// stai leggendo...

Omnia

Rosy Bindi chiamata a governare il Paese, non una minoranza

La lettera aperta di Andy Violet

Pubblicata qualche tempo fa dal periodico on-line Paneacqua, questa lettera aperta al presidente del Partito Democratico Rosy Bindi è stata scritta da un insegnante di lettere, omosessuale dichiarato, noto in rete come Andy Violet.
Già nota ai lettori di Paneacqua, del blog dell’autore e ai suoi seimila followers su Twitter, viene ora ripubblicata su Fucine Mute con l’auspicio che raggiunga un pubblico più ampio e il suo destinatario ideale.

Gentile Presidente,

chi le scrive è un insegnante di lettere precario di trentun anni, omosessuale dichiarato dall’età di sedici. Ho potuto contare, sin dal mio coming out con i compagni di classe e con la mia famiglia, sulla fortuna di non aver mai subito per la natura del mio orientamento sessuale alcuna discriminazione né violenza, cosa purtroppo non scontata in Italia. Il fatto stesso che io utilizzi la parola “fortuna” per indicare la serenità con cui ho vissuto la mia omosessualità la dice lunga su quale sia la condizione di gay, lesbiche e transessuali nel nostro Paese: dobbiamo sperare che sia la fortuna a darci quei diritti che dovrebbero essere garantiti per legge, mancando una seria legislazione riguardo l’omofobia e i diritti civili.

Rosy BindiQuesta gravissima lacuna nella legislazione italiana è frutto, quando non di livore ideologico, della colpevole incuria dei partiti, di destra quanto di sinistra, per l’argomento, relegato costantemente nell’alveo delle questioni poco importanti, poiché “c’è altro ben più urgente a cui pensare”. Il che, in un paese come l’Italia, in cui l’emergenza è normalità, equivale a professare un completo disinteresse per i problemi di una fetta rivelante della popolazione italiana, completamente ignorata nelle sue legittime rivendicazioni, peraltro già da tempo accolte in vasta parte dell’Occidente. È proprio quella fetta di popolazione che lei, nella recente apparizione alla Festa dell’Unità di Roma, ha definito una “minoranza”. Le sue esatte parole sono state: “Noi siamo chiamati a governare il paese, non una minoranza”.

Ciò che forse le sfugge, Presidente, è che il fatto di essere una minoranza non la esime dal lavorare per l’affermazione dei diritti di tutti coloro che di questa minoranza fanno parte. Applicando il suo ragionamento alla lettera, non avrebbero alcun valore i diritti delle persone diversamente abili, degli immigrati, dei non cattolici, tutti configurabili come minoranze. Il suo, pertanto, è, senza se e senza ma, un concetto razzista, per di più alimentato non da ragioni oggettive, ma da un giudizio personale derivante dalla sua fede. Non si nasconda dietro la Costituzione: il suo rifiuto è frutto di ideologia cattolica pura e semplice, non meno irragionevole del burqa imposto alle donne.

Pretendo, da elettore e cittadino, che i miei diritti, non lesivi della libertà di alcuno, e il rispetto della mia persona vengano sanciti in modo inequivocabile, e non siano frutto di una fortunata coincidenza né degli indimostrabili convincimenti metafisici suoi e di altri colleghi del suo partito. Questo è dovere di chi viene chiamato a governare un Paese: ciò non la mette a capo di una minoranza, cosa che non le viene chiesto, ma la mette nella condizione di adempiere al suo mandato nell’interesse del Paese, che, sì, la stupirà, coincide con la difesa dei diritti di ciascuno, diritti che non derivano dal far parte di una maggioranza od una minoranza, ma dall’impegno dello Stato (e mi permetta di citare a mia volta la Costituzione) a rimuovere tutti i vincoli che non permettono la piena promozione ed espressione della persona.

Andy Violet

Mi meraviglio, poi, che lo stesso discorso non lo faccia quando lei e i suoi colleghi venite chiamati a votare proposte di decurtamento del vostro stipendio o di altri benefici riservati alla ristretta élite della compagine politica, proposte che si sono sempre scontrate con un netto e ingiustificato rifiuto: non è quello agire negli interessi di una minoranza a detrimento del bene comune?

Nell’invitarla a ponderare meglio le sue uscite pubbliche, che, per quanto prive di turpiloquio, non risultano meno offensive dei coloriti epiteti che qualche suo collega ogni tanto usa per definire le persone omosessuali, la saluto, informandola che la sua parte politica ha perso il mio voto. Ma cosa le importa, dopotutto? Io sono solo una minoranza.

Un cittadino di serie B

Andy Violet, classe 1980, docente di Lettere precario, poeta, enigmista, musicista. Ha pubblicato le raccolte “Mutae Divae” (2007 – Portaparole) e “Paraventi e Magnesio” (2010 – L’Orecchio di Van Gogh), ed è inserito come autore in diverse sillogi. Collabora alla testata “Paneacqua” nella sezione cultura.

andyviolet.blogspot.it

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Casomai un’immagine

15 33 tsu-gal-big-13 tsu-gal-big-08 sla-gal-6 sla-gal-5 murphy-18 murphy-03 sac_08 s20 voce2 cholmo brasch1 busdon-06 40 sir-01 acau-gal-10 l bis_IV_01 malleus_07 bon_14 dobrilovic_07 ruz-04 thole-08 thole-05 24_pm 25 th-43 pck_17_cervi_big mar-04
Privacy Policy Cookie Policy