// stai leggendo...

Fumetto

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Folla a LuccaL’annunciata assenza di due grosse realtà popolari come Bonelli e Panini mi aveva fatto sperare in una Lucca più vivibile, o perlomeno meno infestata da ragazzini (“ragazzini” anche quarantenni e cinquantenni, ovviamente). Povero illuso. Purtroppo l’invito a non circolare in città se sprovvisti di biglietto è stato abbondantemente disatteso. È anche vero che le forze dell’ordine non potevano fare molto per evitare che qualche cosplayer blocca-strada e crea-assembramenti circolasse, però bande e gruppi organizzati si sarebbero potuti e dovuti disperdere.

L’apertura anticipa la disorganizzazione che segnerà un po’ tutta la fiera: in Piazza del Giglio 3 l’orario per presentarsi a ritirare l’accredito viene spostato dalle 8:30 alle 9:00 (io ero lì dalle 8:20) causa mancato recapito dei braccialetti. Questi braccialetti dovrebbero cambiare di giorno in giorno e quindi non ce n’è uno unico per la stampa come al solito: questo perché il loro scopo dovrebbe essere quello di certificare che chi lo indossa è munito di green pass, da esibire ogni mattina al Giglio 3 una volta sola per tutta la giornata. In mancanza del braccialetto, per accedere agli stand bisogna esibire il green pass stesso, quindi nulla di drammatico, ma poi salta fuori che il braccialetto potrebbe pure non servire e allora si mette un timbro sull’accredito stesso presso gli stand, ma poi quando i braccialetti arrivano nella Press Area (non vorrei sbagliare ma credo appena sabato) pare che vadano comunque timbrati pure quelli. Non posso non pensare ai ragazzi che svolgevano le mansioni di accoglienza, sospesi in un imbarazzante limbo in cui spesso non sapevano cosa rispondere alle domande.

Per fortuna i controlli della temperatura, del green pass e del posizionamento della mascherina ci sono sempre stati, anche se con modalità diverse di padiglione in padiglione. Ciò detto, la percorrenza degli stand mi è sembrata più fattibile rispetto agli anni scorsi (tranne ai Games di mattina) ma forse ha influito il fatto che ci fossi andato in orari strategici.

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

La visione di file chilometriche nel corso di tutta la giornata d’esordio è stata desolante, ho preferito procrastinare il mio ingresso nei padiglioni pur se munito di pass. Anche perché gli ingressi stampa propriamente detti non c’erano, o meglio erano improvvisati (ma in piazza S. Martino non c’erano proprio) e quindi toccava scavalcare o passare sotto le transenne (o spostarle a mano) attirando forse qualche sguardo perplesso. Niente Press Cafè, ovviamente, ma non sono comunque mancati grandi autori – a sentire quelli che sapevano chi fossero. Di interviste e dédicaces ne ho comunque raccolte. Una discreta doccia fredda è stata invece l’assenza di giochi di ruolo vintage, scelta ponderata che mi è stata spiegata da Amos Pons – a breve la sua intervista.

Bello il palazzetto, è la prima volta che ci vado ed è stato quasi emozionante entrare nel luogo favoleggiato da amici e riviste di settore che frequentavano Lucca fino dai primi anni Novanta. Voci più autorevoli della mia hanno in effetti sottolineato quanto le lamentele da parte degli espositori della Self Area per lo spostamento fuori dalle mura fossero ingiustificate, essendo il luogo a loro deputato inizialmente sito proprio in prossimità del palazzetto (non nell’edificio vero e proprio ma dentro la cancellata che ne determina il perimetro). D’altro canto lo Spazio Agorà aveva senz’altro un gusto più underground.

E con il palazzetto ecco che ho cominciato a parlare degli aspetti positivi di questa Lucca. Tra le altre cose, bellissimo il documentario su Tuono Pettinato, per nulla retorico ma anzi molto divertente (ma è ovvio che l’emozione in alcuni punti è stata forte dato il poco tempo trascorso dalla scomparsa). Peccato che il pubblico fosse poco in proporzione alla qualità del film, composto oltretutto anche da tanti colleghi e amici dell’autore. Non escludo che una certa confusione sull’orario di apertura della sala (anche Level Up e accreditati stampa sono stati fatti affluire normalmente) abbia influito sulla presenza.

tavole EisnerPassando alle mostre, quella dedicata a Will Eisner è stata veramente impressionante. La quantità degli originali in mostra era incredibile, ma penso che più di un visitatore (e io con loro) sia rimasto  emozionato nel vedere alcune delle tavole di The Spirit.

Bella anche l’illusione di aver fatto un affarone comprando tre numeri di Horror (benché due siano della Nuova Serie) per un totale di 12 euro. Ma le solite voci autorevoli mi informano che l’affarone si è rivelato appunto un’illusione e che anche quella storica rivista veleggia sui 5 euro a copia!

Per il resto, è stato bello rivedere conoscenze locali, rinsaldare vecchie amicizie e stringerne di nuove e ovviamente gustare la cucina locale.

Ma il fumetto in quanto tale come si pone in questo scenario? C’erano ovviamente gli editori che vendevano i loro prodotti, con ben poche novità pensate per la fiera, ma la carenza di ospiti internazionali (che erano presenti, ma chiaramente in numero ridottissimo rispetto agli anni scorsi) ha reso ancora più manifesto, per l’impossibilità di concentrarsi su quello, ciò che è evidente da diversi anni: ormai ai visitatori tipici di Lucca del fumetto non importa nulla, se non eventualmente come terreno germinativo per personaggi che poi saranno sfruttati in altri ambiti e forniranno lo spunto per l’ultimo cosplay. Un carnevale autunnale, insomma.

Se la speranza di vivere questa Lucca all’insegna dell’intimità con editori e autori si è parzialmente concretizzata proprio per questa ragione, le solite fiumane di persone che ingolfano le strade sono state uno spettacolo disarmante, soprattutto in questo periodo difficile che stiamo vivendo.

Verrebbe da dire che per i fumetti è meglio rivolgersi altrove. Già, ma dove?

Commenti

Un commento a “Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus”

  1. “Verrebbe da dire che per i fumetti è meglio rivolgersi altrove. Già, ma dove?”

    Monfalcomics?

    A parte gli scherzi, io credo che SE esiste una comunità di appassionati che ha in mano le giuste “leve” per smuovere certe realtà (del tipo: “Ci volete a Lucca? Vogliamo il Palazzetto!), farebbero meglio a farsi sentire.

    E comunque, ribadisco…
    “Endlösung für die blauen Untermenschen!!!”

    Grazie, ciao.

    Di J_D_La_Rue_67 | 14 Novembre 2021, 13:48

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Four Against Darkness e oltre: Andrea Sfiligoi

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca Comics & Games 2022)

Hope: chi vive sperando (considerazioni su Lucca...

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Il fumetto è libertà: Lee Bermejo

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Un fumettista che legge fumetti: Milo Manara

Il manager del gioco di ruolo: Frank Mentzer

Il manager del gioco di ruolo: Frank...

Trieste Science+Fiction 2022

Trieste Science+Fiction 2022

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Morgane: la genialità secondo i franco-belgi

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Brian e Charles: l’incontro di due solitudini

Il mercante di Venezia ambientato a Las Vegas

Il mercante di Venezia ambientato a Las...

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Casomai un’immagine

sir-08 sir-29 viv-27 kubrick-16 kubrick-19 kubrick-5 kubrick-54 kubrick-7 htwooh malleus_08 piccini_03 mccarroll09 r 14 tso4big tyc3 voce2 wax cor02 cor06 s13 s4 sac_06 sac_08 Otrok24 pm-16 pm-23 murphy-24 33 36
Privacy Policy Cookie Policy