// stai leggendo...

Cinema

Massimo Rispetto

Massimo Rispetto


Regia: Giacomo Durzi
Produzione: Bradipo Film, via Catiglioni 64, 40124 Bologna tel.: 051 361841,
e-mail: postmaster@bradipofilm.it, Dams Bologna (2001), Italia
Sceneggiatura: Sergio Palladini
Personaggi e Interpreti: Bernardo Bolognesi (Scheggia), Roberto Malandrino (Kaimano) del duo Malandrino & Veronica, altresì conosciuti come “Padre Buozzi & Marcolino” e Tony del gruppo “Tony e i Volumi”
Montaggio: Rita Rognoni
Fotografia: Luigi Martinucci
Suono: Enrico Medri
Formato: Mini-Dv
Durata: 14’30”



Una sceneggiatura ironica, musiche revival, montaggi paralleli per raccontare la storia di due ultrà bolognesi che si contendono il territorio cittadino come cani randagi in cerca di prede. Il Kaimano e Scheggia fanno parte di due tifoserie opposte. I due si odiano, si cercano, si scannano. Il Kaimano, trovato a passeggiare in territorio nemico, viene finalmente catturato, imbavagliato e il gruppo ultrà di Scheggia non vede l’ora di ‘fargli la pelle’. Scheggia è colui che deve scortarlo nel luogo dove verrà barbaramente torturato (dice l’autore: “Abbiamo utilizzato una descrizione che vira su toni decisamente grotteschi, quasi fumettistici, con una struttura narrativa che, ci piace dire, quasi da western, alla Quel treno per Yuma, dove c’è un carnefice che scorta la vittima e con il quale nasce una complicità che sembrava impossibile”). I due, chiacchierando, scoprono di avere i destini intrecciati; parlano delle loro disavventure allo stadio e delle loro cicatrici… si innamorano. Divertente la sequenza in cui i due, dopo essersi separati (Kaimano approfitta di un’incursione di due ultrà affiliati a Scheggia per fuggire a gambe levate), rievocano i brevi momenti trascorsi insieme canticchiando La Lontananza di Domenico Modugno.
Nonostante il paradosso divertente che racconta come due “delinquenti” scoprono l’amore vero, il cortometraggio non introduce grandi tematiche su cui discutere. C’è un sottile errore di produzione (vedi la testa del microfono in campo quando i due si mostrano assieme in un campo totale), ma non pregiudica la visione del film.
Il corto è stato prodotto dalla casa di produzione Bradipo Film, un’associazione nata all’interno del Dams di Bologna nel 1999 che oltre ad aver prodotto molteplici cortometraggi, ha recentemente presentato un’interessante lungometraggio: La Mucca Magnetica, ancora in cerca di distribuzione.


Filmografia del regista: Giacomo Durzi (1976). Nel 1999 gira tre cortometraggi: Luiluilei(leilei)louielouie, che definisce delirante, e altri che due vengono prodotti da Tele+ per la serie “Specchio”. Nel 2001 gira Massimo Rispetto e nel 2001 Una Rosa cinquemila. Ha inoltre lavorato come produttore e sceneggiatore di un corto sempre prodotto da Tele +, per la regia di Alessandro Piva (regista della Capagira). Durzi si è cimentato anche in regie video, realizzando due filmati di spettacoli teatrali. Attualmente vive a Roma dove studia alla Scuola Nazionale di Cinema.


martina palaskov begov

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di noia profonda

Il commissario Ricciardi 2: quattro puntate di...

Sanremo anche no

Sanremo anche no

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

Trieste Film Festival 2023: cortometraggi

My Love Affair with Marriage

My Love Affair with Marriage

Casomai un’immagine

pas-05 viv-38 pck_20_cervi_big th-12 kubrick-26 kubrick-55 kubrick-64 petkovsek_10 petkovsek_23 bon_02 bon_sculture_03 piccini_17 mccarroll01 38 bra-big-01 busdon-03 tyc2 cammello4 p1 s17 kay sac_05 Otrok07 Otrok37 mis-pre1 murphy-11 murphy-31 09 vivi-05 23
Privacy Policy Cookie Policy