// stai leggendo...

Scrittura

Corrado Premuda al Festival del libro per ragazzi di Pola

[…] Incompresa da tutti, Cenerentola cadde in uno stato di totale apatia, trascorrendo le giornate a letto. Il principe, dapprima allarmato, un giorno – come per una fulminazione – si rese conto che nulla lo legava più alla sua consorte. Finita la passione per la bellezza genuina di quella ragazza tanto fuori dal comune, capì che le differenze culturali e sociali fra di loro impedivano un dialogo e un rapporto maturo […]

(Corrado Premuda, Sempre serva, 2013)

FavoleGiunto ormai alla sesta edizione, il Festival dječje knjige Monte Librić (Festival Internazionale del libro per ragazzi Monte Librić), che si terrà a Pola, in Istria (Croazia), dal 20 al 26 aprile (ma con il “giorno zero” di venerdì 19 dedicato a librai ed editori), non si pone solo l’obiettivo di presentare ai giovani lettori i libri di recente pubblicazione ma, attraverso incontri, laboratori, spettacoli, letture animate, officine per genitori e tavole rotonde, vuole anche affrontare tematiche di attualità, approfondendo il ruolo pedagogico della letteratura per l’infanzia e permettendo ai bambini di entrare in contatto diretto con un universo culturale di fondamentale importanza per la loro crescita. La collaborazione con la Comunità degli Italiani, inoltre, garantisce lo sviluppo di un legame interculturale tra italiani e croati che, oltre a determinare un arricchimento personale, favorisce la conoscenza e il rispetto reciproco dando vita ad una cooperazione davvero essenziale in questo periodo in cui la Croazia sta per entrare a far parte dell’Unione Europea.

Quest’anno il tema prescelto dal Festival è Realtà irreale, inteso come incontro tra tradizione e contemporaneità dalla cui fusione nascono preziose opere letterarie; e cosa c’è di più tradizionale della nota favola di Cenerentola? Lo scrittore Corrado Premuda, tra i partecipanti alla manifestazione, ritiene che quella storia abbia ancora molto da raccontare, e infatti, domenica 21, nell’ambito del Racconto della buona notte, sarà la sua fiaba Sempre serva, seguito ideale di Cenerentola, a intrattenere grandi e piccini. Premuda, che il giorno seguente converserà con il pubblico in occasione del Picnic con l’autore, non focalizza l’attenzione sull’aspetto esteriore della protagonista ma sui sentimenti e le sensazioni da essa provati.

Premuda fotografato da Patrizia Miliani

Se la favola originale di Charles Perrault mirava a insegnare ai bambini come l’educazione e le buone maniere fossero qualità imprescindibili per essere ben voluti dagli altri – vedesi il passaggio in cui Cenerentola, straordinariamente bella dopo l’incantesimo della Fata madrina, si presenta al ballo e offre alle sorellastre, che l’hanno sempre maltrattata, le arance e i limoni ricevuti dal Principe (in un’epoca in cui la frutta valeva più dei diamanti) – Premuda immagina le conseguenze di quell’amore a prima vista rendendo il personaggio più consono alla realtà. Cenerentola e il Principe sono ormai marito e moglie, e la fanciulla, circondata da uno stuolo di segretari, ciambellani, ministri, domestiche, dame di corte e quant’altro, si accorge di non vivere un sogno ma un incubo. Non c’è persona che non si faccia in quattro per lei, e la poverina prova un profondo senso di inutilità che rende le sue giornate cupe e noiose. Com’erano belli i tempi in cui, china sul pavimento, passava lo strofinaccio sulle piastrelle! E allora, l’unica soluzione è convincere il Principe a permetterle di pulire lei stessa il castello, perché la felicità non è insita nelle illusioni ma nella fatica e nel sudore.

È evidente che il racconto di Premuda vuole ironizzare sulla celeberrima fiaba insegnando, però, ai bambini e agli adulti, che ogni cosa è davvero bella solo quando la si conquista lavorando sodo. Un amore nato per magia, grazie alla beltà di lei, non dura se non si fonda su solide basi; e una vita da ricchi, trascorsa facendosi servire e riverire da tutti, riserva solo delusioni e sofferenze quando non è integrata da un impegno che gratifica e soddisfa. Il sudore versato nel raggiungimento di un obiettivo, per quanto brutto possa sembrare di primo acchito, è l’unico che ci consente di accogliere con gioia i frutti di un eventuale successo.

Corrado Premuda: autore di romanzi e racconti, testi teatrali e radiofonici e testi per cataloghi d’arte, ha partecipato nel 2007 alla Fiera Internazionale del Libro di Pola con l’antologia Confusioni triestine curata da Ljiljana Avirovic e Valerio Fiandra, con la prefazione di Claudio Magris, libro che contiene, oltre al suo racconto Particole al cioccolato, anche testi di Mauro Covacich, Pino Roveredo, Pietro Spirito. Nel 2010 il suo romanzo Prematurità, col titolo Sazrijevanje, è stato pubblicato dall’editore Antibarbarus di Zagabria tradotto in lingua croata da Angela Galic che per questo libro è stata insignita del Premio per la Traduzione Bobi Bazlen istituito dall’Università degli Studi di Trieste: la particolarità del romanzo Prematurità è di essere tuttora inedito in Italia.

La foto che rappresenta Corrado Premuda è della fotografa Patrizia Miliani. Le sue opere sono attualmente esposte al Knulp Bar, di via Madonna del Mare 7a a Trieste, nell’ambito della mostra Blind Click (Lo “scatto cieco”).

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Casomai un’immagine

sir-06 sir-16 mar-01 mar-07 viv-12 th-05 th-32 th-58 24 29 27_pm kubrick-46 kubrick-54 kubrick-78 petkovsek_09 piccini_01 acau-gal-18 33 tso1big cas-13 18 cammello2 s3 pm-02 murphy-03 06 pugh-03 wendygall-08 19 the-afghan-whigs-1