// stai leggendo...

Scrittura

La domatrice e Il Natale di Poirot

22) La domatrice (Appointment with Death, 1938):

La domatrice (Appointment with Death)Protagonisti: Hercule Poirot, Sarah King, Dottor Gérard.
Narratore: Onnisciente in terza persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Iniezione di digitalina.
Trama: Durante una vacanza in Medio Oriente, Hercule Poirot sente involontariamente due giovani parlare di un omicidio che, a quanto pare, non possono evitare di compiere. Poco dopo, avrà modo di conoscere la signora Boynton, una donna dal carattere terribile che prova un sadico piacere nell’umiliare e sottomettere i suoi familiari. Quando quest’ultima sarà trovata morta su una sedia, Poirot ricorrerà a tutta la sua astuzia per riuscire a risolvere il caso nel tempo massimo di ventiquattr’ore.
Curiosità: Il romanzo appartiene alla trilogia del Medio Oriente, di cui fanno parte anche i volumi Poirot sul Nilo e Non c’è più scampo, tutti con Poirot protagonista e tutti ambientati nei luoghi realmente visitati da Agatha Christie. In italiano il titolo è diverso rispetto all’originale ma, in compenso, la pièce teatrale che ne è stata tratta calca proprio il titolo originale: Appuntamento con la morte.

They have been in prison so long that, if the prison door stands open, they would no longer notice!

23) Il Natale di Poirot (Hercule Poirot’s Christmas, noto anche con il titolo Murder for Christmas, 1938):

Il Natale di Poirot (Hercule Poirot's Christmas)Protagonisti: Hercule Poirot, Il colonnello Johnson, Il sovrintendente Sugden, Simeon Lee.
Narratore: Onnisciente in terza persona.
Metodo utilizzato per uccidere: Squarciamento della gola.
Trama: Il plurimiliardario Simeon Lee, che a quanto pare ha costruito la sua fortuna grazie ai diamanti, viene trovato la vigilia di Natale con la gola squarciata nella sua stanza chiusa a chiave. Il sovrintendente Sugden, che, poco prima dell’assassinio, era stato invitato, dallo stesso Lee, a casa sua per discutere di un possibile furto di diamanti, accetta la consulenza di Hercule Poirot nel tentativo di capire chi possa aver commesso il delitto e soprattutto come.
Curiosità: È uno degli omicidi più cruenti presenti nei romanzi di Agatha Christie. Il fatto che il crimine venga commesso in una stanza chiusa vuole essere un omaggio dell’autrice al Mistero della camera gialla di Gaston Leroux.

There is at Christmas time a great deal of hypocrisy, honourable hypocrisy, hypocrisy undertaken pour le bon motif, c’est entendu, but nevertheless hypocrisy!

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Dave McKean: L’illusione del significato

Tito Faraci: Feltrinelli Comics: una scommessa vinta

James O'Barr e Chiara Bautista: Oltre Il Corvo

Marco Steiner: Corto come un romanzo, anzi due

Cinemassacro di Boris Vian: Il cinema parodiato...

Chesil Beach: Si può tradire Shakespeare, non...

Trieste Science+Fiction Festival 2018

Frankenstein a teatro (II)

Frankenstein a teatro (I)

L’etimologia dei nomi e il loro significato...

La domatrice e Il Natale di Poirot

Poirot sul Nilo e Due mesi dopo

Tonya di Craig Gillespie

Enrique Jardiel Poncela e la censura franchista

Somewhere Over the Rainbow

Cujo di Stephen King

Tutti quanti voglion fare jazz

La parola ai giurati di Sidney Lumet

Aristotele e Eugène Labiche (II)

Jason Aaron: Gli eroi di Jason Aaron

Aristotele e Eugène Labiche (I)

Glenn Gould scrittore

Roberto Baldazzini: Sultane e dive di Hollywood

Giuseppe Peruzzo: Le novità Q Press

Breve ricerca storica sul concetto di musica...

Casomai un’immagine

pas-17 sir-15 viv-26 pck_17_cervi_big th-48 17 21 27 21_pm kubrick-31 petkovsek_05 petkovsek_11 bon_sculture_16 acau-gal-16 12 40 cas-04 oktana opla1 vascello1 cip-11 lor-6-big cor08 holy_wood_26 s15 murphy-06 murphy-34 10 pugh-07 Alice