// stai leggendo...

Cinema

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavimPresentato in anteprima al Trentatreesimo Trieste Film Festival, il documentario Būsiu su tavim (I’ll stand by you), di Virginija Vareikytė e Maximilien Dejoie, è ambientato nel contesto rurale della cittadina lituana di Kupiškis dove, come in gran parte del paese, il numero di suicidi è molto alto. Allo scopo di contrastare una situazione sempre più drammatica, la psicologa Valija Šap e la poliziotta Gintarė Meškienė entrano in contatto diretto con le persone considerate a maggior rischio e cercano di infondergli positività e soprattutto di ascoltare i loro sfoghi e le loro tragedie umane.
Grazie all’opera delle due donne e dei volontari che coinvolgono, il programma di prevenzione di Kupiškis si è rivelato efficace, dimostrando che le persone sole, ammalate e spesso abbandonate a se stesse hanno bisogno soprattutto di qualcuno disposto a parlare anche dei loro propositi suicidi e, anche se non in grado di essere convincente riguardo ai motivi per non metterli in pratica, almeno indurli a distrarsi da quel pensiero ossessivo e spingerli a stabilire contatti con la comunità che li rendano meno isolati, perché quello che davvero serve a queste persone è attenzione, pazienza e disponibilità a comprendere i dolori, fisici o psicologici, che li tormentano.

I due registi hanno scelto di seguire, nell’arco di quattro anni, Valija e Gintarė nel loro lavoro proprio per lo spirito con cui sanno affrontarlo, e per l’ottimismo che non le abbandona mai – nonostante la sofferenza e la disperazione delle persone con cui interagiscono quotidianamente – neanche quando si trovano a messaggiare di notte con qualche potenziale suicida ormai giunto all’estremo della sua sofferenza. Il punto di forza è la conoscenza profonda della comunità in cui si vive e la volontà di fare rete per essere tutti responsabili del miglioramento sociale. Ad esempio, una delle soluzioni adottate per indurre un anziano a sentirsi meno solo e ad allontanare pensieri negativi è stata quella di metterlo in contatto con un’altra signora anziana, con il suo carico di sofferenze, che riempisse il vuoto quotidiano percepito dall’uomo.

Būsiu su tavim

Vista la tematica particolarmente delicata, le riprese non si sono limitate alla vita delle due protagoniste e alle persone che assistono – la cui intimità è stata sempre rispettata grazie a un’accurata scelta delle inquadrature – ma hanno riguardato anche il paesaggio rurale che fa da contorno alla vicenda e, almeno in parte, la vita privata di Valija e Gintarė, come il matrimonio di quest’ultima e le passeggiate lungo la spiaggia di Valija o la sua attività sportiva. Questo non solo con lo scopo di alleggerire i toni del dramma, ma anche per dimostrare che da una parte il dolore può nascere anche in contesti naturali molto ameni e dall’altra, malgrado un’attività lavorativa che può essere definita debilitante e in parte destinata anche al fallimento, si può mantenere uno spirito positivo e una grande gioia di vivere, perché aiutare gli altri può anche riempire la vita indipendentemente dalla quantità di sofferenze di cui ci si fa carico.

Con l’intento di favorire la sensibilizzazione verso la tematica del suicidio e di trasmettere la consapevolezza che non si tratta di una realtà specifica del contesto lituano – soprattutto ora che, con la pandemia, l’isolamento delle persone è aumentato – di alcuni personaggi si sentono solo le voci, lasciando così intendere che dietro potrebbe esserci ognuno di noi. Quello che emerge è l’importanza di darsi una mano, di sostenersi vicendevolmente e, soprattutto, di essere disposti ad ascoltare gli altri, in particolare nei momenti in cui manifestano disagi che non vanno sottovalutati e specialmente in una società come quella attuale che promuove l’individualismo e non l’ascolto.

Qui è possibile vedere il trailer con sottotitoli in inglese:

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del rock o della sovversione?

L’Elvis di Baz Luhrmann (2022): re del...

L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Dottor David Skrbina: L’influenza della tecnologia sulle nostre vite

Chiudendo fuori il mondo

Chiudendo fuori il mondo

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Gli Spettri di Ibsen ossessionano ancora

Xenakis: Un intermediario

Xenakis: Un intermediario

Alle origini del fumetto

Dario Fontana: Alle origini del fumetto

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio comparativo

Relaxed Performance: sei paesi per uno studio...

Avventure senza tempo

Avventure senza tempo

Commentare humanum est

Commentare humanum est

Personaggi a due o tre dimensioni: la disabilità nella letteratura per ragazzi

Personaggi a due o tre dimensioni: la...

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

David Garrett, quando il classico diventa rock

David Garrett, quando il classico diventa rock

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Cortometraggi (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by you (Trieste Film Festival 2022)

Būsiu su tavim – I’ll stand by...

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice nel sottomondo a Londra

L’audiodescrizione a teatro: le avventure di Alice...

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del passato e il gelo del presente

Quota neve (Meja sneženja): i traumi del...

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Casomai un’immagine

pas-01 sir-19 mar-13 viv-32 pck_02_cervi_big pck_24_cervi_big th-10 th-28 th-57 28_pm kubrick-10 thole-14 deck73 petkovsek_08 bon_sculture_03 bon_sculture_11 malleus_09 acau-gal-06 13 15 sac_06 sac_10 sac_14 pm-02 pm-27 10 13 34 Christian Boltanski: Chance / Padiglione Francia Katharina Fritsch
Privacy Policy Cookie Policy