// stai leggendo...

Arte

Tip Tap

Scegli il tuo player preferito per visionare il video
realreal

Tip tap è un progetto di video performance che prende corpo da una serie di idee sulla discontinuità, la non coincidenza e, allo stesso tempo, lo scambio tra certe forme del linguaggio e il movimento fenomenologico della realtà. Forme che, nel linguaggio comune, costituiscono quella parvenza di unità formale capace di determinare, nella sintesi, l’illusione del movimento nel tempo e nello spazio. Concetti vuoti, ritmici, semplici, ripetitivi e puntuali, che svelano l’attrazione del fuori e l’impossibilità di afferrarlo.

Immagine articolo Fucine Mute

Gli esempi possono essere infiniti — anzi, la totalità dei linguaggi potrebbe definirsi in quel contatto impossibile che fissa la percezione del movimento nelle parole — ma, nel caso di questo progetto, si tratta di una scelta di ciò che è evidente, del contatto concreto, primitivo, didattico o puramente formale: il tip tap, il conto alla rovescia, il “file not found”, un semaforo, una torta di compleanno, etc…

Immagine articolo Fucine Mute

La struttura della video performance, divisa in tre parti, si propone come una sorta di macchina o meccanismo di sviluppo progressivo nella quale questi enunciati semplici — “atomici” poiché non fanno ricorso a connettivi — si ripetono e accumulano in successione, attraverso la voce e il corpo immobile di una speaker, in simultaneità e contrappunto con la rappresentazione grafica delle parole e il passaggio continuo di immagini dinamiche — mezzi di trasporto, azioni, oggetti animati — che entrano ed escono dagli schermi, seguendo un movimento progressivo, astratto e sequenziale, e creano un perimetro nello spazio compresso tra gli schermi e i fruitori.

Immagine articolo Fucine Mute

Nella seconda parte, dopo l’accumulazione e la dispersione, si sprofonda nella sconnessione, nella sospensione di ogni contatto, per tornare a posteriori, nella terza parte, a ricominciare, arrivando allo stremo, quando tutto coincide come farsa: il ballo del tip tap. Trenta secondi di ballo reale nel centro del perimetro, dove la saturazione del movimento raggiunge i suoi livelli massimi.

Scegli il tuo player preferito per visionare il video
realreal

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Trieste Science+Fiction Festival 2017

Il signore va a caccia di Georges...

Casomai un’immagine

sir-21 mar-11 viv-27 pck_13_cervi_big th-10 th-52 25 02_pm kubrick-45 ruz-02 017 bon_07 bis_V_02 piccini_13 piccini_17 mccarroll01 04 Rainbow640 fotosintesi pm-31 murphy-38 galleria-03 esplosa-06 tsu-gal-big-12 vivi-04 vivi-08 wendygall-03 Jingle SCI-FI Greencat cornell-25