// stai leggendo...

Scrittura

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

20) Poirot sul Nilo (Death on the Nile, 1937):

Poirot sul Nilo (Death on the Nile)Protagonisti: Hercule Poirot, Jacqueline de Bellefort, Linnet Ridgeway.
Narratore: Onnisciente in terza persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Colpo di pistola alla nuca.
Trama: La giovane e ricca Linnet Ridgeway ha appena portato via il futuro marito alla sua migliore amica, Jacqueline de Bellefort. Qualcuno, però, non gradisce molto questo suo comportamento e decide di risolvere il problema assassinandola. Hercule Poirot, che ogni volta che si trova in vacanza attira i delitti come le calamite, riuscirà a uscirne vivo nonostante le fastidiose mosche e i bambini dei mercati arabi che tentano in tutti i modi di vendergli collanine.
Si tratta di un romanzo meraviglioso non tanto per la trama gialla quanto per la descrizione dei paesaggi, dei battelli sul Nilo e della variegata umanità che vi si incontra.
Dal volume è stata tratta la pièce teatrale Murder on the Nile, in italiano Assassinio sul Nilo.

That is why most great love stories are tragedies.

21) Due mesi dopo (Dumb Witness, noto anche con il titolo Poirot Loses a Client, 1937):

Due mesi dopo (Dumb Witness)Protagonisti: Hercule Poirot, Arthur Hastings, Bob (terrier a pelo ruvido).
Narratore: Onnisciente in terza persona fino al capitolo quarto. Dal quinto capitolo in poi diventa Arthur Hastings in prima persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Avvelenamento da fosforo.
Trama: L’anziana signora Emily Arundell, poco prima di morire, invia una lettera a Poirot, che egli riceve due mesi dopo, in cui gli confessa di provare una certa inquietudine per degli strani episodi verificatisi negli ultimi tempi, tra cui quello della “palla del cane”. Hercule Poirot, non capendo bene il senso della lettera, decide di recarsi, insieme ad Hastings, nella tenuta di campagna della signora per indagare sulla questione. Scoprirà, così, che la signora è deceduta, apparentemente di vecchiaia, e che il suo cane di sei anni, Bob, sa molte più cose di quanto non sembri.

The dog hunts rabbits. Hercule Poirot hunts murderers.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Casomai un’immagine

sir-32 viv-01 viv-10 pck_10_cervi_big 02_pm kubrick-33 kubrick-42 thole-18 petkovsek_08 dobrilovic_02 bon_sculture_10 bon_sculture_16 malleus_10 holy_wood_10 holy_wood_30 p5 s10 fotosintesi pm-07 04 14 pugh-06 esplosa-07 vivi-03 wendygall-03 13 17 Padiglione Italia Ammaestrati 2011 the-afghan-whigs-1