// stai leggendo...

Musica

Zeno Gabaglio, l’emergere della forma

Se ascoltiamo due lavori dati alle stampe dal violoncellista Zeno Gabaglio — il primo, solista, Uno, e il secondo, in collaborazione con Andrea Manzoni alle tastiere, e cioè il progetto Gadamer — possiamo riscontrare uno degli elementi probabilmente fondanti, centrali della musica contemporanea, o meglio uno degli elementi principali che ne informa la problematicità e che è insieme uno dei fattori originari di essa: la ricerca della forma, e si intende una ricerca della forma dopo che questa è stata persa, è sfuggita.

Copertina Zeno Gabaglio

Per addentrarci in una questione tanto complessa come questa, è di estrema utilità la lettura di una nota che lo stesso Gabaglio appone al primo lavoro di cui qui si parla, Uno. Scrive Gabaglio: “Questo disco è uno perché la musica che ci sta dentro è nata da un solo strumento, in un solo momento performativo e nell’unità estemporanea di gesto ideativo e gesto esecutivo ”. È proprio ciò che qui noi abbiamo posto in corsivo che rappresenta un punto centrale della questione, e cioè lo statuto stesso dell’improvvisazione, questo slancio apparentemente immediato — cioè non-mediato —, questa ricerca della forma. Gabaglio qui parla di un’”unità”, una unità di atto del pensare e di eseguire (due “gesti”): è lo svolgersi creativo dell’improvvisazione, non una serie di variazioni di un tema precedentemente dato, ma il suonare a partire dal nulla, da un momento-zero.

Questa “unità estemporanea”, e cioè simultaneità, è in effetti immediata, oppure è a sua volta mediata da un momento precedente che ha determinato o aperto (a seconda che si voglia porre l’accento sulla necessità o sulla libertà, anche se sarebbe bene pensarle insieme) il momento stesso in cui si dà l’avvio all’improvvisazione, che vive di una relazione reciproca fra atto del pensiero e atto dell’esecuzione, dove nessun momento è un primum assoluto? La risposta non è affatto ovvia, ma è già qualcosa aver problematizzato la questione. Interroghiamo però la musica stessa di Gabaglio, splendida quando esprime melodie suggestive come in Chiara e le sue variazioni, e estremamente interessante quando si muove nell’ambito più sperimentale e contemporaneo della ricerca di una forma.

In quest’ultimo caso siamo posti di fronte al tratteggiare quelli che Fabrizio Garau ha chiamato “paesaggi sonori più che […] composizioni strutturate”, in riferimento alle tracce meno “convenzionali” di Uno. Una questione simile si solleva per le tre tracce di improvvisazione presenti in Gadamer, in cui tale compito è svolto da Gabaglio insieme a Manzoni.

Zeno Gabaglio assieme a Manzoni

In entrambi i lavori, alla ricerca di un forma — i momenti propriamente più “astratti” dei brani — si accompagna il trovare una forma e poi di nuovo perderla, perché sfugge. È quello che si ravvisa soprattutto all’interno di Uno, dove una sorta di immobilità sonora prelude all’insorgere di forme: è un’immobilità che è in realtà momento della ricerca, del prepararsi, dell’emergere della forma. Ma essa, una volta colta, continuamente sfugge, si dilegua, ed è questo un carattere preciso della musica contemporanea.

Al contempo, occorre ripensare tutto questo cogliere e sfuggire come a un processo unitario, occorre ripensare a tutto il movimento come a un insieme, e in questo modo appare tutta la ricerca della forma nel suo complesso come una struttura. Si infrange così la deriva irrazionalistica raramente non di moda negli ultimi anni, secondo la quale ogni struttura imbriglierebbe la assoluta creatività del soggetto, anzi, non si potrebbero dare più strutture, ogni forma sarebbe la costrizione, la forzatura di un fluire incontenibile del suono. Non solo Chiara e le sue variazioni stanno qui a mostrare la possibilità e la bellezza della forma, ma anche tutti i brani di ricerca mostrano questo movimento del suono verso la forma e il suo dileguare, un movimento continuo.

Quale forma, oggi? La ricerca delle forme, il processo che Gabaglio mostra in ogni suo momento, è insieme liberazione dalle forme false e ormai false del passato e momento della crisi, in cui nuove forme non sorgono stabilmente. Oppure questo è il tempo delle forme che sfuggono? Sia pure così, ma anche questa è una forma. Ma oltre a ciò che è caduto, l’interrogativo è posto da ciò che resta. E cioè, se la forma oggi è così problematica perché la sua cristallizzazione, la sua fissità può apparire, suonare come falsa, perché le grandi opere del passato ci parlano ancora (e sono grandi proprio perché ci parlano)? Semplicemente perché, oltre ad essere opera dello spirito di quel tempo, sono assurte al livello di ciò che è universale, una parola che gli irrazionali alla moda amano poco. Ma universale è anche lo straniamento (o almeno così pare ai nostri occhi oggi), che serpeggiava già negli ultimi maestri delle forme e venne espresso successivamente da quelli che quelle forme destrutturarono.

Zeno Gabaglio

Ciò, però, non si compie senza problemi, come indicava Adorno quando ravvisava nelle stesse serie di Schönberg l’irrigidirsi in nuove forme, nate dal tentativo di farle saltare tutte. Tutto ciò è come sempre segno dei tempi, e si offre al pensiero il problema enorme di ciò che è manifestazione del proprio tempo e di ciò che attingendo pur ad esso lo supera, ed è l’universale, come il vero. Oggi, come Gabaglio mostra, si lavora anche direttamente sull’emergere, nell’emergere della forma, mostrando tutto il processo. Quanto questa forma sia solo di questo tempo e quanto colga, anche negativamente, dell’universale, ad oggi ci è estremamente difficile determinarlo. Molti problemi sono stati così aperti, e sono rimasti tali; in ogni caso, l’arte di Gabaglio ci ha imposto delle domande essenziali.

U N O 


tracklist


1. chiara 04’15
2. tuttoscorre 13’01
3. mezzo 01’02
4. claire 02’33
5. sedicente 09’38
6. di legno 03’13
7. seautòn 11’36
8. portone 03’57
9. clara 02’40
10. finale 09’28


Pulver und Asche Records – P&A 03


credits


zeno gabaglio: cello, electric cello and looping tools.


produced by zeno gabaglio, luca and vasco viviani.
recorded and mixed by nello sofia at blackdog studio, lugano, july 2006.
technical support: francesco bissolotti, eric jensen and stephan schertler.
graphic design: alfio mazzei.


GADAMER


tracklist


1. Gate 03’37
2. Niemandsrose 08’35
3. Chiara 05’22
4. Impro 01 04’42
5. Methode 04’50
6. Orizzonte 07’34
7. Impro 02 06’41
8. Martinsson 06’56
9. Impro 14 04’08
10. Post gate 04’56


Altrisuoni – AS 248


Credits


Zeno Gabaglio – acoustic and electric cello.
Andrea Manzoni – piano, moog, fender rhodes, organ.


Walter Zweifel – artistic producer
Chiara Rizzolo – drumming parts on Martinsson and Methode
Gabriele Kamm – recording engineer
Walter Schmid – mastering engineer – Oakland Recording, Winterthur
Dimitri Loringett – executive producer for Altrisuoni
Raffaella Santamaria – graphic&design
Lukas Fröhlich – piano engineer


All compositions by Zeno Gabaglio & Andrea Manzoni
Lugano 2008


Thanks to
Rete Due & Giuseppe Clericetti & Paolo Keller, Città di Lugano & Giovanna Masoni Brenni & Renato Reichlin, Fabio Caminada & Raiffeisen Mendrisio, Giovanni Crameri & Lorenzo Salvi & UBS SA, Philippe Kono, Davide Perucconi, Luca Motto, Christian Gilardi, Lomé, Dario Borso & Celan & Mandel’štam.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’Italia è tutta una Brancalonia

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

2020: l’anno in cui Lucca cambiò

Eva contro Eva a teatro con Gillian Anderson

Eva contro Eva a teatro con Gillian...

Che paura, nonno!

Trieste Science+Fiction 2020

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Casomai un’immagine

pas-07 mar-05 viv-43 pck_14_cervi_big th-13 th-34 26 kubrick-82 thole-09 neurolysis bon_sculture_10 bon_sculture_12 bon_sculture_15 piccini_01 mccarroll04 a busdon-07 busdon-13 cas-09 antal1 lontano cip-06 lor-2-big holy_wood_09 sac_07 mis-pre3 galleria12 Padiglione del Bangladesh Jingle SCI-FI Greenhouse