// stai leggendo...

Musica

Zu: “Igneo”

“Quest’ordine universale […] sempre era, è e sarà fuoco perenne e vivente, che si accende e si spegne secondo giusta misura”
Eraclito

Immagine articolo Fucine Mute“Igneo”, uscito in cd su Wide Records e in vinile per la Wallace, è l’ultimo album realizzato dagli Zu, se si esclude il live di Helsinki e il loro ultimissimo disco, nato negli studi del famoso Steve Albini a Boston, e non ancora distribuito.
Il genere di questa band è stato etichettato in vari modi: free jazz, jazz-core, math rock; definizioni che rimandano a musicisti come John Zorn, Cheval de Frise e Don Caballero (realtà musicali che a grandi linee possiamo dire vicine). In ogni caso, tentare queste classificazioni non è più di tanto utile né interessante; direi invece che ascoltando i pezzi strumentali di questo trio (sax, batteria e basso), ci si rende conto che si tratta di qualcosa d’indefinibile, dove si combinano elementi come jazz estremo e improvvisato, indie rock intricato e dissonante, potenza e velocità hardcore.

“Igneo” è un’opera di grande intensità e fantasia, che emana sensazioni di alterazione, inquietudine, viaggio psiconautico e delirio. Si tratta di musica che, specie nelle fasi più assurde (improvvisate o meno), dà l’impressione di sgorgare dall’inconscio.
Molto espressive e spontanee, e al tempo stesso decisamente elaborate, le canzoni di questo disco sorprendono continuamente per l’originalità e l’energia che le contraddistinguono. Bisogna comunque dire che le elevate capacità tecniche non vengono mai sfoggiate banalmente, ma sono invece sfruttate per creare un groove complesso e coinvolgente.
Le nove tracce di questo album si susseguono contorte e mutevoli, alternando parti esaltate e adrenaliniche con altre più lente, trascinate e oniriche, mescolando melodie bizzarre, cupe o rumorose con scatti improvvisi, stacchi netti, stop and go imprevedibili, legando passaggi pestati e più morbidi; il tutto è anche confuso dalla sovrapposizione di ritmi sfasati da uno strumento all’altro e strambi tempi dispari.

Massimo Pupillo (basso) e Jacopo Battaglia (batteria)

Molto forte e ricca di stile è la sezione ritmica: una batteria tentacolare, coloratissima e scattante, che spesso si incastra con i nervosi e vorticosi giri del basso, soprattutto nei pezzi più insistenti e ossessivi e nelle parti con andamento più singhiozzante; a fianco di questa potente combinazione, il sassofono improvvisa, crea melodie jazzose e spesso segna uno stacco con i toni più scuri e rockeggianti del basso. Nel quadro d’insieme non mancano i momenti dove tutti e tre gli strumenti vanno di pari passo, seguendosi nelle scansioni ritmiche e nella melodia, né occasioni in cui ognuno dei tre prende una direzione completamente sganciata dal resto, inventando un caos folle e in continuo movimento. Un pregio di questo album è che l’elemento rumore, dato dai lamenti illogici del sax e dai fischi casuali del basso, non risulta mai invadente o fastidioso, ma è ben misurato e in posizioni azzeccate.
Il sound che avvolge “Igneo” è nitido, con le singole linee strumentali bene in evidenza, ma con un’aura di grezzo che amalgama bene l’impasto e lo rende più genuino e aggressivo.

Sicuramente di grande impatto è il primo pezzo, “The elusive character of victory”: si apre con il delirio di tom, piatti e campane della batteria e con il basso che vibra note inquietanti, di seguito irrompe il sax con suoni striduli simil a un pianto; il fuoco divampa, poi improvvisamente diventa sempre più fioco fino a spegnersi.
Comunque tutti i brani presenti hanno una loro personalità e bellezza, e secondo me spiccano tra gli altri “Arbol de la speranza mantente firme”, “Muro torto” e “Monte Zu”, nei quali questi ragazzi riescono a creare una miscela particolarmente emozionante di ritmi coinvolgenti e ballerini, totale libertà e irrazionalità, foga, ossessione e toni più rilassati.

Ken VandermarkConfermando la loro tendenza all’incrocio, all’apertura e alle collaborazioni con altri artisti, gli Zu hanno ospitato su “Igneo” tre musicisti che lo hanno arricchito di ulteriori note di colore e di inventiva: Ken Vandermark al sax, Jeb Bishop al trombone e Fred Lomberg-Holm al violoncello, tre personaggi noti nella scena dell’avanguardia free jazz di Chicago.

Non è detto che leggendo quello che ho scritto abbiate anche lontanamente capito a che cosa andate incontro ascoltando questo disco (come gli altri firmati Zu). Provate ad ascoltarlo, capirete ancora meno.


Intervista su Fucine Mute 


Biografia



Discografia:


“Bromio”, 1999, Wide Records, cd d’esordio con Roy Paci alla tromba (musicista che ha collaborato con Aretuska, Mau Mau, Manu Chao).


“The zu side of the chadbourne”, 2000, e “Mothorhellington”, 2001; due produzioni in collaborazione col jazzista Eugene Chadbourne.


“Igneo”, 2002, che ospita Ken Vandermark al sax, Jeb Bishop al trombone e Fred


Lomberg-Holm al violoncello, uscito su Wide Records e Wallace Records (rispettivamente in cd e vinile) in Italia, Amanita Records in Francia, e Red Note in Olanda. “Igneo” è stato registrato e prodotto da Steve Albini, fonico di Chicago nei cui studi sono passati artisti come Nirvana, PJ Harvey, Helmet e Pixies.


Nel 2003, nel corso dell’ultimo tour europeo, è stato inciso in Finlandia “Live in Hellsinki” (cd plastic Tang-Goodfellas).


Da pochi giorni ha visto la luce, sempre a Chicago, un ultimo disco, ancora senza nome, che uscirà in aprile per Atavistic-Touch and Go; si tratta di otto brani, quattro in quartetto con Ken Vandermark (sax e clarinetto basso) e quattro insieme ad un altro trio composto da Vandermark, Nate Mc Bride (basso) e Hamid Drake (batteria).


Gli Zu si sono esibiti dal vivo in quasi ogni regione d’Italia, in quasi ogni paese d’Europa (comprese Slovenia, Croazia, Bosnia e Russia) e negli Stati Uniti. Hanno condiviso concerti dal vivo e/o collaborazioni in studio con (per citarne solo alcuni) The Ex, Mike Patton, Karate, NoMeansNo, Amy Denio, Shellac, Girls Against Boys. Vantano anche partecipazioni a numerosi festival di vario genere tra cui l’italiano “Eurojazz” e l’olandese “Rumor Festival”.


Contatti e informazioni: www.zuism.com, [email protected]


Formazione: Massimo Pupillo (basso, [email protected]), Jacopo Battaglia (batteria, [email protected]), Luca Tommaso Mai (alto/ baritone sax, [email protected])


Live sound: Alberto Maroccia ([email protected])


Massimo Pupillo suona il basso anche nei Dogon, un trio dai connotati di avanguardia jazz/rumoristica ([email protected], www.metaxu.it/dogon/)

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

La rivoluzione elettronica della musica

La rivoluzione elettronica della musica

La satira sociale in Anniversario di Harold Pinter

La satira sociale in Anniversario di Harold...

Speciale Violante

Speciale Violante

Il rovescio della medaglia (?)

Il rovescio della medaglia (?)

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Muhal Nensah: non voglio dimenticarlo

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Edgar Allan Poe The Horror Gamebook

Il teatro cileno contemporaneo e le sue radici storiche

Il teatro cileno contemporaneo e le sue...

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova allegra di Franz Lehár

Dall’Attaché d’ambasciata di Henri Meilhac alla Vedova...

Con un dito solo

Con un dito solo

L’uomo sorridente

L’uomo sorridente

Psycho non abita più qui

Psycho non abita più qui

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo Da Vinci

Una giornata mondiale dell’arte per festeggiare Leonardo...

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce immaginazione

Vivere tra l’aspra realtà e la dolce...

Casomai un’immagine

sir-13 mar-21 th-25 th-44 21 08_pm kubrick-19 003 bon_sculture_18 bis_II_03 cas-15 religioni1 5 cor12 p9 s4 sac_13 Otrok18 Otrok37 murphy-05 murphy-19 galleria22 50 esplosa-05 16 Alice Eros 4, 2011 A. Guerzoni La mole di Carol, 2010 A. Guerzoni Sogno (tra C e R), 2011 A. Guerzoni refused-41