// stai leggendo...

Cinema

SF TS Bye Bye

Sul bollettino ciclostilato del CUC triestino (Centro Universitario Cinematografico) dell’estate 1964, Lucio D’Ambrosi — in un preveggente pamphlet che consiglierei ai redattori del presente volume di riprodurre esteso, se riescono a ripescarlo — aveva radiografato esattamente l’insanabile contraddizione genetica del Festival Internazionale del Film di Fantascienza che era atterrato a San Giusto l’estate precedente. In una landa sonnambulica tra le più culturalmente e economicamente depresse, i padroni del vapore (tto) avevano voluto proiettare un bagliore di chissà quale avvenire spaziale, tanto illusorio quanto inafferrabile, lontanissimo.

Lo so, i ricordi giovanili risultano sempre rosei malgrado tutto, come dimostrano per fare solo due esempi le memorie di Chen Kaige, ex guardia rossa durante l’era più spietata della rivoluzione culturale, o quella di Roberto Rossellini, ex propagandista per l’esercito mussoliniano in agonia. Non potevo quindi rendermi conto da studente beato, aggrappato ogni sera agli spalti del Castello dal ’63 in poi, di “ciò che stava dietro”. Perlomeno fintanto che nei primi anni ’70 non iniziai a collaborare assieme alla Cappella Underground ad eventi collaterali del Festival di Fantascienza.

Si trattava eccome di un’operazione politica di facciata, pilotata da quell’indomita cricca che frenava e censurava ogni evoluzione al Teatro Stabile, al Verdi, al C.C.A., al Comune, alla RAI, alla Provincia, ovunque.

Base Luna chiama Terra di N. Juran

Quel secondo cosiddetto “decennio” di decadenza” del Festival notavo che veniva via via pianificato a mo’ d’auto-strangolamento, onde sfociare nell’eutanasia ampiamente preannunciata in occasione degli ipocriti “festeggiamenti” per il ventennale.

Dal 1981 mi è capitato di organizzare assieme a un gruppetto di amici le Giornate del Cinema Muto — guarda caso un’altra manifestazione quasi ventennale che da due lustri viene sottomessa a Pordenone a un analogo, insostenibile strangolamento. Ditemi voi cos’è: il Fato o gli Oligarchi?

Colgo quindi quest’occasione per suggerire ai giovani triestini che sperano di rilanciare le sorti del defunto Festival di non cader almeno loro nella trappola d’affidarsi anima e corpo agli enti pubblici, i cui reggitori si concentrano da millenni sul proprio tornaconto e non su quello della plebe, tanto meno della “cultura”, figuriamoci poi della “fantascienza”!

Il presente testo proviene dal quaderno, edito da La Cappella Underground, a cura di Massimiliano Spanu, pubblicato in occasione della manifestazione “Science+Fiction. Festival della Fantascienza di Trieste” grazie al contributo della Cineteca Regionale Friuli Venezia Giulia.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

sir-04 sir-12 sir-37 mar-03 th-36 th-70 th-78 30 kubrick-49 bav-01 petkovsek_19 bon_sculture_16 bon_sculture_18 piccini_31 acau-gal-08 acau-gal-10 busdon-12 n p10 p8 mis4big-1 pm-16 galleria05 galleria-07 16 25 10 11 Edgar Allan Poe Oggetti, 2011 (particolare dell'installazione) A. Guerzoni