// stai leggendo...

Omnia

Fumetti vendicativi
Vincenzo Filosa

Fumetti vendicativi

Intervista a Vincenzo Filosa (con assist di Paolo Bacilieri)

Bob 84Vincenzo Filosa è nato a Crotone nel 1980. Grande conoscitore e divulgatore del fumetto e della cultura giapponesi, esordisce come autore con Viaggio a Tokyo edito da Canicola nel 2015, con già alle spalle una carriera di traduttore e grafico per Rizzoli Lizard, per cui ha lavorato (tra gli altri) ai volumi di Jiro Taniguchi.
Altri suoi lavori a fumetti come autore completo sono Figlio Unico (2017), Cosma & Mito (2019, in collaborazione con Nicola Zurlo e con suo figlio che all’epoca aveva sei anni) e Italo (2019), mentre nel 2021 è uscito l’esperimento Bob 84 disegnato dal collega e compagno di studio Paolo Bacilieri, un tascabile che omaggia sia i “neri” italiani che la tradizione giapponese.

Luca Lorenzon (LL): Bob 84 mi pare che abbia suscitato qualche perplessità nel grande pubblico in relazione al suo costo, soprattutto in riferimento al formato che è tascabile. Per me però il formato è connaturato al tipo di fumetto che volevate fare. Se fosse uscito in bonelliano sarebbe stato percepito diversamente, ne sarebbe venuta fuori un’altra cosa.

Vincenzo Filosa (VF): Probabilmente sarebbe stato così, ma comunque il discorso è che la foliazione e il tipo di narrazione sono legati più al graphic novel che alla serialità, cioè il nostro tipo di approccio è quello di quando lavoriamo a progetti autoriali nostri, come quando Paolo non lavora per Bonelli in veste di disegnatore semplicemente. Quindi noi abbiamo pensato di fare uscire questo oggetto qui senza mai pensare al prezzo, questo è un ragionamento che poi fa l’editore.
Ricordatevi comunque che è un discorso legato alla tiratura e quindi a quante copie si tirano in base alla richiesta.

LL: Tiratura che immagino sia segretissima.

VF: Non la conosco nemmeno io. Ma è un dato importante: se non c’è la stessa richiesta di un manga qualsiasi di successo non puoi raggiungere cifre importanti. Tutto dipende dalla richiesta del mercato: se tutti effettivamente vogliono un Bob 84 a 5 euro basta fare l’investimento su questo primo volume perché poi se se ne possono fare più copie e più numeri sicuramente si scenderà anche in quel senso. Il prezzo è un ragionamento che gli autori (e in un certo senso anche gli editori) non possono decidere.

Paolo Bacilieri (PB): Posso aggiungere una cosa?

LL: Ben venga.

PB: Sicuramente è vero che il prezzo è alto per un tascabile, ma questo è un tascabile per cui il trattamento sia dal punto di vista della sceneggiatura che dal punto di vista grafico equivale a quello di un graphic novel. Sia per densità che per complessità. Quindi da questo punto di vista il prezzo è più giustificato. Fine.

LL: Volevo anche ricordare che il formato è particolare per questa categoria merceologica, ad esempio le pagine non sono fresate e incollate sul dorso, ma rilegate e cucite.

VF: certo, anche l’editore non ha pensato alla serialità da edicola ma al mercato del graphic novel a cui noi siamo più legati.

LL: Tu prima hai citato i manga: è stato questo il vostro punto di riferimento? Perché io invece ci avevo visto, evidentemente sbagliando, un rimando ai “neri” degli anni Sessanta e Settanta.

Bacilieri dedica Bob 84

VF: Ecco, di questo mi piace parlare piuttosto che del prezzo!
Allora: in Giappone come in Italia alla fine degli anni Cinquanta si è affermato un nuovo genere, il nero a fumetti. Contemporaneamente alla nascita e all’affermazione di Diabolik in Italia in Giappone si stava affermando un fumetto di genere thriller, noir, spionistico, quello che adesso molti definiscono “gekiga” e che ha dato effettivamente un contributo fondamentale per lo sviluppo del manga per come lo conosciamo adesso. Cioè il gekiga è stato la svolta adulta del manga. Come Diabolik è stata la svolta adulta del fumetto in Italia.

LL: Che prima era considerato solo per bambini.

VF: Più o meno sì, poi con Diabolik lo prendevano anche i pendolari che andavano a lavorare. Quindi c’è stato questo parallelo, ma ce ne sono stati tanti di paralleli fino agli anni Ottanta nel fumetto giapponese come in quello italiano, ed è una cosa che mi affascina moltissimo. Noi ci siamo rifatti a quel periodo lì. Cioè noi vogliamo riproporre quel particolare fumetto e allora abbiamo ripreso gekiga, nero all’italiana ma anche Bonelli (perché per forza di cose il discorso non può prescindere anche da quello) e abbiamo cercato di metterlo insieme in questo prodotto che ha un approccio autoriale però deve tantissimo al fumetto “per tutti”. Per capirci, questo è il fumetto che vorrei dare a mio padre per farglielo leggere, perché gli altri miei fumetti lui non li legge manco morto. E quindi abbiamo pensato anche a quel Giappone lì. Come avrai notato nella parte finale il Giappone diventa preponderante non solo come ambientazione ma anche la gabbia delle vignette cambia completamente: passiamo dalle due strisce italiane a una gabbia più gekiga, più action, che è tipica del manga. Questa cosa ci serviva anche per raccontare quella che sarà poi l’eventuale evoluzione della serie. Perché quello che vogliamo fare (attraverso questo approccio procedurale come nei telefilm classici alla Law & Order) è avere non dico “il caso del mese” ma quasi. Bob sarà quindi una carrellata di vittime del nostro killer. Ogni storia racconterà gli ultimi secondi (o minuti, ore, giorni o settimane) di vita di una data vittima di Bob.

LL: Questo spiega anche il senso del titolo, che a me era sfuggito.

PB: C’è anche un altro significato nel titolo, perché richiama l’approccio che abbiamo avuto (soprattutto Vincenzo nella sua sceneggiatura, ma che condivido in pieno). Cioè non è un approccio nostalgico quello di Bob, ma un approccio vendicativo.

LL: “Vendicativo”… potreste approfondire?

PB: Vendicativo nei confronti di un sacco di fumetto che non è graphic novel e si spaccia per graphic novel, un sacco di fumetto di serie Z e si spaccia per fumetto di serie A, in favore di un sacco di fumetto del passato dimenticato ingiustamente, un sacco di fumetto italiano che è morto per far posto a un fumetto che viene dal Giappone ma anche da altri posti, un sacco di onnipresente presente che vive a scapito del passato. Una vendetta in questo senso.

LL: Forse nel marasma di fumetti e riviste che hai disegnato nelle edicole del fumetto si può cogliere questa vendetta?

PB: Certo, ma si può cogliere anche qua: guarda questa coda per comprare dei fumetti di merda [Filosa e Bacilieri non avevano uno stand ufficiale ma si sono appoggiati a una casa editrice diversa da Panini: inutile quindi che cerchiate sulle mappe dello stand Napoleone a chi si riferiva, NdR].

promo Bob 84 a Lucca

VF: E poi anche l’edicola a cui hai fatto riferimento grida vendetta per un tipo di fumetto.

PB: Nella scena di apertura del mio Wes Anderson preferito, Le Avventure acquatiche di Steve Zissou, quando gli viene chiesto qual è lo scopo della nuova spedizione scientifica, Zissou/Bill Murray risponde: “Revenge”. Vendetta.

VF: Abbiamo parlato tantissimo di paralleli tra fumetto italiano e giapponese. Quando il gekiga si è affermato il manga commerciale e massificato ha preso in prestito tutto quello che in quel genere funzionava per integrarlo nella sua struttura.

LL: Ma questo succede in tutti i settori artistici.

VF: Però il fumetto italiano adesso sta rinnegando questa gabbia, questo formato, per inseguire altri formati, ma secondo me la gabbia a due strisce è proprio il nostro modo di vedere il fumetto, e il fatto che questa cosa si perda a discapito di produzioni più colorate, più pazze, più strane o più esotiche (sia da est che da ovest) secondo me è un gran peccato, perché abbandonare la nostra produzione fumettistica porta a un impoverimento generale di tutto il settore.
A me Diabolik è sempre piaciuto, mi piace ancora tantissimo e voglio portare avanti il discorso iniziato da Diabolik. Non che Diabolik abbia smesso di esistere, però vogliamo prendere quel linguaggio lì sviluppato in quel fumetto e portarlo in altre direzioni. È una cosa che non succede perché quella gabbia lì viene considerata superata quando invece il manga presenta un formato molto simile semplicemente con una foliazione più importante ma ha grande successo.

LL: Credo che un numero di Diabolik venda molto di più di un manga generico che non è un successone.

VF: Questo è bellissimo ma sarebbe importante che quel linguaggio lì venisse portato anche verso altri lidi, venisse sviluppato. Che poi è quello che è successo nella storia del manga. La cosa che mi piace tantissimo della storia del manga è che dalla nascita con Tezuka fino ad adesso c’è una continuità genetica che è innegabile. Cioè se tu leggi L’Isola del Tesoro di Tezuka e leggi One Punch Man o Chainsaw Man, o gli altri che ci sono adesso, le regole sono sempre quelle: l’approccio alla regia e alla narrazione è sempre quello. Solo che naturalmente viene aggiornato continuamente di contenuti, di stili, di approcci però la struttura, lo scheletro, rimane sempre quello lì e secondo me è una storia che garantisce continuità, identità culturale e anche la possibilità di parlare a tantissimi ragazzi, perché offre un prodotto che è continuativo, che è voluminoso e quindi interessa.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science + Fiction Festival 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science +...

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Casomai un’immagine

pas-18 pas-19 sir-03 viv-27 viv-41 th-08 12 19_pm ruz-07 petkovsek_09 012 malleus_06 malleus_09 bis_II_03 bis_IV_01 bis_V_01 piccini_07 acau-gal-06 akroama holy_wood_18 holy_wood_21 murphy-30 galleria06 galleria13 32 tsu-gal-big-16 01 Padiglione Italia Dog Eat Dog Cut-up
Privacy Policy Cookie Policy