// stai leggendo...

Scrittura

L’uomo vestito di marrone e Il segreto di Chimneys

4) L’uomo vestito di marrone (The Man in the Brown Suit, 1924):

L'uomo vestito di marrone (The man in the brown suit)Protagonisti: Ann Beddingfeld, Sir Eustace Pedler, Colonnello Race.
Narratore: Ann Beddingfeld, in prima persona, che si alterna con Sir Eustace Pedler, in prima persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Strangolamento con stringa da scarpe.
Trama: La giovane Ann Beddingfeld, figlia di uno dei più emeriti studiosi di storia delle origini dell’uomo e orfana di madre, si ritrova improvvisamente sola quando il padre muore di polmonite doppia lasciandola con un misero patrimonio di ottanta sterline e spiccioli. L’avvocato di famiglia, Henry Flemming, invita Ann a trasferirsi a Londra, da lui e dalla moglie, nella speranza di aiutarla a trovare un lavoro. Qualche tempo dopo, mentre si trova alla stazione della metropolitana, Ann viene attratta da un uomo, il cui cappotto puzza di naftalina, che in seguito finisce lungo disteso sui binari. A soccorrerlo, arriva una seconda persona che si spaccia per medico e che, una volta constatato il decesso, fugge via perdendo un biglietto contenente data e ora di partenza di un piroscafo. Il giorno seguente, il giornale riporta la notizia del rinvenimento, in una villa disabitata di proprietà di Sir Eustace Pedler, del cadavere di una donna che sembra essere in qualche modo collegata al morto della metropolitana. Ann, improvvisandosi detective, decide di salire sul piroscafo citato nel biglietto nel tentativo di svelare l’enigma.
È un romanzo di spionaggio narrato con una buona dose di ironia.
Curiosità: Il romanzo è anche noto con i titoli Il mistero della Mill House e Anna the Adventuress. Il personaggio di Sir Eustace Pedler è ispirato al Maggiore Belcher, amico di famiglia di Agatha Christie:

“Durante il soggiorno sudafricano avevo abbozzato la trama del libro, che vedevo più simile a un thriller che a un vero e proprio romanzo poliziesco, e di cui molte scene erano ambientate in Sudafrica. Mentre eravamo lì, c’erano stati dei disordini, durante i quali avevo potuto annotare alcuni fatti. Immaginai la mia eroina come una giovane orfana gaia e avventurosa, partita in cerca di avventure. Dopo aver buttato giù un paio di capitoli, mi accorsi che il personaggio di Belcher non riusciva a prender vita. Niente da fare, non potevo parlarne obiettivamente e l’immagine che ne risultava era falsa e stereotipata. Poi, d’un tratto, mi venne un’idea; avrei scritto il libro in prima persona, facendo parlare alternamente l’eroina Ann, e il malvagio, Belcher”.
(Agatha Christie, La mia vita, traduzione di Maria Giulia Castagnone, Mondadori, 1978, pag. 365)

It is really a hard life. Men will not be nice to you if you are not good-looking, and women will not be nice to you if you are.

5) Il segreto di Chimneys (The Secret of Chimneys, 1925):

Il segreto di Chimneys (The secret of Chimneys)Protagonisti: Anthony Cade, Virginia Revel, Sovrintendente Battle.
Narratore: Onnisciente in terza persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Colpo di pistola.
Trama: Anthony Cade riceve da un caro amico l’incarico di portare a Londra un manoscritto, da consegnare a una casa editrice, e una serie di lettere da restituire a una donna. L’autore del manoscritto è il conte Stylptitch dell’immaginario paese di Herzoslovakia, attualmente in tumulto. Nel frattempo, nella residenza di Chimneys si tiene una festa che coinvolge varie importanti personalità tra cui alcuni politici provenienti proprio dalla Herzoslovakia. Durante l’evento, il principe Michael, futuro erede al trono del paese di cui sopra che si trovava a Chimneys in incognito, viene trovato assassinato. All’esterno, vengono trovate proprio le impronte di Anthony Cade che farà non poca fatica per convincere il Sovrintendente Battle della sua innocenza per poi condurre un’indagine in parallelo con quest’ultimo.

I’m the kind of person who marries enthusiastically if they marry at all.

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Stefano Conte "TheSparker": Volt: una scommessa vinta

Elisabetta Cifone: Molto più di un manga all’italiana

Histoire du soldat, una favola in musica

Andrea Rivi: I nuovi traguardi di Nona Arte

Luca Salvagno: Si può epigonare l’inepigonabile?

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Wang Xiaobo e l’arte della rivolta

Breve excursus estetico tecnico/formale sulla forma sonata

Trieste Science+Fiction Festival 2017

Il signore va a caccia di Georges...

Casomai un’immagine

pas-11 th-27 06 18_pm kubrick-10 kubrick-17 htwooh ruz-05 ruz-07 bon_07 bon_sculture_01 malleus_02 malleus_07 bis_II_01 tso1big shelter1 holy_wood_23 p7 kay pm-29 pm-40 galleria-01 18 33 pugh-01 esplosa-06 Padiglione Italia Woman 1 Campane, 2011 A.Guerzoni Profilo 2007