista per rivelarci poco alla volta un Mahler meschino, invidioso e cornuto; con leggerezza distratta distrugge anche il mito dell’unicità e non riproducibilità dell’opera d’arte citando il Palacio Barolo di Buenos Aires, che ha un sosia appena oltre il fiume, a Montevideo…

L’arte dunque intrattiene traffici con il mondo popolare, si compromette con la cultura di massa, i suoi araldi non sono impeccabili. Con moto inverso la boxe, rude spettacolo che piace alle folle, partecipa del mondo della Qualità. Come una linea di basso continuo, l’incontro tra Jack Dempsey e Firpo attraversa l’intero libro: il ring illuminato è il luogo dove il tempo si ispessisce e si concentra. Il confronto tra i due pugili è un’esplosione di situazioni e possibilità, un evento di intensità non ordinaria, un nodo di vita cha attende di essere sciolto da un verdetto.

Il romanzo termina con un’inquietante e grottesca marcia funebre. Martin Kohan descrive l’aspetto fisico di un unico personaggio: un vecchio violoncellista devastato dall’età che gioca a dadi con il suo ospite — come non ricordare la Morte che gioca a scacchi — e racconta infine la verità di quella notte di settembre del 1923.

Martín Kohan (Buenos Aires, 1967), è unanimemente considerato lo scrittore più promettente e capace della nuova generazione argentina. Ha scritto romanzi, racconti e saggi. Fuori i secondi è il suo primo libro tradotto in Italia

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

Casomai un’immagine

pas-03 sir-17 mar-12 mar-15 08 kubrick-23 kubrick-24 kubrick-25 thole-09 ruz-02 dobrilovic_06 bon_05 bon_08 bis_I_02 piccini_19 mccarroll12 v 13 opla1 religioni1 s14 pm-37 murphy-39 galleria05 23 pugh-06 tsu-gal-big-06 tsu-gal-big-07 wendygall-12 Greenhouse