// stai leggendo...

Scrittura

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di te

Un saggio-romanzo sui benefici della musica

A modo mio mi prendo cura di te (copertina)A modo mio mi prendo cura di te, saggio-romanzo in chiave musicoterapica di Emanuela Cangemi, appena uscito per i tipi di Armando Editore, è un’opera che si distingue per il suo alternare testo narrativo e saggistico all’interno del medesimo contesto.

Ambientato in un paesino del Sud, verosimilmente Belsito, paese di origine dell’autrice, il romanzo racconta le vicende – ma sarebbe meglio dire il percorso umano – di sei personaggi amici fin dall’infanzia che pur seguendo strade diverse non smettono mai di sostenersi l’un l’altro e di condividere passioni e sofferenze. Angelo, Antonio, Carmelo, Francesco, Giovanni e Leonardo crescono in un’atmosfera di fede, rigore e rispetto dove la musica assume un ruolo più rilevante del semplice sottofondo. Ogni situazione, sia positiva che negativa, sembra trovare un equivalente in una canzone di Guccini, Mina o Branduardi, o in una cavatina dei Pagliacci, e questo li aiuta a superare le difficoltà e ad affrontare la vita di petto. Il lettore ha così modo di seguire l’evolversi delle loro vite, e dei loro rispettivi matrimoni, immergendosi in un percorso che porta alla scoperta di opere liriche, compositori, composizioni musicali, suoni armonici, consonanze e dissonanze.

La trama è strutturata come un testo teatrale in quatto atti, di sei scene ciascuno più finale, che seguono un preciso filo logico e consentono di collocare meglio le vicende narrate dal punto di vista temporale. Il primo atto si svolge intorno agli anni Cinquanta/Sessanta con introduzione dei personaggi e delle loro aspirazioni; il secondo vede la comparsa delle future mogli con fenomeni musicali associati all’allargamento del gruppo e ai rapporti tra i vari componenti; il terzo introduce le nuove generazioni e l’ultimo parla della malattia e della morte e va a collocarsi dopo gli anni Duemila. Se all’inizio il fulcro della storia sono i sei amici e i loro rapporti con coetanei, familiari, compaesani e sacerdote, in seguito gli eventi si focalizzano su Carmelo e Giuseppina, sulla malattia che lei si trova ad affrontare e sulle conseguenti reazioni di amici, parenti e, soprattutto, del figlio piccolo e del padre di lei.

La storia ricorda per ambientazione la Brescello di Don Camillo e Peppone, e infatti all’interno del testo un esplicito riferimento ai due protagonisti delle storie di Guareschi e alle loro scaramucce c’è. Tuttavia, soprattutto nei passaggi in cui si inseriscono le spiegazioni di ambito musicale – vedesi ad esempio il discorso sui suoni armonici – la lettura risulta un po’ difficoltosa. All’interno di un romanzo, infatti, non si è abituati a confrontarsi con una descrizione specialistica, seppur metafora del rapporto esistente tra i personaggi. L’obiettivo del testo è però proprio questo: cercare di avvicinare alla musica anche coloro che non possiedono alcuna base in merito, e in questo senso è possibile che il lettore comune, immedesimandosi nelle vicende dei protagonisti, trovi una valida motivazione anche per scoprire un mondo a lui ancora estraneo.

Note musicaliI capitoli sono per lo più molto brevi, con qualche rara eccezione legata soprattutto alla storia della musica, e il narratore onnisciente cerca di mantenere un certo distacco per quasi tutto l’arco della narrazione salvo farsi coinvolgere in prima persona, con la voce di Elia, figlio di Giuseppina, nel momento in cui si parla dei temi scolastici scritti ricordando le storie del nonno e della malattia della madre. In sottofondo aleggia sempre una profonda fede, che può essere cattolica ma anche no, visto che i valori morali descritti dall’autrice sono l’amicizia, l’amore e soprattutto il rispetto e l’educazione in qualsiasi circostanza, tutte forme di prendersi cura dell’altro.

È una storia coinvolgente che in più garantisce una piacevole incursione nel mondo della musica e la descrive anche come possibile via di fuga dalla sofferenza quotidiana. Questo rende il libro meritevole di attenzione e di apprezzamento.

Titolo: A modo mio mi prendo cura di te
Autore: Emanuela Cangemi
Casa editrice: Armando Editore
Collana: Narrare
Pagine: 144
Anno di pubblicazione: 2019
Prezzo: 15,00 €
ISBN: 9788869926587
Il saggio-romanzo è introdotto da quattro contributi redatti da altrettante persone che hanno avuto modo di leggerlo in anteprima e che svolgono attività simili a quelle dei protagonisti della storia: Elvira Cozza, medico; Lucia Morello, pianista e soprano; Pasquale Panaro, sacerdote e musicista e Maria Scornaienchi, docente di lettere.

Commenti

Trackbacks/Pingbacks

  1. […] LEGGI L’ARTICOLO –> Fucinemute […]

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Science+Fiction Festival 2019

A modo mio mi prendo cura di te

A modo mio mi prendo cura di...

Mio padre era un uomo sulla terra...

Festival internazionale del cinema e delle arti...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Le versioni cinematografiche del tema di Faust...

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Casomai un’immagine

mar-10 viv-16 viv-20 th-53 th-54 09 kubrick-83 sepia dobrilovic_02 009 bon_03 bon_sculture_01 malleus_11 bis_I_03 mccarroll15 17 busdon-07 busdon-17 holy_wood_05 pm-05 pm-17 pm-26 pm-30 murphy-02 murphy-12 16 Urs Fischer Dog Eat Dog Alice Oggetti, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni