// stai leggendo...

Cinema

Un calcio al cinema italiano

Il 19 aprile scorso i quotidiani italiani riportavano con gran rilievo due notizie. La prima era l’”esclusione”, o per meglio dire la non inclusione, di ogni film italiano dal concorso del Festival di Cannes. La seconda era l’esclusione, o per meglio dire l’eliminazione, di tutte le squadre di calcio italiane dalle Coppe europee dopo la sconfitta in semifinale dell’ultima rimasta in gara, la Lazio. Non accadeva da 13 anni, durante i quali anzi almeno un club italiano aveva sempre vinto una coppa o era giunto alla finale. Fra i molti commenti che specialmente la prima notizia ha suscitato, ad opera non solo di critici cinematografici ma di intellettuali nazionali, profeti culturali e opinionisti a gettone (in genere gli stessi che un anno fa esultavano per gli Oscar Benigni al cinema italiano e che in questo caso si sono dedicati all’altro “sport” nazionale dopo il correre in soccorso al vincitore, e cioè infierire sullo sconfitto) mi è sembrato particolarmente condivisibile quello del critico cinematografico del “Corriere della Sera” Giorgio Tosatti, che ho visto qualche volta come ospite, col suo faccione rotondo e bonario (evidentemente deve essere tifoso di qualche squadra) in una trasmissione televisiva chiamata “La domenica sportiva”.

Già il titolo del suo articolo, comparso sul “Corriere” del 21 aprile, contiene una raffinata citazione cinematografica: “Errori di gestione e poca cultura ma l’Italia non è all’anno zero”. Per chi non lo avesse letto, ne riporto ampi stralci, permettendomi solo di inserire fra parentesi, di tanto in tanto, qualche breve nota o spiegazione per chiarire alcuni passaggi o decifrare un linguaggio a volte un po’ oscuro e specialistico.

“Perso il primo posto nella classifica Uefa dopo molte stagioni di assoluto predominio. Ora la Spagna [riferimento all’Oscar al film di Almodovar] ci supera di parecchio”…

“Ci sono cause naturali (una grande generazione tramonta, la successiva è mediocre) e difetti di varia natura: 1) Errori di gestione. Troppa fretta nel montare e smontare le squadre [il purista Tosatti non usa il francesismo “troupe”], nel giudicare tecnici ed atleti [citazione da Majakovskij: “il cinema è un atleta…”]. L’assillo del risultato: non si lavora per il domani ma solo per oggi. Così è difficile costruire. Si pagano troppo giocatori normali: si buttano via talenti che sarebbero utili [seguono esempi con nomi di registi o attori che francamente non conosco, Helguera, Reiziger, Carboni, Bogarde, ma non era morto?]

2) Errori di cultura. Abbiamo abbandonato le caratteristiche del calcio latino (tecnica, rapidità, fantasia, astuzia) per emulare quello dell’Europa [qui c’è un lapsus, certo voleva dire America] centro-settentrionale basato sull’atletismo, lo scontro fisico, il pressing esasperato. Delitto perpetrato anche nei vivai dove si allevano soldatini robotizzati. L’invasione degli stranieri contribuisce a questa perdita culturale della nostra identità, tanto più che molti assemblano gente di tanti paesi diversi … “

“3) Difetti strutturali. Abbiamo un campionato di B [il cinema?] assistito economicamente dalla serie A [la televisione?] e una C [il cinema indipendente?] priva di risorse e di logica funzionale. Dovrebbe essere riservata ai giovani, con al massimo due o tre fuori-quota, in modo da dare uno sbocco al vivaio. La stessa B dovrebbe essere strutturata in due gironi con tetti d’ingaggio, costi minori, più derby, recupero di centri importanti ed un numero obbligatorio di giovani. Una cifra delle entrate nazionali dovrebbe essere riservata a chi alleva i giovani. Detto questo non vorrei si esagerasse nel flagellarci. Appena un anno fa vincemmo due Coppe su tre…”

L’articolo di Tosatti continua con ardite metafore, oltre al vezzo già visto di scrivere calcio al posto di cinema, e con un gergo tecnico che trovo davvero un po’ criptico per un quotidiano. Certo la sua ottima conoscenza di trame di film che non tutti hanno visto (“In fondo senza una papera colossale del suo portiere la Dinamo Kiev avrebbe eliminato il Real e se il gol di Rui Costa non fosse stato ingiustamente annullato la Fiorentina avrebbe messo fuori il Valencia. La Lazio, suicidatasi all’andata…” : ma è una commedia o un melodramma?) e di autori minori e “sommersi” (“era meglio tenere Andersson che prendere Ravanelli”) rende il suo discorso a tratti un po’ troppo specialistico e a volte incomprensibile. Ma nelle sue parti teoriche l’analisi mi sembra sensata e centrata. Chissà se il critico sportivo del suo giornale, che mi pare si chiami Boksic, o forse Kezich, ci saprà dare una analoga lettura della crisi del calcio italiano?

Commenti

Non ci sono ancora commenti

Lascia un commento

Fucine Mute newsletter

Resta aggiornato! Inserisci la tua e-mail:


Leggi la rubrica: Viator in fabula

Articoli recenti

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato (1971) tra i film della Biblioteca del Congresso

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato...

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Blanca: intrattenimento sì, sensibilizzazione no

Bawrut: In the Middle

Bawrut: Bawrut: In the Middle

Dopo Padovaland

Miguel Vila: Dopo Padovaland

Fumetti vendicativi

Vincenzo Filosa: Fumetti vendicativi

Convergenze tra televisione e fumetto

Gianluca Parisi e Simone Delladio: Convergenze tra televisione e fumetto

Segnali positivi

Amos Pons: Segnali positivi

Sine Requie diventa maggiorenne

Matteo Cortini: Sine Requie diventa maggiorenne

Lucca Comics & Games ai tempi del Coronavirus

Lucca Comics & Games ai tempi del...

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Warning (Trieste Science + Fiction 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science + Fiction Festival 2021)

Dorothy non deve morire (Trieste Science +...

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

Witch Hunt (Trieste Science+Fiction Festival 2021)

On Drums: la nascita del drum set e lo sviluppo del groove

On Drums: la nascita del drum set...

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Guida all’ascolto: le strutture musicali

Bula (Torino Underground Cinefest)

Bula (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Amigo (Torino Underground Cinefest)

Denkraum: una favola distopica

Denkraum: una favola distopica

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

Bellissime: il sogno delle madri genera mostri

L’anti-famiglia The Smiths

L’anti-famiglia The Smiths

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo + Giulietta, Pet Sematary

Frammenti di tre making of: Nightmare, Romeo...

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (III): New York Movie

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Musica indipendente o alternativa?

Musica indipendente o alternativa?

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (II): The Sheridan Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Il canto degli italiani

Il canto degli italiani

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper (I): The Circle Theatre

Il cinema nei dipinti di Edward Hopper...

Casomai un’immagine

sir-03 th-08 th-21 10 11_pm 19_pm kubrick-49 petkovsek_16 petkovsek_22 bon_sculture_04 mccarroll02 acau-gal-13 16 bav-05 bra-big-04 cas-12 fanny ferita2 oktana1 lor-2-big lor-8-big cor04 s7 pm-41 murphy-25 galleria17 33 Le malelingue, 2003 Carol Rama Profilo 2007 the-afghan-whigs-1
Privacy Policy Cookie Policy