// stai leggendo...

Scrittura

Minutaglie: sei libretti per adulti e bambini

Mentre i bambini scattano foto e ridono tra loro, lui non si dà pace: “Ci sarà pure qualche statua che non sia stata mai spostata. O forse no! Forse è una specie di regola della città: magari c’è una sorta di obbligo a far circolare gli arredi urbani prima di qua e poi di là…”.
(Il valzer delle statue)

San Nicolò disegnato da Anna NegrelliDescrivere una città multietnica e multiculturale come Trieste non è un compito facile per uno scrittore. Le sfaccettature di una città come questa, che ha conosciuto diverse vicissitudini nell’arco della sua storia, sono talmente tante che diventa impegnativo sia riuscire a coglierle tutte che descriverle in modo intelligente e con la giusta dose di ironia.

Corrado Premuda, già autore e curatore di volumi per adulti e bambini che aiutano a riscoprire l’amore per la fiaba e per l’arte – Felici e contente, Murmur, Un pittore di nome Leonor – , ha ora realizzato, per i tipi della Luglio Editore, sei libricini, di formato davvero tascabile, che mettono in evidenza vizi, virtù e tradizioni di Trieste e dei suoi abitanti. La serie, dal titolo Minudaie (Minutaglie), accompagna i lettori in una sorta di viaggio, in sei tappe, all’interno di una città che più peculiare non si può. E se la lettura è resa scorrevole da una scrittura diretta ed efficace, che non scade mai nel semplicistico, il divertimento è garantito anche dalla presenza delle illustrazioni di Anna Negrelli che, con un colpo di pennello, riesce a cogliere l’essenza della narrazione e riprodurla fedelmente.

Un gatto a Miramar

La struttura dei testi consente all’autore di alternare agilmente lingua italiana e dialetto riportando così, su carta, tutta la vivacità e la spontaneità della parlata tipica triestina. Questa scelta ha lo scopo di mettere in risalto i pensieri dei personaggi permettendo anche di chiamare in causa gli impareggiabili vecchietti, che non esitano a esprimere opinioni o giudizi su questo o quell’avvenimento e a fare sfoggio di una cultura invidiabile.

Tra le storie più curiose narrate nei libretti si può trovare quella del simpatico San Nicolò – vera e propria istituzione in una città come Trieste dove ogni anno, il sei dicembre, i bambini ricevono un regalo per suo tramite – che viene colto da improvvisa amnesia, a causa dell’eccessivo stress, e si vede dunque costretto a farsi aiutare da un’astuta bambina triestina decisa più che mai a riportare la gioia nei cuori dei suoi piccoli amici. Il valzer delle statue assume, invece, un tono più realistico visto che l’argomento principale è il continuo spostamento di cui sono state oggetto, negli ultimi anni, le statue di Trieste. Un povero maestro in viaggio in città con scolaresca al seguito finisce quindi per andare in confusione e iniziare una sorta di “caccia alla statua” per individuare i nuovi luoghi di collocazione dei monumenti che ci tiene tanto a mostrare. Tuttavia, se la situazione gli crea non poche difficoltà, i bambini, in compenso, ne escono entusiasti e contenti e con un arricchimento culturale non da poco.

Storia di un piatto di jota

La serie è integrata dalla storia del gatto randagio che sperimenta la vita in città e che, dopo le classiche tappe obbligate in porto, nelle pescherie o presso qualche gattara, trova finalmente il suo paradiso in terra all’interno del celebre castello di Miramare mettendosi a dormire addirittura sul trono di Massimiliano, dal racconto del bambino che si rifiuta categoricamente di assaggiare la tradizionale jota, dalla storia di un girasole del Carso e dall’insolito dialogo tra due pesci tipici del porto di Trieste, un guato (ghiozzo) e un branzino, che hanno molto da dirsi e da insegnare.

Una lettura piacevolissima che merita di essere scoperta dai bambini e apprezzata dagli adulti.

Collana “Minudaie”:

1) El guato e el branzin;
2) Il girasole del Carso;
3) Storia di un piatto di jota;
4) San Nicolò in vacanza;
5) Il valzer delle statue;
6) Un gatto a Miramar.
Autore:
Corrado Premuda
Illustratrice:
Anna Negrelli
Casa Editrice:
Luglio Editore
Prezzo:
€ 5,00 l’uno

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science + Fiction Festival 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science +...

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Casomai un’immagine

mar-20 th-01 th-13 th-53 26 07_pm 23_pm kubrick-18 thole-09 thole-21 petkovsek_13 001 bon_sculture_08 malleus_01 mccarroll01 p 16 26 cas-09 cas-17 sim3 cor02 cor03 p6 p8 sac_08 12 vivi-08 22 Eros 3, 1944 Carol Rama
Privacy Policy Cookie Policy