// stai leggendo...

Cinema

Carnage – Il dio della carneficina di Roman Polanski

Locandina del film CarnageDopo aver curato nel 1995 la trasposizione cinematografica di La morte e la fanciulla di Ariel Dorfman, Roman Polanski porta nuovamente sul grande schermo una pièce teatrale già rappresentata sui palcoscenici di tutto il mondo: Il dio della carneficina di Yasmina Reza vincitrice l’anno scorso di un Tony Award.

Se nella pièce di Dorfman l’argomento affrontato era la tortura in Cile ai tempi di Pinochet e Polanski si divertiva a “imprigionare” in una casa isolata due attori del calibro di Ben Kingsley e Sigourney Weaver, ne Il dio della carneficina la tematica trattata è più leggera ma il regista costringe i quattro personaggi a confrontarsi nello spazio angusto di un salotto con inevitabile effetto claustrofobico da parte dello spettatore.

La trama parte da un avvenimento banale che ognuno di noi, nella sua quotidianità, può trovarsi a sperimentare: la lite tra due ragazzini con conseguente rottura di un paio di denti. I rispettivi genitori, Penelope e Michael Longstreet, Alan e Nancy Cowen, due coppie di borghesi decisi più che mai a preservare quell’integrità morale di facciata che li caratterizza, si incontrano nel salotto di casa Longstreet per risolvere pacificamente la questione. Penelope è una scrittrice di un intellettualismo esasperante, il marito Michael è un grossista sottomesso alla moglie, Alan è un avvocato di successo e non si stacca mai dal cellulare anche se non ne capisce il funzionamento, Nancy è una broker che vive nel terrore di non accudire abbastanza i propri figli. Quella che però dovrebbe essere una conversazione informale e pacata si trasforma ben presto in uno scontro verbale con insulti, attacchi di vomito – Nancy ci mette due secondi per distruggere la collezione di cataloghi d’arte di Penelope – cellulari “affogati” e accese discussioni che svelano le ipocrisie, le menzogne e la mediocrità di una società dove contano solo le apparenze.

Il conflitto non esplode solo tra le due coppie in quanto entità che si contrappongono, ma si estende a livello individuale portando i coniugi stessi a confessarsi le proprie frustrazioni e a sputarsi addosso tutto il veleno accumulato in anni e anni di vita matrimoniale.

Foto di scena di Carnage

Polanski, che fino a poco prima dell’inizio delle riprese aveva mantenuto il riserbo sugli attori prescelti per la parte, affida i ruoli principali alla due volte premio Oscar Jodie Foster (Sotto accusa, 1989 e Il silenzio degli innocenti, 1992), al premio Oscar Kate Winslet (The reader, 2009), al premio Oscar Christoph Waltz (Bastardi senza gloria, 2010), e al “quasi” Oscar John C. Reilly (candidato nel 2003 per Chicago), e intrappola i loro personaggi in una sorta di gabbia dalla quale, come cavie impazzite, faticano a uscire vivi.

Le interpretazioni sono tutte di alto livello e l’ambientazione newyorkese funziona, anche se potrebbe essere vista come una provocazione da parte di Polanski considerato che non gli è ancora possibile soggiornare nella città americana a causa dell’accusa di violenza carnale che pesa sulla sua testa e che di fatto gli ha anche impedito di essere presente a Venezia. Il film mantiene l’umorismo e l’angoscia della pièce originale, ma permette allo spettatore di immedesimarsi maggiormente nei personaggi, e in effetti guardandolo sembra proprio di condividere l’appartamento con le due coppie intente a “scannarsi”.

Foto di scena di Carnage con il regista

Come afferma Ben Brantley del New York Times: “Il dio della carneficina è uno studio sulla tensione che si crea tra la superficie civilizzata e l’istinto violento”. La pellicola è stata girata in tempo reale, senza ellissi, per fare in modo che lo spettatore potesse gustarsi meglio l’evolversi della discussione dalla quiete apparente all’esplosione degli stati d’animo.

All’ultima Mostra del Cinema di Venezia la pellicola è rimasta a bocca asciutta nonostante le lodi di critica e pubblico, ma troverà sicuramente di che consolarsi come film di apertura del 49 Festival del Cinema di New York (dal 30 settembre al 16 ottobre). Non sorprenderebbe se arrivasse anche qualche candidatura all’Oscar.

Il film, dal mio punto di vista, è molto bello e coinvolgente proprio perché mette in scena il lato più oscuro dell’essere umano e perché, in fondo, Penelope, Michael, Alan e Nancy, con le loro debolezze e i loro scatti d’ira, sono il riflesso di noi stessi. Se di fronte ad alcune battute è inevitabile scoppiare a ridere, poi, pensandoci bene, ci si rende conto che si tratta di una risata amara perché le persone messe al bando sono proprio quelle sedute in sala che stanno guardando il film. La pellicola non supera gli ottanta minuti, ma l’affiatamento tra gli attori è tale che riescono a creare un capolavoro anche nel breve tempo a disposizione.

Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] della mia pièce, mi ha chiesto se ero disposta a cedergli i diritti per trarne il film Carnage. Gli ho risposto che a lui li cedevo senza problemi. In seguito, mi ha chiesto di collaborare alla […]

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

pas-09 pas-11 mar-04 viv-15 viv-32 viv-43 th-24 th-38 th-72 th-77 30 19_pm kubrick-47 petkovsek_06 piccini_01 piccini_02 piccini_03 sade1 cor12 holy_wood_25 p9 murphy-04 24 07 20 Installazione di Alessandro Gallo Le malelingue, 2003 Carol Rama Quarto movimento, 1951 Carol Rama Skull n-2 2011 the-afghan-whigs-34