// stai leggendo...

Fumetto

Victoria Jamieson

Il fumetto come il roller derby

Intervista a Victoria Jamieson

Negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno visto nascere e  affermarsi nuovi generi e formati di fumetto, che si discostano dagli immarcescibili comic book. Tra gli altri si è diffuso un filone di graphic novel che si rivolgono a un pubblico giovane e principalmente femminile, genere tenuto a battesimo idealmente da Raina Telgemeier.

Il lavoro di Victoria Jamieson si inserisce in questo stesso settore e anche lei (dopo un passato nell’animazione) sta realizzando fumetti pubblicati direttamente in volume dedicati a quella fascia di pubblico. Dopo l’esordio con Roller Girl, a Lucca presenta per Il Castoro il suo nuovo libro: Angelica alla scuola media!.

Angelica alla scuola mediaLuca Lorenzon (LL): Puoi presentare il tuo lavoro al pubblico italiano?

Victoria Jamieson (VJ): Mi chiamo Victoria Jamieson e faccio libri a fumetti indirizzati a un pubblico di ragazzi tra i nove e i dodici anni, tendenzialmente il periodo del Middle Grade [scuole medie negli Stati Uniti, Ndr].
Il mio approccio si basa su quanta più onestà possibile nel rappresentare i protagonisti, solitamente ragazze: non voglio creare l’immagine di una “infanzia dorata”, credo che ognuno di noi ricordi anche delle cose negative di quel periodo. I miei personaggi fanno delle cose buone… ma anche meno buone.

LL: Entrambi i volumi con cui sei presente qui a Lucca sono piuttosto corposi, quanto ti ci vuole per realizzarne uno?

VJ: Per una graphic novel impiego circa due anni.

LL: Quindi fai tutto tu.

VJ: In Roller Girl ho fatto tutto io, per Angelica alla scuola media! un colorista ha fatto le campiture di base su cui poi ho lavorato. Il font del lettering l’ho elaborato io a partire dalla mia grafia.

LL: C’è qualche messaggio in particolare che vuoi trasmettere con i tuoi fumetti, anche considerando il pubblico giovane a cui ti rivolgi principalmente?

VJ: Nessun messaggio in particolare, parlo delle cose attraverso cui siamo passati tutti: il rapporto con la famiglia, gli amici, crescere insomma.

LL: C’è qualcosa di autobiografico nei tuoi libri?

VJ: Tutti i miei fumetti sono un po’ autobiografici. Ho anche lavorato in un festival medievale come Angelica. In Roller Girl c’era la situazione della perdita della mia amica del cuore a dodici anni, e anche io pratico il roller derby. È uno sport che può essere una metafora della vita: si cade e poi ci si rialza.

LL: A proposito di roller derby, mi ricordo di aver visto un film con Juliette Lewis ambientato in quel mondo, ma adesso non mi viene il titolo. Non so se lo conosci: era una rappresentazione realistica dello sport? Mi ricordo che le ragazze erano un po’ cattivelle…

VJ: Certo, lo conosco: si intitola Whip it!; il film è ovviamente esagerato in certe sue parti ma riflette abbastanza realisticamente la scena del roller derby.

Libri di Victoria Jamieson

LL: C’è qualche autore o fumetto che ti è servito da ispirazione?

VJ: Non i comic book tradizionali, quelli di supereroi. Mi piacciono le strisce di Calvin & Hobbes e For Better or Worse. Ma un po’ d’ispirazione probabilmente viene anche dai libri come quelli di Ramona Quimby, la sua autrice Beverly Cleary parla di come sono veramente i bambini.
Ma l’ispirazione maggiore è stata sicuramente Raina Telgemeier [ospite a Lucca 2017, Ndr], che con il suo Smile ha riscosso un enorme successo in America e ha ispirato un sacco di altri autori.

LL: Che rapporto hai con i social network, li usi per promuovere il tuo lavoro?

VJ: Odio Facebook e Twitter [ride, Ndr], ma mi sono commossa quando ho visto su Twitter una ragazza che per Halloween si era fatta un costume ispirato ad Astrid, la protagonista di Roller Girl. Tramite la scuola le ho fatto pervenire una lettera e lei l’ha letta davanti a tutta la classe. È stato emozionante!

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

viv-24 th-05 th-10 th-67 20_pm kubrick-44 petkovsek_22 008 013 018 bon_sculture_01 piccini_14 03 bav-06 cas-02 cor01 jg_big_3 s12 s20 sac_13 sac_15 mis4big-2 pm-02 murphy-21 02 37 sla-gal-1 wendygall-03 Song Dong joker3d