// stai leggendo...

Palcoscenico

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Il Dio del massacro (Yasmina Reza)Riportato sulla scena dopo l’interruzione obbligata di marzo, il Dio del massacro, della drammaturga francese Yasmina Reza, è stato lo spettacolo di apertura della stagione di teatro a leggio dell’Associazione Amici della Contrada al Teatro Bobbio di Trieste. Il testo, che di per sé può anche funzionare con una scenografia minimalista, non è di facile interpretazione in quanto si avvale di un linguaggio che non è solo verbale e gestuale ma anche molto fisico, e in questo senso il contesto del leggio non aiuta.

La trama, dopo l’uscita del film Carnage di Roman Polanski nel 2011, è nota ai più. Due coppie di genitori, Véronique e Michel, Annette e Alain, si incontrano nel salotto di casa di una delle due, dopo che uno dei ragazzi ha aggredito l’altro, per discutere i provvedimenti da prendere. L’iniziale tentativo di conciliazione verrà ben presto spazzato via dall’incapacità degli adulti di trattenere i loro istinti primordiali, e si trasformerà in un massacro verbale che porterà alla vittoria della violenza sulla civiltà. Quello che l’autrice denuncia è il prevalere dell’individualismo e dell’egoismo e lo sfruttamento del linguaggio come arma per denigrare gli altri e non allo scopo di instaurare un dialogo. Di primo acchito, sembra che i protagonisti si riuniscano per fare l’interesse dei loro figli, quando in realtà stanno solo pensando al loro – vedesi Alain che interrompe continuamente la conversazione per rispondere al telefono o Michel che parla della figlia di nove anni definendola mocciosa e ammettendo di essersi sbarazzato del suo criceto perché lo trovava schifoso – .

Il testo di Yasmina Reza non fornisce dettagliate indicazioni sceniche – sappiamo che sono in un salotto a parlare e che c’è un tavolino con i libri d’arte di Véronique e un vaso di fiori con i tulipani olandesi simbolo di quelle apparenze che si cerca di mantenere e di quel tono di rispettabilità che si vuole conferire all’ambiente – ma contiene elementi simbolo della nevrosi di ogni personaggio: gli scarichi di bile di Annette, il cellulare di Alain, i libri di Véronique e il criceto che Michel ha scaraventato giù dalla finestra. Nel teatro a leggio, la complessità di esprimere appieno la potenza di questi elementi finisce per rendere il testo meno efficace. Vediamo Annette sentirsi male, ma non Véronique e Michel prodigarsi comicamente per salvare i libri d’arte di Véronique in bella mostra per mettere in risalto la sua cultura; assistiamo alla distruzione del cellulare di Alain da parte di Annette ma solo tramite il rumore di uno scarico di gabinetto fuori scena che riduce di molto lo sfogo di una nevrosi repressa. Il passaggio dalla quiete all’aggressione vera e propria, poi, genera alzate di voce che non arrivano mai a quel “massacro” che rende la pièce di Yasmina Reza estremamente divertente nella sua crudeltà, oltre che attuale.

Il Dio del massacro (locandina)La scelta di collocare al centro il tavolino con il vaso di fiori, sempre illuminato, è efficace nella sua simbologia e anche quella di spingere gli attori a spostarsi da un leggio all’altro con il progredire della lettura, o ad assumere posizioni centrali o al margine, tuttavia, come sopra esposto, la pièce in questa versione perde molto e non riesce a catturare il pubblico come dovrebbe. Il riferimento alla canzone di Paolo Conte Via con me, che nel testo giustifica il nomignolo affettuoso con cui Alain chiama Annette, trova adeguata collocazione nel finale, come colonna sonora, quando le due coppie rompono ogni rapporto.
La pillola di poesia iniziale, letta prima dello spettacolo e incentrata sul poema Il viaggio di Gialal al-Din Rumi, parla di quel “viaggiare in noi stessi” che in effetti i protagonisti del Dio del massacro sono incapaci di mettere in pratica.

Tutti bravi i quattro attori, Sara Alzetta (Véronique), Daniela Gattorno (Annette), che cura anche la regia, Adriano Giraldi (Michel), Valentino Pagliei (Alain), che attraverso il tono di voce e la gestualità compensano per quanto possibile quella fisicità indispensabile che manca per le caratteristiche intrinseche del teatro a leggio stesso.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Intervista a Antonio Buero Vallejo

Teatro a leggio: Il Dio del massacro

Florence Korea Film Fest 2020

Florence Korea Film Fest 2020

Perpendicolare: poesia, musica e movimento

Il sistema Shakespeare sotto accusa

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (II)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Le rovine e le ombre di Manderley: Rebecca dal libro al film (I)

Le rovine e le ombre di Manderley:...

Attori Quarantenati Anonimi: sopravvivere alla quarantena grazie...

Far East Film Festival 2020

Discorso sull’Orrore dell’Arte

La donna della domenica e le sue...

Teatro francese in allegria per situazioni di...

La Traviata al Maggio Musicale, febbraio-marzo 2020

Eclissi di Ezio Sinigaglia (Modus Legendi 2020)

Don Matteo: siate banali, siate buonisti

La coccinella e il gatto nero

La coccinella e il gatto nero

Fábio Moon/Gabriel Bà: Storie e non pin-up

Signori, il delitto è servito (in versione...

Trieste Film Festival 2020

Non solo giochi di ruolo

Jeff Grubb: Non solo giochi di ruolo

Cita a ciegas: Gioele Dix, Borges e...

Lo scrittore: una specie in via di estinzione

Lo scrittore: una specie in via di...

Mercy

Mirka Andolfo: Mercy

Gap!

Gap!

Alex Alice: Per fare un libro di carta bisogna...

Casomai un’immagine

sir-09 sir-22 mar-15 mar-18 th-67 03 09_pm thole-15 ruz-07 petkovsek_14 petkovsek_20 bon_14 malleus_09 piccini_14 19 23 cas-04 cas-06 cas-11 tyc 3 cor13 p7 sac_08 33 sla-gal-6 wendygall-08 18 Urs Fischer Jingle SCI-FI Dog Eat Dog