// stai leggendo...

Omnia

Trieste distretto culturale?

Cristina Benussi Giacomo Borruso Maria Campitelli Maurizio Carta Luigi Nacci Annamaria Percavassi Gianni Stavro di Santarosa Vittorio Alberto Torbianelli Michele Zanetti

La scoperta del settore culturale come un potenziale settore trainante dello sviluppo economico locale può essere attribuita al “Greater London Council” che, negli anni Settanta, elaborò la prima vera e propria strategia per lo sviluppo di questo settore realizzando un insieme di interventi infrastrutturali – dalla realizzazione del South Bank Centre alla nuova sede della Tate Gallery – sviluppatisi durante tutti questi decenni. Il settore culturale viene così inteso in una accezione ampia, che comprende: i beni culturali, lo spettacolo dal vivo, la produzione d’arte contemporanea, la fotografia, il cinema, l’industria multimediale, la moda, il design, gli spazi pubblici urbani (parchi, piazze, etc.), lo sport.
Una forte integrazione tra le attività del settore culturale e quelle dei settori connessi (turismo, in primo luogo, ma non solo) costituisce il cardine della strategia. Una sua specificità, che caratterizza tutte le sue concrete applicazioni, risiede nel fatto che l’integrazione viene perseguita attraverso una “specializzazione territoriale”, ovvero: parti della città diventano luogo privilegiato per l’insediamento di musei, di spazi espositivi, di teatri, di studi di artisti di gallerie d’arte, di sale di concerto, etc. Le aree urbane che si specializzano nella più alta concentrazione di attività e luoghi per l’arte e lo spettacolo vengono definite “cultural district”.
La strategia del “Greater London Council” ha fatto scuola. Sia in Gran Bretagna sia in altre città dell’Europa e del Nord America sono state elaborate e sperimentate specifiche strategie per la nascita di distretti culturali ai fini di sviluppo, ma sopratutto, con lo scopo di rivitalizzare le aree urbane in crisi o con un patrimonio edilizio sottoutilizzato. Ciò e avvenuto, per esempio, a Glasgow, Liverpool, Sheffield, Manchester, Toronto, Boston, Baltimora, Rotterdam, Bilbao.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Casomai un’immagine

mar-33 viv-23 viv-42 pck_17_cervi_big th-73 19 kubrick-12 kubrick-22 kubrick-57 thole-16 bav-01 ruz-04 petkovsek_03 petkovsek_06 petkovsek_12 mccarroll15 e l acau-gal-13 busdon-16 cip-04 cip-14 9 p13 Otrok05 10 wendygall-01 22 Skull n-2 2011 Allure 2011
Privacy Policy Cookie Policy