// stai leggendo...

Cinema

Venezia è sempre Venezia

Anche con occhi diversi

   

Due anni fa, in occasione della mia prima esperienza al Lido, avevo realizzato un backstage con l’intento di raccontare le sensazioni e le emozioni del primo impatto con IL festival del cinema.

Manifesto della 64esima mostra del cinema di Venezia

Per un appassionato della settima arte, avere la possibilità di vedere in anteprima mondiale l’opera di un regista stimato e idolatrato, è un’emozione unica; come Wimbledon o il Superbowl per gli sportivi, Natale o Carnevale per i bambini.
Quest’anno, invece, ho vissuto Venezia come una piacevole abitudine, muovendomi con disinvoltura tra proiezioni, conferenze e interviste rubate. Due anni t’insegnano che le attese vanno vissute come momenti di pausa e che non è necessario fare un piano della giornata prestabilito; spesso le cose migliori (film o incontri) avvengono quando meno te lo aspetti, in modo inusuale e sorprendente.

Ho voluto quindi provare a realizzare un video sperimentando due differenti approcci percettivi. Da un lato ho seguito l’occhio di chi, curioso e frenetico, si trova al festival di Venezia per la prima volta, dall’altro c’è chi già conosce la strada da percorrere, dove sono le curve e a che velocità bisogna prenderle.
Lo spunto per quest’idea è arrivato pensando al mio compagno di viaggio, Rocco Riccio. Giovane regista torinese, Rocco, mi ha dato la possibilità di analizzare da una prospettiva differente dalla mia l’impatto che crea il festival.

Se di critici o aspiranti tali il lido abbonda, di registi e tecnici se ne vedono sempre meno. La mancanza di uno spazio adibito al mercato, un luogo in cui incontrare le case di distribuzione e gli agenti, ha reso inutile il soggiorno di molti professionisti del settore, giovani registi e documentaristi in primis. Rocco, amante del cinema ma non della critica, ha dovuto misurarsi così con un mondo che solitamente teme, quello dei giudizi e delle critiche di chi, per davvero, si sente per indole o dovere, spinto a raccontare e commentare la creatività degli altri. Il suo è stato un percorso di avvicinamento timoroso e guardingo (l’attesa e le battute sulla pellicola di De Oliveira ne sono un genuino estratto) che, grazie alle discussioni con altri nostri compagni di viaggio lo ha avvicinato a comprendere il subconscio del critico.

Tommaso Caroni

All’interno della riflessione sulla critica ho voluto anche inserire un gioco (perverso) di (non)critica cinematografica. La parola, l’arma a doppio taglio nell’analisi filmica, può essere anche sfruttata per mascherare un giudizio; così una critica può risultare autentica anche se l’autore pensa l’opposto o ancora peggio non ha visto il film. Naturalmente il nostro è stato solo un gioco, ma ci ha permesso di affrontare con ironia quello che è il dilemma del pubblico che non ama la critica: quanto questa è autentica? La risposta è semplice: la passione è il motore di questo mestiere e del parere del critico bisogna fare tesoro, per comprendere meglio il cinema e per sviluppare un proprio giudizio o gusto personale.

Perché per un critico un film di Todd Haynes non è solo una pellicola.
I registi italiani a Venezia sono come la nazionale di calcio ai mondiali.
E la prima settimana di settembre è la più bella dell’anno.

Tommaso Caroni

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Montalbano Je suis

La morte nei film di animazione

Il romanzo di Sant Jordi: Màrius Serra...

Scoprendo Joe Orton (II)

Joe Orton: Scoprendo Joe Orton (I)

Dan Panosian: Una passione di famiglia

Piero Alligo: La magia delle tavole originali

La parola alla difesa e Poirot non...

È troppo facile e Dieci piccoli indiani

Marco Galli: Materia Degenere

Victoria Jamieson: Il fumetto come il roller derby

Copia originale (Can You Ever Forgive Me?)

Un viaggio senza fine

Barriera invisibile (Gentleman’s Agreement)

José Muñoz: Miraggi di memoria

C.B. Cebulski: Il globetrotter della Marvel

Trieste Film Festival 2019

Umberto Pignatelli: La rinascita del librogame?

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Casomai un’immagine

pas-12 pas-15 sir-06 sir-27 mar-01 mar-21 mar-43 th-38 00 20 01_pm 09_pm thole-14 thole-18 ruz-02 malleus_09 bis_II_03 piccini_18 29 bav-08 wax lor-2-big cor02 05-garcia s19 pm-00 pm-36 esplosa-05 11 Jingler-stars