// stai leggendo...

Musica

Neronoia, Un mondo in me

C’è uno strano rumore
nella mia testa
che mi fa vivere
al contrario, rinchiuso
in un angolo
della stessa stanza
di quando ero
ancora bambino

Immagine articolo Fucine MuteNon è vero che da bambini si è più felici. Ci sono bambini che restano segnati. Ci sono infanzie che non finiscono mai, stanze dalle quali non si esce, ricordi che persistono, nodi che non si sciolgono. In qualcuno c’è un mondo a sé stante, dal quale un po’ non riesce a scappare e un po’ non vuole, perché l’altro mondo, quello delle persone normali (?), non è un cazzo bello e fa male (Suonano alla porta, se rispondo mi frantumo, quindi resto qui). Qualcuno, per qualche motivo, riceve questo non-dono, e non cambierà mai. Poi escono dei dischi come Un mondo in me e uno pensa che sia davvero immorale possedere qualcosa di così bello, proveniente però da tanto orrore quotidiano. Per fortuna, morale e arte sono distinte.

Com’era prevedibile, oltre che auspicabile, i Canaan hanno cercato di fare un disco con Gianni Pedretti dei Colloquio, che aveva preso parte con la sua voce, e una volta anche con un suo testo, agli ultimi due album del gruppo di Mauro Berchi. I Canaan possiedono una personalità spiccata, come si vede immediatamente dai cinque dischi da loro pubblicati e dalla loro ricchezza di linguaggi (dark/wave, ambient) che non diviene confusione ma diverso modo di esprimere pochi invariabili stati d’animo. I Colloquio sono una band wave (un po’ ricorda gli altri italiani Le Masque e un po’ i Depeche Mode) che rimane impressa per i testi in italiano e per la loro “autorialità”.

Un mondo in me non sono i Canaan con Gianni che canta, bensì i Canaan e i Colloquio che provano a fare qualcosa insieme. Il suono liquido della chitarra e quello delle tastiere lasciano sempre intuire le influenze dark, quindi permettono collegamenti ad almeno uno dei due progetti originari, ma la sezione ritmica è stravolta, decostruita in studio e resa spezzata e soffocante, tanto da divenire uno dei tratti nuovi, caratterizzanti e memorabili del disco: una diversa e sfiancante pesantezza, che contribuisce molto a colorare tutto di grigio. Le stesse canzoni possono essere percepite come tali solo in senso lato, soprattutto grazie alla presenza carismatica di Gianni, perché la loro forma — anch’essa decostruita — non è mai quella classica: si ha la sensazione di essere di fronte al cantautore, ma non è (solo) così.
Per chi segue i Canaan la cosa non è del tutto sorprendente, alla luce dei nuovi metodi compositivi adottati con The Unsaid Words. Succede dunque un evento rarissimo: si sa dove collocare il lavoro, si sa chi lo compra, chi ne parla, ma non si riesce a citare una somiglianza e nulla sembra già detto da altri. Ogni brano è la parte di un tutto inscindibile e tragico, di conseguenza sarebbe inutile citarne uno in particolare che sia rappresentativo dal punto di vista testuale o musicale, ma è certo che i due scelti per il download siano tra gli episodi forti di Un mondo in me. Solo un consiglio: dopo che li avete scaricati, non accontentatevi e procuratevi anche il disco.

Neronoia
Un Mondo In Me
2006
Eibon Records
Distribuzione: Audioglobe


Tracklist


01. I
02. II
03. III
04. IV
05. V
06. VI
07. VII
08. VIII
09. IX
10. X

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

Era solo la peste di Ludmila Ulitskaya

La tormenta, il non luogo senza tempo di Vladimir Sorokin

La tormenta, il non luogo senza tempo...

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di Mikhail Shishkin

Pen Lettori Trieste: Punto di fuga di...

Doc nelle tue mani 3: che il flashback sia con voi (fino allo sfinimento)

Doc nelle tue mani 3: che il...

Trieste Film Festival 2024

Trieste Film Festival 2024

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (II)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Lascia che la carne istruisca la mente: Intervista a Anne Rice (I)

Lascia che la carne istruisca la mente:...

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro Stabile Sloveno di Trieste

Nel castello di Giorgio Pressburger al Teatro...

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con Pera Toons

Lucca Comics & Games 2023: Incontro con...

Lucca (meno) Comics & (più) Games 2023:...

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide Barzi

Lucca Comics & Games: Intervista a Davide...

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a Matteo Pollone

Lucca Comics & Games 2023: Intervista a...

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Il futuro (forse) del fumetto: Martin Panchaud

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Femminismo all’ombra dello Shogun: Camille Monceaux

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad Andrea Plazzi

Lucca Comics & Games 2023: Intervista ad...

I quarant’anni della “scatola rossa”

I quarant’anni della “scatola rossa”

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: River

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Trieste Science + Fiction Festival 2023: cortometraggi

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995): la letteratura come seduzione

Il fiore del mio segreto (Almodóvar, 1995):...

Good Omens 2: amore e altri disastri

Good Omens 2: amore e altri disastri

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen King

The Plant: il romanzo incompiuto di Stephen...

The Phantom of The Opera per la prima volta in Italia

The Phantom of The Opera per la...

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia del 1907

Pélleas e Mélisande di Claude Debussy: parodia...

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Prigionieri dell’oceano (Lifeboat) di Alfred Hitchcock

Tutto il mondo è un Disco

Tutto il mondo è un Disco

Casomai un’immagine

malleus_04 Edgar Allan Poe tsu-gal-big-06 pugh-09 pugh-08 murphy-35 mis1big Otrok37 s3 holy_wood_10 cas-17 cas-12 cas-09 27 15 sir-08 ruz-12 sepia thole-21 kubrick-83 kubrick-18 10_pm th-30 th-15 th-01 viv-29 viv-18 mar-01 sir-29 sir-14
Privacy Policy Cookie Policy